Red Bull ha perso la supremazia tecnica, Max farà la differenza?

A Silverstone tutta l'attenzione si è concentrata sull'incidente alla curva Copse, ma il grande cambiamento introdotto dalla Mercedes è stato il pacchetto aerodinamico che ha equilibrato la W12. La differenza non si è vista tanto in Gran Bretagna, quanto in Ungheria, su una pista che doveva essere favorevole alla RB16B. In Red Bull hanno scaricato le ali e hanno scelto le gomme soft per mandare all'attacco Verstappen e giocarsi tutto in partenza. Con quale target?

Red Bull ha perso la supremazia tecnica, Max farà la differenza?

La Red Bull è consapevole di aver perso la supremazia tecnica che ha mantenuta fino al GP di Gran Bretagna. La squadra di Milton Keynes è stata presa in contropiede dalla Mercedes: quel “Pinocchio” di Toto Wolff aveva assicurato che il pacchetto di novità che si sarebbe visto a Silverstone era poca roba, certamente non determinante per chiudere il gap sulla RB16B che aveva maramaldeggiato negli ultimi cinque GP.

Non era vero, perché le modifiche introdotte in GB hanno reso la W12 equilibrata, come se con l’eliminazione del fondo con le onde, la freccia nera abbia trovato il giusto carico aerodinamico dal corpo vettura che gli ha permesso di ridurre la resistenza all’avanzamento data da alettoni troppo carichi.

Poteva sembrare una mossa per sparigliare le carte a Silverstone, ma le novità hanno funzionato soprattutto in Ungheria, su una pista lenta che, sulla carta, avrebbe dovuto favorire la Red Bull. Vedere due frecce nere in prima fila all’Hungaroring ha spazzato via tutte le certezze di Christian Horner e dei suoi uomini.

Il team di Milton Keynes ha accusato il contraccolpo della mancata revisione del risultato inglese e nel weekend magiaro non ha fatto altro che avvalorare la tesi che si è solo all’inizio di una guerra, mentre Toto Wolff andava profetizzando un abbassamento dei toni.

La strategia della… tensione non ha giocato a favore di Max Verstappen che ieri in conferenza stampa ha apostrofato i giornalisti perché continuavano a porgli domande sul crash con Lewis, mostrando un fianco scoperto.

Il leader del mondiale dovrebbe essere consapevole della sua forza e, invece, è sembrato essere diventato la vittima inconsapevole della sua squadra. Max, il ragazzo che non ha paura di niente e nessuno, è sbottato mentre sull’altra sedia Hamilton sogghignava sornione.

L’epta campione non deve fare niente: gli basta stare a guardare gli eventi, perché a tutto il resto ci pensano in Red Bull. Il ragazzo andrebbe rassicurato e, invece, le certezze che aveva in mano fino all’Austria stanno venendo meno una alla volta. Verstappen sotto alla sua aria da duro mostra un nervosismo malcelato che può diventare debolezza. Tanto da spingerlo a un fallo di reazione che potrebbe ritorcersi contro?

La squadra ha scaricato le ali su una pista dove serve molto carico, ma il risultato che ne è emerso dall’analisi delle telemetrie è che la grande differenza fra la RB16B e la W12 si è concretizzata nel tratto centrale della pista: se nel T1 Max ha pagato 75 millesimi e nel T3 altri 33, è nel pezzo dove la macchina doveva danzare fra una curva e l’altra che ha totalizzato un distacco di 123 millesimi.

Proprio laddove avrebbe dovuto fare la differenza le ha buscate. Ma ala scarica e gomme soft esprimono la volontà di giocarsi il tutto e per tutto in partenza, contando sul maggiore grip delle gomme rosse allo spegnersi dei semafori. Ma è fondata la speranza di andare a superare le due Mercedes che possono attuare un gioco di squadra o il tentativo è di arrivare vicino alle ruote della W1 numero 44.

È come se in Red Bull stessero mettendo in mano a Vestappen una pistola già con il grilletto tirato, perché la comparazione dei dati telemetrici lascia ben poche speranze a Max: la vettura è inferiore alla Mercedes. Nei picchi di velocità la power unit Mercedes ha fatto di nuovo la differenza, senza che i motoristi di Brixworth abbiano dovuto tirare il collo al 6 cilindri turbo per il gran caldo che ha toccato i 60 gradi sull’asfalto.

E anche nelle percorrenze più lente sono poche le curve nelle quali la RB16B è parsa sfruttare quel carico sensazionale che il corpo vettura è sempre stato in grado di produrre. Cosa sta succedendo? Forse l’enfasi che è stata data all’incidente alla curva Copse ha tolto l’attenzione dal sorpasso tecnico che Silverstone ha sancito. In F1 i valori possono cambiare molto in fretta, più rapidamente di quanto si pensi. Nel momento in cui la Red Bull pensava di dare il colpo del ko alla Mercedes, sta subendo la reazione della squadra campione del mondo che si è raccolta intorno a Lewis.

E Max sembra di nuovo costretto a lottare da solo con il suo talento contro un avversario che sembra inscalfibile dalle avversità e impermeabile a qualsiasi accusa o polemica. Toccherà proprio all’olandese mantenere il sangue freddo e non cadere nella grande tentazione…

condivisioni
commenti
Ferrari delusa, perché il risultato non rappresenta il vero valore

Articolo precedente

Ferrari delusa, perché il risultato non rappresenta il vero valore

Prossimo Articolo

Segreto Ferrari: sotto al muso della SF21 c'è un doppio cape!

Segreto Ferrari: sotto al muso della SF21 c'è un doppio cape!
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021