Red Bull in vetta, Mercedes si avvicina e Ferrari risale la china

Le libere in Bahrain confermano la supremazia Red Bull vista nei test colletivi: Verstappen è stato il più consistente tanto al mattino che al pomeriggio, ma Hamilton non è lontano con una Mercedes che viaggia ancora sotto al suo ritmo. Il potenziale della power unit di Brixworth l'ha mostrato Norris con la McLaren seconda. Bene la Ferrari nel giro secco, mentre la SF21 è rivedibile nel passo gara. Nella Scuderia sono fiduciosi di essere sulla strada giusta.

Red Bull in vetta, Mercedes si avvicina e Ferrari risale la china

Max Verstappen fa il Lewis Hamilton: leader nelle due sessioni di prove libere e nella simulazione di gara. Sono questi i verdetti emersi dalla prima giornata di attività in pista del Mondiale 2021 e non si può parlare di un exploit a sorpresa, perché di fatto sono stati confermati i riscontri emersi dalle prove pre-campionato svolte due settimane fa sempre a Sakhir.

Se i riscontri dei test sono sempre da prendere con le pinze, quelli delle prove libere del primo weekend di gara iniziano ad avvicinarsi di più ai valori in campo, che emergeranno definitivamente domani e domenica.

Verstappen e la Red Bull si candidano a fare bottino pieno nella prima tappa del calendario 2021, e dati alla mano, non potrebbe essere altrimenti.
“Ci sono ancora un po' di cose da esaminare – ha commentato Max al termine della giornata di Sakhir – ma tutto è andato bene. Ho un buon feeling con la monoposto, anche in condizioni diverse rispetto a quelle che abbiamo avuto nei test, nel complesso sono contento, ma aspettiamo domani. Temo un po' il vento, e poi la Mercedes resta la vettura con il motore più potente”.

Nel box Red Bull non si sbilanciano, e fanno bene. Perché se è inconfutabile che Verstappen sia in questo momento davanti a tutti, è altrettanto innegabile che rispetto a due settimane fa la Mercedes abbia fatto un passo avanti. Sia Bottas che Hamilton hanno pasticciato un po' nelle simulazioni di qualifica, ma nel suo long-run Lewis si è confermato sul passo di Verstappen, stessa gomme (media) e andatura molto simile: 1’37”548 per Hamilton sulla distanza di nove giri, 1’37”507 per l’olandese della Red Bull.

“Rispetto ai test è stato fatto un bel passo avanti”, ha commentato Bottas, protagonista di un piccolo giallo nelle fasi finali della sessione FP2 quando si è aperto via-radio con il suo ingegnere. “La macchina è inguidabile”, ha tuonato il finlandese, roba da Kevin Magnussen ai tempi della Haas, ma a fine sessione è stato lo stesso Toto Wolff a ridimensionare un po' l’accaduto. “L’abbiamo lasciato troppo tempo in pista per la simulazione di gara – ha poi chiarito Toto Wolff – e le sue gomme erano praticamente finite”.

“Se la monoposto è stabile, allora le gomme si gestiscono al meglio – ha spiegato Lewis – è tutto lì, ma non sappiamo ancora quali saranno i valori in campo. Poi c’è anche la questione ‘vento’, altra variabile con la quale potremmo dover fare i conti”.

Sakhir non è Monte Carlo, e Hamilton sa bene che scattare in seconda o terza posizione non è da considerare una tragedia in ottica gara, a patto però di avere a disposizione una monoposto equilibrata. Sia in FP1 che in FP2 in Mercedes hanno lavorato molto sul carico aerodinamico, partendo da una base maggiore rispetto ad altre squadre, come confermano le velocità massime non eccezionali.
“Stanno dando tutti il massimo – ha confermato Lewis – questo gruppo di lavoro è straordinario”.

Tra Verstappen e Hamilton nella classifica di giornata c’è però un ‘intruso’, ovvero Lando Norris. Sorpresa? Si, ma non casuale, perché la McLaren (soprattutto sul giro veloce) si è confermata in ottima forma in tutte le simulazioni completate, candidandosi ad un sabato da protagonista.

Con la zampata perfetta potrebbe arrivare una seconda fila, ma non è poi così certo che il team (visto il potenziale) firmerebbe per quarto posto.

Diversa la situazione in Aston Martin (“Molto lavoro da fare”, ha riassunto Vettel) e Alpine (giornata ‘no’), mentre l’Alpha Tauri inizia a non essere più un exploit, ma una realtà che si candida alla festa delle squadre alle spalle di Mercedes e Red Bull.

In questo quadro c’è ovviamente anche la Ferrari, che ha completato il primo giorno di Sakhir con indicazioni positive. È mancato l’acuto di Charles Leclerc nella simulazione di qualifica di FP2 (il monegasco ha commesso un errore) ma Carlos Sainz ha difeso l’onore della SF21 ottenendo un quarto posto a meno di tre decimi da Verstappen.

Meno brillate si è confermata la simulazione di gara, contesto in cui la SF21 ha mostrato un degrado non indifferente degli pneumatici. “Siamo sorpresi in positivo”, ha commentato Leclerc, sottolineando che la tavola sembra apparecchiata nel modo corretto. La prima risposta arriverà domani, nella serata di Sakhir, ma a naso, a pelle, sembra una Ferrari da risalita. Quanto ripida? Per questa risposta bisognerà attendere ancora un po'.

condivisioni
commenti
Aston Martin: quello scasso per creare la minigonna
Articolo precedente

Aston Martin: quello scasso per creare la minigonna

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: le Prove Libere del venerdì in Bahrain

Fotogallery F1: le Prove Libere del venerdì in Bahrain
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021