Racing Point: si proclama terza forza, meglio della Ferrari

La squadra di Silverstone sembra aver risolto i problemi del GP d'Austria: ha portato i due piloti a ridosso di Bottas alla fine delle prove libere rivelando un potenziale che li mette subito dietro a Mercedes e Red Bull.

Racing Point: si proclama terza forza, meglio della Ferrari

Nella giornata di ieri tutti i team hanno lavorato sui problemi emersi nel weekend del Gran Premio d’Austria, e in modo più e meno efficace si sono registrati dei passi avanti.

A colpire particolarmente è stata la Racing Point, che ha occupato la seconda fila al termine della sessione FP2. Soprattutto Sergio Perez ha confermato i progressi della Mercedes rosa, concludendo la sessione a due decisimi dal leader Verstappen, ma ottenendo il suo tempo molto prima della Red Bull e di Valtteri Bottas, secondo dietro Max.

Quanto sia temibile la Racing Point emerge dagli intertempi, con Perez confermatosi nella top-3 in tutti i settori a conferma di un equilibrio generale migliorato rispetto ad una settimana fa.

Non c’è da sorprendersi, visto che lo stesso Perez dopo la gara di domenica scorsa aveva parlato di un potenziale ancora non sfruttato appieno.
“Siamo la terza forza – ha commentato il team principal Otmar Szafnauer – dobbiamo evitare errori strategici come quello commesso la scorsa domenica, e vedrete che ci confermeremo subito dietro Mercedes e Red Bull. Siamo più veloci di McLaren, Renault, Ferrari ed anche di Albon, ma potremmo migliorare ancora”.

“Dobbiamo imparare a conoscere la nostra monoposto – ha commentato Perez – capire come lavorare sul setup e esplorare le aree in cui ottimizzare la performance”.

La RP20 sotto certi aspetti è ancora un oggetto misterioso per la squadra, e sessione dopo sessione gli ingegneri iniziano a familiarizzare con la monoposto.

Il gap accusato nella simulazione di qualifica è stato confermato anche nei long-run, con poco meno di due decimi dalle Mercedes e poco più da Red Bull. Perez ha confermato ottimi intertempi nel terzo settore, portando molta velocità in uscita di curva 10, una dote che potrebbe essere di grande aiuto in gara.

A complicare i piani della Racing Point potrebbe essere la pioggia, visto che sia al team che ai piloti mancano riferimenti su pista bagnata.
“Dovremo improvvisare sperando di trovare subito la soluzione corretta – ha confermato Szafnauer – ma il potenziale per far bene c’è”.

Non è una sparata del team principal, perché anche i bookmakers danno Perez come quarto nella classifica dei favoriti alla pole position e alla vittoria di domenica, dietro Hamilton, Bottas e Verstappen.

condivisioni
commenti
Calendario F1: per Imola si accende una speranza

Articolo precedente

Calendario F1: per Imola si accende una speranza

Prossimo Articolo

McLaren: c'è un deflettore sul fondo in stile Ferrari

McLaren: c'è un deflettore sul fondo in stile Ferrari
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021