F1 | Pirelli 2023, gomma anteriore robusta: ridurrà il sottosterzo

Grazie ai riferimenti presi con le vetture 2022, Pirelli sarà in grado di realizzare una gomma anteriore più robusta per diminuire il sottosterzo e venire incontro alle richieste dei piloti.

F1 | Pirelli 2023, gomma anteriore robusta: ridurrà il sottosterzo
Carica lettore audio

La Formula 1 non è ancora giunta al giro di boa della stagione 2022, eppure ha già iniziato a pianificare elementi importanti per la prossima stagione. Stiamo parlando di Pirelli, che in vista del 2023 ha in mente di introdurre uno pneumatico anteriore più robusto per ridurre il sottosterzo.

La nuova generazione di monoposto a effetto suolo ha segnato una svolta nella concezione aerodinamica rispetto a quella precedente. le caratteristiche sono molto diverse, senza contare che anche le gomme in sé hanno presentato un cambiamento epocale, ovvero il passaggio dai cerchi da 13" a quelli da 18".

Una delle conseguenze di questi cambiamenti, unito all'aumento di peso dovuto ai dispositivi di sicurezza aggiuntivi, è la maggior propensione al sottosterzo, soprattutto quando le monoposto procedono a bassa velocità.

Questo è un aspetto che non piace proprio a tutti i piloti, in particolare al campione del mondo in carica Max Verstappen. L'olandese ha ammesso a più riprese di preferire una monoposto con l'avantreno più preciso.

 

Pirelli, fornitrice unica di pneumatici della F1, è consapevole delle caratteristiche delle attuali monoposto nel pacchetto in cui stanno correndo. Per questo motivo sta lavorando a uno pneumatico più anteriore molto più robusto dell'attuale che aiuterà a bilanciare meglio le vetture.

"abbiamo già in mente qualche miglioramento per il prossimo anno", ha spiegato Mario Isola, responsabile car racing di Pirelli. "L'anno scorso non abbiamo avuto l'opportunità di testare le nuove gomme sulle monoposto attuali, ma con muletti, ed erano leggermente diversi".

"Ora abbiamo un'idea più precisa su cosa fare con i pneumatici per il prossimo anno. Vogliamo migliorare l'anteriore, soprattutto perché abbiamo un pneumatico posteriore molto forte, che genera un po' di sottosterzo a bassa velocità".

I muletti utilizzati nel 2021 per preparare le gomme attuali erano vetture pensate per comportarsi come le vetture attuali, ma il carico aerodinamico era generato in maniera differente e mascherava la natura sottosterzante delle macchine a effetto suolo".

 

"I muletti utilizzavano il pacchetto aerodinamico del 2021, quindi l'effetto suolo non era così rilevante. Quello che sappiamo delle vetture attuali è che generano molta più deportanza ad alta velocità e meno a bassa velocità. E il bilanciamento è leggermente diverso".

"Quando abbiamo progettato le gomme attuali, l'anno scorso, abbiamo preso i riferimenti sui muletti e chiaramente erano più orientate al sottosterzo. Il peso non aiuta ma era necessario averlo".

"I muletti avevano lo stesso peso delle vetture attuali, perché avevamo chiesto ai team di mettere della zavorra e ottenere lo stesso peso e lo stesso bilanciamento dei pesi. Ma il pacchetto aerodinamico era semplicemente differente dalle monoposto attuali. Questa è la differenza principale rispetto alle monoposto che sono in uso oggi ed è questo che, probabilmente, genera sottosterzo".

"La maggior parte del sottosterzo è dovuto al pacchetto aerodinamico. Ma possiamo reagire progettando per il prossimo anno uno pneumatico anteriore leggermente diverso per bilanciare la vettura e lo stiamo provando ora con le vetture attuali", ha concluso Isola.

Leggi anche:
condivisioni
commenti
F1 | Alpine: l'ambizione è sfidare Mercedes a Silverstone
Articolo precedente

F1 | Alpine: l'ambizione è sfidare Mercedes a Silverstone

Prossimo Articolo

F1 | Carburanti ecosostenibili dal 2026 ed impatto zero dal 2030

F1 | Carburanti ecosostenibili dal 2026 ed impatto zero dal 2030