Palmer: "Voglio diventare un riferimento per Renault"

condivisioni
commenti
Palmer:
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
19 dic 2015, 17:08

Il britannico punta ad un lungo matrimonio col ritrovato team francese e mira alla futura conquista del titolo

Jolyon Palmer, Lotus F1 E23 Test and Reserve Driver
Jolyon Palmer, collaudatore Lotus F1 E23
Jolyon Palmer, Lotus F1 E23 Test and Reserve Driver
Jolyon Palmer, collaudatore Lotus F1 Team
(L to R): Marcus Ericsson, Sauber F1 Team con Jolyon Palmer, Tester e Pilota di riserva del Team Lotus F1
Jolyon Palmer, Lotus F1 E23

Dopo essere riuscito ad assicurarsi un posto da titolare nel team Renault per il 2016, Jolyon Palmer mira a mantenere a lungo il sedile conquistato dopo un anno da terzo pilota per il team di Enstone.

Il campione GP2 2014, nonostante abbia soltanto effettuato alcune sessioni di prove libere nel corso della stagione appena conclusa, è fiducioso nel suo potenziale: "Il prossimo passo per me sarà estendere la mia collaborazione con Renault. Il prossimo anno sarà certamente eccitante. Non sarà certamente un anno semplice, considerando la fase di transizione che attraversa il team, ma guardando al futuro posso dire che la squadra ha un enorme potenziale".

Palmer è consapevole che il prossimo anno avrà gli occhi puntati addosso, specie considerando che andrà a sostituire un pilota dall'enorme talento quale Romain Grosejean: "Voglio disputare un'ottima stagione e mostrare il mio potenziale. Se riuscirò a fare progressi come pilota, sono certo che meriterò la riconferma da parte del team e poter lottare per il mondiale quando avremo una vettura all'altezza della concorrenza".

Il compagno di team di Maldonado, nonostante il ruolo da terzo pilota, afferma di aver appreso molto nel 2015: "E' stato un grande anno, ho imparato tanto, specie considerando che provenendo dal campionato GP2 la mole di dati da conoscere in Formula 1 è decisamente superiore. Il modo in cui il team lavora è ciò che differenzia maggiormente le due categorie, soprattutto per il numero di persone coinvolte nella squadra. Essere presente in circuito e guidare nel corso delle prove libere è stato fondamentale per imparare tutti i meccanismi alla svelta".

Palmer ha infine rivolto un pensiero alla difficile stagione trascorsa dal team Lotus: "Il mio primo anno in Formula 1 è stato un inferno non solo per me ma anche per il team. E' stata una sfida quotidiana ed ha spinto sia me che l'intera squadra a dare il 100% per portare le vetture in pista e conquistare dei punti fondamentali. Abbiamo lavorato tutti nella stessa direzione". 

Prossimo articolo Formula 1

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Pastor Maldonado, Romain Grosjean, Jolyon Palmer
Team Lotus F1
Autore Marco Di Marco
Tipo di articolo Ultime notizie