Formula 1
25 set
Race in
09 Ore
:
19 Minuti
:
10 Secondi
G
GP dell'Eifel
09 ott
Prossimo evento tra
11 giorni
G
GP del Portogallo
23 ott
Prossimo evento tra
25 giorni
G
GP di Turchia
13 nov
Prossimo evento tra
46 giorni
04 dic
Prossimo evento tra
67 giorni
G
GP di Abu Dhabi
11 dic

Passo lento per restare nella finestra di un solo pit stop?

condivisioni
commenti
Passo lento per restare nella finestra di un solo pit stop?
Di:

Toto Wolff vede la Red Bull di Max Verstappen come la monoposto più veloce in gara, ma le due Mercedes se riusciranno a confermarsi prima e seconda dopo il via, potrebbero decidere di effettuare un primo run molto lento per puntare a una sola sosta. E allora per Hamilton e Bottas sarà più facile puntare alla vittoria, contrastando la strategia di Milton Keynes che cercherà di allungare la prima sosta.

Quando al via della sessione Q2 tutte le monoposto sono uscite dalla pit-lane con gomme soft, molte certezze in tema di scelte strategiche in vista della gara sono state smentite.

La prima impressione è stata che anche i top-team avessero ritenuto impossibile completare i sessantasei giri in programma domani con un solo pit-stop, rinunciando così alla possibilità di potersi qualificare con gomme medie.

Scelta che sarebbe stata alla portata solo delle due Mercedes e della Red Bull di Max Verstappen, perché alla luce di margini molto ravvicinati confermati in Q1, i sei decimi di differenza tra le mescole media e soft non avrebbero garantito al resto del gruppo la certezza di poter passare il taglio del Q2 con le gomme ‘gialle’.

A stupire è stata soprattutto la scelta fatta dalla Red Bull con Verstappen, che solitamente tende a puntare su strategie opposte a quelle delle due Mercedes per potersi garantire un jolly da giocare quando i piani della vigilia non vengono fedelmente rispettati.

Ma è stato lo stesso Verstappen a spiegare la scelta: “Normalmente la gomma soft si usura molto presto, ma da quello che abbiamo potuto vedere su questa pista dovrebbe garantire una durata maggiore”.

Nella sessione FP2 Max ha raccolto riscontri positivi utilizzando le gomme ‘rosse’, e non stupisce l’ottimismo dell’olandese:
“Domani sarà un nuovo giorno, e proveremo a dire la nostra. Ovviamente spero di poter essere vicino alle due Mercedes e di essere in grado di mettergli pressione”.

Anche se in apparenza l’impresa di Verstappen in chiave ‘vittoria’ sembra tutt’altro che semplice, l’idea della Red Bull sembra essere quella di riuscire ad allungare il suo stint con le soft provando un teorico overcut.

Piano comunque non semplice se Max non riuscirà a passare almeno una delle due Mercedes in partenza, o se Hamilton e Bottas non accuseranno problemi di gomme come sette giorni fa a Silverstone.

Per Wolff il pilota più veloce in gara sarà Verstappen

Dopo l’ennesima giornata trionfale conclusa con la centesima pole position ibrida, in casa Mercedes hanno evitato di dare per scontato il bottino pieno in vista della corsa di domani.
“La Red Bull è stata chiaramente la più veloce nelle simulazioni di gara di venerdì – ha commentato Toto Wolff- e mi aspetto che si confermerà il punto di riferimento. Dobbiamo quindi fare una gara intelligente, cercando di gestire le prime posizioni sapendo che l'auto più veloce in pista sarà probabilmente dietro di noi, e sarà quella di Verstappen”.

Le parole di Wolff dicono parecchio, e fanno ipotizzare quale potrebbe essere la strategia che vedremo nella gara di domani.

Se al via tutto andrà come nei loro piani, ovvero con prima e seconda posizione confermate, il tandem Mercedes potrà decidere il ritmo della corsa, senza il timore di subire sorpassi, perché a Montmelò per passare serve un margine di quasi un secondo al giro.

Potremmo assistere ad un primo stint al ralenty, al fine di arrivare al giro prestabilito per il primo (che potrebbe anche essere l’unico) pit-stop. La gestione del primo set darà molto informazioni alle squadre in merito all’usura, e le strategie si adatteranno di conseguenza.

Una prima parte di gara molto calma potrebbe portare i top-team a vedere giro dopo giro prendere forma il piano che da anni è ormai il sogno degli ingegneri, ovvero un Gran Premio con una sola sosta, che comporta la riduzione al minimo delle variabili.

Per la Mercedes poter contare su un solo pit-stop e due vetture al comando dopo la prima curva, equivale ad un successo quasi in archivio, ma è ciò che proverà ad evitare Verstappen, ormai rimasto solo nel ruolo di avversario del team campione del Mondo.

Ferrari in negativo: una giornata da dimenticare

Articolo precedente

Ferrari in negativo: una giornata da dimenticare

Prossimo Articolo

Mekies: "Vogliamo difendere il terzo posto nel Costruttori"

Mekies: "Vogliamo difendere il terzo posto nel Costruttori"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Spagna
Sotto-evento QU
Location Circuit de Barcelona-Catalunya
Autore Roberto Chinchero