Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

F1 | Norris e Tsunoda: SQ3 vietata, sono senza gomme rosse nuove

Debutta questa mattina lo Sprint Shootout, la sessione di qualifica che determina la griglia della garetta di oggi pomeriggio. Die piloti, Norris e Tsunoda, per approdare ieri alla Q3 hanno utilizzato tutti i treni di soft, per cui se dovessero accedere all'ultimo turno non potranno girare: il regolamento, infatti, è drastico: impone l'uso di pneumatici nuovi. E non avendone a disposizione se ne dovranno stare fermi ai box.

Lando Norris, McLaren MCL60

Foto di: Andrew Ferraro / Motorsport Images

Tra le novità del nuovo format del weekend di gara introdotto questo fine settimana a Baku c’è una diversa gestione degli pneumatici. Dei dodici set a disposizione per ogni pilota (2 di hard, 4 di medie e 6 di soft) tre sono imposti dal regolamento per lo Sprint Shootout (la qualifica che determina la griglia di partenza della gara sprint) in programma oggi.

Nei turni SQ1 e SQ2 sarà obbligatorio utilizzare gomme medie, mentre nella SQ3 si passerà alle soft, ma l’aspetto più vincolante per squadre e piloti è specificata nel nuovo regolamento che impone l’utilizzo di treni di pneumatici nuovi.

Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT04

Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT04

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Questo aspetto ha determinato una situazione inedita in vista dello Sprint Shootout, poiché sia Lando Norris che Yuki Tsunoda (rispettivamente settimo ed ottavo nelle qualifiche disputate ieri) se riusciranno ad entrare in Q3 non potranno essere in pista. Entrambi hanno già utilizzato i 6 set di gomme soft a disposizione e se termineranno la Q2 nella top-10, per loro la qualifica sarà di fatto terminata non avendo treni nuovi a disposizione.

Nel caso di Norris a complicare i piani è stata la Q1, nella quale complici le due bandiere rosse, ha utilizzato ben tre set di soft, che si sono aggiunti al treno usato precedentemente nella FP1. Il pilota inglese è stato particolarmente sfortunato nel secondo run quando, appena uscito dai box, si è ritrovato nuovamente con la sessione interrotta, e gli ingegneri della McLaren hanno deciso di montare un treno nuovo per non imbattersi nei problemi legati al calo delle temperature.

Norris ha successivamente passato il taglio della Q2 con un solo set, ed una volta in Q3 la squadra e lo stesso Lando hanno valutato se fosse o meno il caso di utilizzare il sesto ed ultimo treno a disposizione. Ha prevalso la voglia di puntare alla top-5, spinti dal buon comportamento della monoposto.

Alla fine, Lando ha commentato con sensazioni contrastanti quella che al momento è comunque la sua miglior qualifica della stagione: “Penso che avremmo potuto puntare alla quarta posizione, era nelle nostre possibilità e sono un po' deluso. Non abbiamo fatto il miglior lavoro come squadra, e non sarò in grado di girare domani in Q3. Ci sono tanti altri aspetti positivi, ma questo pesa un po'”.

La McLaren ha sottolineato che la decisione strategica è stata dettata dalla possibilità di guadagnare un maggior numero di punti nel Gran Premio di domenica piuttosto che nella gara sprint, e gli sforzi sono stati indirizzati in quella direzione.

Anche Tsunoda, qualora riuscisse ad accedere alla Q3, assisterà alla sessione da spettatore. Nel caso del pilota dell’AlphaTauri a determinare l’esaurimento dei set di gomme soft è stata una dinamica differente.

La squadra ha deciso di utilizzare due set di ‘rosse’ nella sessione di prove libere per preparare al meglio la qualifica, nella quale gli ingegneri non pensavano di riuscire ad accedere alla Q3. Tsunoda si è invece confermato subito competitivo, con la decima posizione conquistata in Q1 (nella quale ha utilizzato due set) e la settima in Q2, anche in questo caso utilizzando due set. L’accesso alla Q3 ha obbligato il giapponese a montare uno dei set usati in precedenza, riuscendo comunque a concludere in ottava posizione, un risultato insperato alla vigilia della weekend.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Telemetrie: la magia di Leclerc e la forza nelle curve lente
Prossimo Articolo Video F1 | Ghini: “C’è qualche indizio della rinascita Ferrari"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia