F1: Racing Point conferma l'appello contro la penalità ricevuta

Racing Point si appellerà contro la sentenza emessa pochi giorni fa e contro le penalità inflitte cercando di presentare una documentazione alla Corte d'Appello della FIA che possa permetterle di essere scagionata.

F1: Racing Point conferma l'appello contro la penalità ricevuta

Racing Point regala una notizia... che non fa notizia. Questo pomeriggio il team di Silverstone ha ufficializzato l'intenzione di voler procedere con l'appello nei confronti della penalità ricevuta pochi giorni fa riguardo al caso legato ai brake duct della RP20, che sarebbero stati copiati dalle Mercedes W10.

Questa azione da parte della Racing Point era inevitabile, un appello atteso, specialmente dopo gli sfoghi a mezzo stampa da parte del boss del team Lawrence Stroll, il quale non riusciva - e non riesce tutt'ora - a capacitarsi della penalità ricevuta.

A tal proposito, ricordiamo che la Racing Point - qualora la Corte d'Appello della FIA non modificasse la sentenza emessa nel grado precedente - sarà costretta a pagare una maxi multa di 400.000 euro, senza contare i 15 punti persi nel Mondiale Costruttori 2020 che, al momento, sembrano davvero la parte più insignificante della punizione ricevuta.

Racing Point ha così usufruito delle 96 ore previste dal regolamento per presentare formalmente l'appello, ritenendo di aver fatto tutto entro le regole imposte dal regolamento sportivo della Formula 1. Ora il team dovrà raccogliere e fornire le prove che possano servire alla Corte per giudicare ed, eventualmente, cambiare la sentenza.

Intanto Ferrari e Renault hanno confermato il loro appello contro la sentenza emessa pochi giorni fa nei confronti della Racing Point, ritenendola non adeguata all'infrazione commessa. Bisogna inoltre sottolineare come la Ferrari non abbia certo intenzione di puntare il dito contro il team di Silverstone, bensì cercare di coinvolgere la Mercedes come colei che si è fatta carico di passare i progetti al team a cui fornisce i motori.

A proposito di team clienti, non è un caso che nelle ultime ore sia McLaren che Williams abbiano rinunciato a fare appello. Entrambi i team, in un primo momento, si erano dichiarati intenzionati a farlo, ma poi entrambi hanno cambiato direzione politica in poco tempo. Strano? No di certo. Il team di Woking tornerà ad essere fornito dalla Mercedes per ciò che riguarda le power unit a partire dal 2021, mentre Williams ha già i motori Mercedes, ma anche George Russell, il cui cartellino è nelle mani di Toto Wolff, boss di Mercedes Motorsport.

Anche per questi motivi, le due compagini britanniche hanno preferito tirarsi indietro. Rimangono così gli appelli di Ferrari e Renault, con il team di Cyril Abiteboul che invece è sempre stato assai critico nei confronti delle "Mercedes Rosa" sin dalla prima sessione di test invernali di Barcellona svolta a fine febbraio.

condivisioni
commenti
Ferrari: nuovo telaio per Vettel a Barcellona
Articolo precedente

Ferrari: nuovo telaio per Vettel a Barcellona

Prossimo Articolo

F1 2021: la FIA vorrebbere vietare la mappa da qualifica!

F1 2021: la FIA vorrebbere vietare la mappa da qualifica!
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021