Pirelli: iniziano domani i test in laboratorio sulle gomme bucate

I quattro pneumatici di Bottas, Norris, Russell e Latifi che si sono bucati durante il GP del Qatar domani saranno sottoposti alle prove di laboratorio per determinare le cause che hanno portato alle forature e lunedì quasi sicuramente si conosceranno gli esiti del lavoro Pirelli. Grandi indizionati sono i cordoli con lo spigolo nel bordo esterno che possono aver provocato dei tagli sugli pneumatici.

Pirelli: iniziano domani i test in laboratorio sulle gomme bucate

Le gomme forate durante il GP del Qatar arriveranno oggi a Milano e domani lo staff della Pirelli potrà iniziare i test in laboratorio per identificare le cause che hanno ne hanno determinato il cedimento. A Losail sono stati quattro i piloti ad aver accusato dei problemi: Valtteri Bottas (Mercedes), Lando Norris (McLaren) e i due della Williams George Russell e Nicholas Latifi.

Il fornitore unico aveva “consigliato” le due soste per l’elevata usura degli pneumatici riscontrati sulla pista del Qatar che faceva il suo debutto nel mondiale di F1 e, sebbene, qualcuno abbia provato a concludere la corsa di domenica scorsa con un solo pit stop, non c’era un allarme gomme.

In attesa che la Pirelli possa effettuare le prove di laboratorio alla Bicocca che daranno delle risposte alle domande, l’attenzione dei team e del gommista si è concentrata sui cordoli del Qatar, riscontrando che si sono verificati problemi simili a quelli che si erano visti al Red Bull Ring, altra pista configurata con cordoli che fossero adatti alla MotoGP.

I piloti, specie nelle prove libere, hanno abusato dei cordoli bassi del Qatar rovinando scocche, ali anteriori e barge board. Poi hanno preso le misure alla pista per evitare danni importanti, ma non hanno rinunciato ad allargare le traiettorie per sfruttare un minore angolo di sterzo e una maggiore velocità.

Da una prima indagine visiva sulle gomme forate sarebbero emersi dei tagli che, insieme all’usura degli pneumatici, possono aver causato i problemi che hanno colpito le quattro monoposto: lo spigolo esterno del cordolo quando viene oltrepassato può provocare dei tali in prossimità della spalla nel momento in cui la monoposto scende dal “gradino”.

Pirelli vuole arrivare in fondo alla questione anche se, questa volta, nessuna squadra ha posto l’indice contro il fornitore unico, ma sulla conformazione dei cordoli. Probabilmente lunedì prossimo conosceremo l’esito delle analisi e sapremo con precisione cosa è accaduto a Losail.

condivisioni
commenti
F1 | Alfa Romeo: Kubica e Orlen confermati anche per il 2022
Articolo precedente

F1 | Alfa Romeo: Kubica e Orlen confermati anche per il 2022

Prossimo Articolo

Shovlin: "In Mercedes siamo pronti a vincere gli ultimi due GP"

Shovlin: "In Mercedes siamo pronti a vincere gli ultimi due GP"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Formula 1
8 dic 2021
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021