Hembery: "Tanti fattori da considerare a Singapore"

Per le strategie sono fondamentali l'impatto delle possibili safety car ed il gap tra le due mescole di gomme

La Formula 1 assume un aspetto diverso da questo fine settimana: la gara notturna di Singapore rappresenta, infatti, uno degli spettacoli più interessanti della stagione. Sul circuito cittadino di Marina Bay scenderanno in pista i due pneumatici più morbidi della gamma Pirelli, il P Zero Yellow soft e il P Zero Red supersoft.

Sarà interessante vedere come si comportano queste coperture, considerando che l’abbassamento delle temperature durante le ore serali influenzerà l’evoluzione della pista, e quindi il modo in cui vengono sfruttati gli pneumatici.

Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli: "Da quando è entrata in calendario nel 2008, Singapore ha sempre offerto una gara davvero spettacolare che mostra l’essenza della Formula 1: tecnologia più avanzata al mondo sotto i riflettori. Poiché si tratta di un circuito cittadino, abbiamo scelto i due pneumatici più morbidi e veloci della gamma, in grado di offrire il massimo grip meccanico e un rapido warm-up, che sono le due chiavi per il successo su questa pista. Per pianificare la giusta strategia, i team e i piloti devono considerare molti fattori: l’insolita evoluzione della temperatura di pista, il grande divario di prestazioni tra le due mescole, la necessità di risparmiare carburante dovendo percorrere una distanza di gara molto lunga, così come l’elevata probabilità di safety car, che sinora ha caratterizzato ogni gara di Singapore. Considerate tutte queste variabili, a cui si aggiungono elementi urbani quali strisce bianche o tombini (in cui sono incappati alcuni piloti in passato), raccogliere dati il venerdì sarà ancora più importante. In questi giorni stiamo definendo con FIA una procedura più chiara che possa consentire ai team di seguire più facilmente le prescrizioni in materia di utilizzo degli pneumatici. Si tratta di un punto importante per evitare malintesi ed evitare quanto accaduto a Mercedes a Monza".

LE SFIDE PER GLI PNEUMATICI
Singapore presenta il più alto numero di curve di tutto il calendario di Formula Uno (ben 23). Se a ciò si aggiunge un’umidità all’80%, un tempo di gara prossimo alle due ore e il fatto che è il secondo giro più lento dell’anno dopo Monaco (che limita il raffreddamento e il flusso d’aria della vettura), si comprende perché Marina Bay rappresenti il circuito fisicamente più impegnativo per tutti i piloti.

L’elevato numero di curve fa sì che trazione e frenata siano i due aspetti più importanti di questo tracciato. Come per la maggior parte dei circuiti cittadini, la superficie a Singapore è piuttosto irregolare, e questo certamente non aiuta. Con poche vie di fuga, gli errori raramente restano impuniti: è, quindi, necessario un alto grado di precisione dello pneumatico. Il posteriore sinistro è lo pneumatico più sollecitato, mentre le vetture corrono con alto carico aerodinamico. Le temperature ambientali tendono a raggiungere i 30-35 gradi centigradi anche di notte, il che rende il tracciato ideale per la gomma soft, mescola high working range. I piloti dovranno gestire con attenzione le supersoft, al fine di beneficiare delle elevate prestazioni senza però surriscaldarle troppo.

LA STRATEGIA VINCENTE DEL 2014
Lewis Hamilton ha vinto nel 2014 con una strategia a tre soste. Ha iniziato con le supersoft, ha montato ancora supersoft al 15° giro, è passato a un nuovo set di supersoft al 31° giro ed ha concluso la gara con le soft, montate al 52° giro.

GAP PRESTAZIONALE PREVISTO TRA LE DUE MESCOLE
1"8 – 2"2 al giro.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Disposizione riveduta per GP di Singapore
Circuito Singapore Street Circuit
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag formula 1, gp singapore, pirelli