F1 | Petronas scommette sull'e-fuel e prosegue con Mercedes

La Mercedes ha ufficializzato oggi a Kuala Lumpur il prolungamento dell'accordo di collaborazione con la Petronas dal 2026 in poi. Il petroliere malese diventerà partner nello studio e forniturà del carburante sintetico a zero fossili che la F1 adotterà sulle nuove power unit fra quattro anni, lanciando un piano per la diffusione di questa benzina anche al di fuori delle corse.

F1 | Petronas scommette sull'e-fuel e prosegue con Mercedes
Carica lettore audio

Toto Wolff e i due piloti della Mercedes, Lewis Hamilton e George Russell, sono a Kuala Lumpur in transito per andare a Singapore prossimo teatro del mondiale di F1. Nelle Petronas Towers è stato ufficializzato oggi il rinnovo della partnership tecnica fra il marchio della Stella e il petroliere malese verso una collaborazione che diventerò ventennale, visto che l’estensione del contratto va dal 2026 in poi.

Toto Wolff ha voluto spiegare i termini dell’accordo con quello che è anche il main sponsor della Mercedes in F1: "Oggi stiamo facendo qualcosa di un po' insolito, annunciando una nuova partnership che inizierà solo tra quattro anni. Per noi è un messaggio importante: il nostro team e Petronas non sono più solo partner, ma ormai siamo una famiglia e saremo una squadra per molti altri anni a venire".

Toto Wolff con Stefano Domenicali e Ben Sulayem

Toto Wolff con Stefano Domenicali e Ben Sulayem

Photo by: Steve Etherington / Motorsport Images

"Dal 2026 l’e-fuel sarà al centro delle prestazioni in F1 e ci offrirà una fantastica opportunità per dimostrare la nostra esperienza in questo campo con la nostra power unit che sfrutterà le Petronas Fluid Technology Solutions. Siamo entusiasti di questa opportunità, con l'ambizione di stabilire ancora una volta uno standard nelle nostre prestazioni in pista, aprendo nel contempo la strada alla transizione verso un futuro a zero emissioni".

Il rapporto con Petronas è attivo dal 2010 con risultati eccezionali: in 13 stagioni sono stati vinti otto mondiali Costruttori e sette piloti, collezionando 115 vittorie in F1.

Lewis Hamilton, Mercedes

Lewis Hamilton, Mercedes

Photo by: Erik Junius

La Casa malese non si limita a fornire la benzina, ma assicura l’olio motore Petronas Syntium e fluidi funzionali Petronas Tutela per il raffreddamento del motore e dell’ERS.

Datuk Tengku Muhammad Taufik, Presidente e Amministratore Delegato di Petronas, ha dichiarato: "La sinergia con Mercedes co permetterà di fornire responsabilmente al team di F1 e ai nostri clienti un'energia più pulita e sostenibile. Data l'esperienza accumulata con Mercedes nell'ultimo decennio e le capacità tecniche e le competenze derivate dai nostri talenti combinati, Petronas non vede l'ora di tracciare il prossimo capitolo con un focus sul carburante sostenibile avanzato per Mercedes e i suoi team clienti”.

Tocca a Datuk Sazali Hamzah, vicepresidente esecutivo e amministratore delegato di Petronas Downstream annunciare che "…ci stiamo attrezzando per produrre e fornire un carburante sostenibile al 100% per i propulsori di prossima generazione".

"Stiamo sviluppando una bioraffineria per fornire un carburante sostenibile per l'aviazione (SAF) come opzione più pulita e praticabile per supportare le esigenze dell'industria aeronautica".

La bioraffineria sarà operativa anche per produrre olio vegetale idrogenato (HVO) per veicoli stradali, treni diesel e trasporti marittimi dando il via a una produzione che andrà a crescere per soddisfare un mercato che andrà rapidamente ad aprirsi.

Toto Wolff così si assicura anche che la Mercedes prosegua la sua attività in F1 nel nuovo ciclo regolamentare della F1 che inizierà nel 2026, mettendo a tacere voci sommesse che parlavano anche della possibilità di uscita dal Circus dopo un ciclo dominante difficilmente ripetibile.

Leggi anche:
condivisioni
commenti
Video | Ceccarelli: "Bagnaia, quando l'istinto prende il sopravvento"
Articolo precedente

Video | Ceccarelli: "Bagnaia, quando l'istinto prende il sopravvento"

Prossimo Articolo

F1 | Simulazione Singapore: serve più trazione che a Monaco

F1 | Simulazione Singapore: serve più trazione che a Monaco