Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

F1 | Problemi GPS causati da errore nel sistema di gestione gomme

Un problema nella distribuzione delle informazioni in tempo reale sugli pneumatici di Formula 1 ha innescato il problema del GPS per le squadre che ha portato alla sospensione delle FP1 del Gran Premio d'Australia 2023.

Valtteri Bottas, Alfa Romeo C43

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

La sessione di prove inaugurale di un'ora all'Albert Park è stata interrotta dopo 40 minuti, quando è emerso che i team non riuscivano a tracciare le vetture sul circuito e di conseguenza, si sono verificati diversi incidenti.

La FIA ha quindi deciso di interrompere la sessione per nove minuti per indagare sul problema.

È apparso subito evidente che la mancanza di tracciamento GPS in tempo reale stava creando il principale problema di sicurezza, con i piloti ignari delle auto che apparivano dietro di loro ad alta velocità o che procedevano lentamente davanti a loro. Questo perché i team avevano perso la capacità di osservare cosa stessero facendo i rivali in quella fase, non potendo così fornire informazioni ai piloti, come avviene normalmente durante le sessioni di prove e qualifiche.

Ma Motorsport.com ha appreso che la causa principale del problema non è stato un guasto al sistema GPS utilizzato dalla F1, che è rimasto attivo per i sistemi di monitoraggio della FIA nel controllo di gara.

Si è invece verificato un guasto a un server della FIA che gestisce i dati sui pneumatici e distribuisce tali informazioni ai sistemi di cronometraggio in diretta e in grafica televisiva.

Una volta risolto il problema alla radice, la FIA ha potuto riavviare le FP1, che alla fine hanno visto concludere in testa Max Verstappen con la Red Bull.

Discutendo della situazione dopo la sessione FP2 bagnata di venerdì, diversi piloti hanno concordato con la decisione della FIA di interrompere le FP1 a causa della mancanza di dati GPS per i team.

"È un po' complicato, ovviamente", ha detto Valtteri Bottas dell'Alfa Romeo.

"Dipende dalla pista, ma quando c'è molto traffico e metà dello schieramento è in un giro veloce e metà in un giro lento, allora è un po' cieco. Quindi, credo che sia un po' una questione di sicurezza".

"Penso che sarebbe gestibile [senza che le squadre dispongano di informazioni sul posizionamento GPS], ma c'è un fattore di rischio in più: che qualcuno proceda lentamente in una curva cieca e che qualcuno arrivi a tavoletta senza informazioni".

Nyck de Vries, AlphaTauri AT04

Nyck de Vries, AlphaTauri AT04

Foto di: Lionel Ng / Motorsport Images

Nyck de Vries ha detto di ritenere che sia stato "abbastanza saggio da parte loro [della FIA] esporre la bandiera rossa perché le velocità sono elevate e tutti erano così fuori sincrono. E poi la visibilità è scarsa", ha aggiunto l'olandese.

"E quando ti affidi sempre alla squadra e al tuo ingegnere per informarti sulle lacune e poi improvvisamente non sono in grado di informarti, puoi trovarti in una situazione difficile, come abbiamo visto".

"Non c'è molto spazio [all'Albert Park], è relativamente stretto e la pista è sempre quasi una curva continua, quindi anche negli specchietti è piuttosto cieca.

"Non ci sono molti rettilinei lunghi, se così si può dire, tranne che alla curva 1".

"Poi credo che la natura degli pneumatici, che continuano a migliorare, faccia sì che le persone interrompano, continuino e si trovino poi fuori sincrono e con piani di corsa diversi, per poi imbattersi nel traffico".

A quanto risulta a Motorsport.com, un guasto alle luci di partenza della F1 durante la seconda gara Supercars della settimana a Melbourne dopo le FP1 non era legato al problema che ha impedito ai dati GPS di raggiungere i team di F1.

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Fotogallery F1 | La pioggia protagonista delle Libere d'Australia
Prossimo Articolo F1 | Australia ‘93, la chiusura del cerchio tra Senna e Prost

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia