F1: Mercedes non firma il nuovo Patto della Concordia. Per ora

Wolff ha affermato: "Mercedes ha dato un grande contributo alla F1 in questi anni e abbiamo anche il pilota con più appeal, non siamo stati trattati come avremmo dovuto. Ora non firmiamo".

F1: Mercedes non firma il nuovo Patto della Concordia. Per ora

La Formula 1 pensa al futuro con il nuovo accordo commerciale, meglio conosciuto come Patto della Concordia. C'è però un team che, al momento, non ha alcuna intenzione di sottoscrivere l'accordo: la Mercedes.

Il motivo è semplice: Toto Wolff ha affermato di non essere stato rispettato nei colloqui avuti per i nuovi accordi commerciali. A oggi i team stanno parlando per stilare le nuove condizioni commerciali, che andranno a sostituire quelle attuali a partire dal 2021.

Liberty Media, detentrice dei diritti commerciali della F1, sta spingendo per una distribuzione più equa dei ricavi secondo i nuovi termini. L'obiettivo è rendere più equo a livello di risultati e sostenibile a livello economico.

Alcuni team hanno già fatto sapere di essere pronti a sottoscrivere questo accordo. Stiamo parlando di Ferrari e McLaren. Mentre Toto Wolff ha affermato che Mercedes non è affatto pronta ad apporre la propria firma.

"Questo è un accordo che coinvolge 10 team, 10 realtà differenti, per cui è normale che ognuno curi il proprio punto di vista e i propri interessi. Noi della Mercedes abbiamo chiarito che siamo soddisfatti riguardo a una distribuzione più equa del montepremi. Questa è una cosa che ci trova d'accordo".

Wolff sostiene che la Mercedes sia il team più penalizzato dai termini di questo accordo: "Siamo la vittima più grande riguardo il lato economico. La Ferrari ha mantenuto una posizione di vantaggio. Red Bull si bilancia con AlphaTauri. Quindi siamo noi a essere i più danneggiati".

"Credo che Mercedes abbia dato un contributo notevole a questo sport negli ultimi anni. Siamo stati competitivi in pista, ma abbiamo anche il pilota che ha l'appeal più alto a livello globale. Abbiamo la sensazione che, pur essendo in trattative, non siamo stati trattati come avremmo dovuti".

"Pertanto, per ni ci sono un sacco di argomenti ancora aperti che sono legali, commerciali e sportivi. Dal nostro punto di vista non mi sento pronto a firmare il Patto della Concordia".

"Quanto potremo impiegare per trovare un accordo e firmare? Dipenderà dagli altri. Se i team sono disposti a sedersi a un tavolo, affrontare gli argomenti più spinosi, discuterne e magari arrivare a un compromesso, allora penso che si possa firmare in fretta. Ma non ho visto questo approccio", ha concluso amaro Toto Wolff.

condivisioni
commenti
Renault valuta l'idea di presentare appello

Articolo precedente

Renault valuta l'idea di presentare appello

Prossimo Articolo

Racing Point: scaricata l'ala posteriore sulla RP20

Racing Point: scaricata l'ala posteriore sulla RP20
Carica commenti
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021
Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia" Prime

Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia"

In questa nuova puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Federica Masolin, giornalista e presentatrice della Formula 1 di Sky Sport. Federica si racconta, ripercorrendo gli anni di una carriera in giro per il mondo, di una vita piena di passioni e viaggi. Da piccola, il suo desiderio era diventare una rockstar. Poi, l'amore per lo sport le ha fatto cambiare idea...

Formula 1
16 set 2021
Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti” Prime

Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti”

Torna la rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In quest puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli tornano a parlare di quanto successo a Monza tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Non è la prima volta che i due vanno a contatto e non sarà nemmeno l'ultima, secondo Ceccarelli...

Formula 1
15 set 2021