Racing Point: si proclama terza forza, meglio della Ferrari

La squadra di Silverstone sembra aver risolto i problemi del GP d'Austria: ha portato i due piloti a ridosso di Bottas alla fine delle prove libere rivelando un potenziale che li mette subito dietro a Mercedes e Red Bull.

Racing Point: si proclama terza forza, meglio della Ferrari

Nella giornata di ieri tutti i team hanno lavorato sui problemi emersi nel weekend del Gran Premio d’Austria, e in modo più e meno efficace si sono registrati dei passi avanti.

A colpire particolarmente è stata la Racing Point, che ha occupato la seconda fila al termine della sessione FP2. Soprattutto Sergio Perez ha confermato i progressi della Mercedes rosa, concludendo la sessione a due decisimi dal leader Verstappen, ma ottenendo il suo tempo molto prima della Red Bull e di Valtteri Bottas, secondo dietro Max.

Quanto sia temibile la Racing Point emerge dagli intertempi, con Perez confermatosi nella top-3 in tutti i settori a conferma di un equilibrio generale migliorato rispetto ad una settimana fa.

Non c’è da sorprendersi, visto che lo stesso Perez dopo la gara di domenica scorsa aveva parlato di un potenziale ancora non sfruttato appieno.
“Siamo la terza forza – ha commentato il team principal Otmar Szafnauer – dobbiamo evitare errori strategici come quello commesso la scorsa domenica, e vedrete che ci confermeremo subito dietro Mercedes e Red Bull. Siamo più veloci di McLaren, Renault, Ferrari ed anche di Albon, ma potremmo migliorare ancora”.

“Dobbiamo imparare a conoscere la nostra monoposto – ha commentato Perez – capire come lavorare sul setup e esplorare le aree in cui ottimizzare la performance”.

La RP20 sotto certi aspetti è ancora un oggetto misterioso per la squadra, e sessione dopo sessione gli ingegneri iniziano a familiarizzare con la monoposto.

Il gap accusato nella simulazione di qualifica è stato confermato anche nei long-run, con poco meno di due decimi dalle Mercedes e poco più da Red Bull. Perez ha confermato ottimi intertempi nel terzo settore, portando molta velocità in uscita di curva 10, una dote che potrebbe essere di grande aiuto in gara.

A complicare i piani della Racing Point potrebbe essere la pioggia, visto che sia al team che ai piloti mancano riferimenti su pista bagnata.
“Dovremo improvvisare sperando di trovare subito la soluzione corretta – ha confermato Szafnauer – ma il potenziale per far bene c’è”.

Non è una sparata del team principal, perché anche i bookmakers danno Perez come quarto nella classifica dei favoriti alla pole position e alla vittoria di domenica, dietro Hamilton, Bottas e Verstappen.

condivisioni
commenti
Calendario F1: per Imola si accende una speranza

Articolo precedente

Calendario F1: per Imola si accende una speranza

Prossimo Articolo

McLaren: c'è un deflettore sul fondo in stile Ferrari

McLaren: c'è un deflettore sul fondo in stile Ferrari
Carica commenti
Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021