Nico Rosberg domina in Messico, domenica no Ferrari

Il tedesco la spunta su Hamilton e con il ko di Vettel è a +21 nella lotta per il secondo posto. Podio per Bottas

Nico Rosberg è finalmente riuscito a mettersi alle spalle gli errori delle ultime uscite e in Messico ha convertito in vittoria la sua quarta pole position consecutiva. Un successo perentorio, mai messo in discussione neppure dalla Mercedes gemella di Lewis Hamilton, che si è dovuta accontentare di vedere solamente l'ala posteriore della W06 Hybrid del tedesco per ognuno dei 71 giri in programma.

Il campione del mondo in carica si è avvicinato solamente nel finale grazie alla safety car, ma il figlio d'arte comunque è stato bravissimo a non cedere alla pressione, pur commettendo un piccolo errore alla curva 8, involandosi così verso la quarta affermazione del suo 2015, la 12esima della sua carriera.

Un trionfo che ha un peso specifico importante anche nella lotta per il secondo posto nel Mondiale, visto che Sebastian Vettel lascia il Messico senza punti e quindi ora si ritrova distanziato di 21 lunghezze. La corsa del pilota della Ferrari si è messa in salita fin dai primi metri, perché un contatto con la Red Bull di Daniel Ricciardo gli ha procurato una foratura, facendolo arretrare in ultima posizione dopo un pit stop obbligato.

Il tedesco poi ha dato vita ad una bella rimonta, vanificata però da un testacoda alla curva 7. Un successivo errore nello stesso punto poi ha messo la parola fine alla sua corsa, quando la sua SF15-T è andata ad impattare contro le barriere, innescando appunto la safety car che ha ravvivato l'ultima ventina di giri.

E' stata una gara storta anche per l'altra Rossa di Kimi Raikkoken, partito dal fondo dello schieramento per la sostituzione della power unit e del sistema ibrido. Il finlandese si era riaffacciato a battagliare con le Williams approfittando di una strategia alternativa (era partito con le medie), ma poi si è toccato con Valtteri Bottas alla curva 5, danneggiando la sospensione posteriore sinistra e dovendo anche lui alzare bandiera bianca. A Maranello è quindi arrivato il primo doppio zero della stagione.

Ad approfittare della domenica storta del Cavallino è stato proprio Bottas, che ha conquistato il suo secondo podio stagionale dopo quello del Canada. Un piazzamento che gli ha permesso di scavalcare proprio Raikkonen al quarto posto nel Mondiale, anche se per appena 3 punti. Il finlandese è stato molto bravo nella fasi di ripartenza dopo la safety car per andare ad infilare la Red Bull di Daniil Kvyat che fino a quel momento si era meritato a pieni voti di occupare la terza piazza.

Alla fine però il russo si è dovuto accontentare di chiudere quarto, distanziato di un paio di secondi dal rivale nordico e precedendo di poco la RB11 gemella di Daniel Ricciardo, che dopo il contatto con Vettel nelle prime fasi aveva perso un paio di posizioni, ma poco prima della neutralizzazione ha regalato al pubblico un gran bel sorpasso ai danni Felipe Massa, sesto al traguardo con l'altra Williams.

A seguire troviamo le due Force India, con Nico Hulkenberg che ha avuto la meglio sull'idolo locale Sergio Perez. Va detto però che la squadra di Vijay Mallya non è stata particolarmente reattiva con il messicano quando c'è stata la safety car. "Checo" però è stato ancora una volta magistrale nella gestione delle gomme e in questo modo ha resistito alla grande al ritorno della Toro Rosso di Max Verstappen.

L'olandese forse ha ritardato un po' troppo la prima sosta e lo ha pagato alla distanza: basta pensare che nel primo stint viaggiava poco distante da Ricciardo, più o meno con lo stesso passo. Lascia il Messico con un punticino anche la Lotus, grazie al decimo posto ottenuto da Romain Grosjean in bagarre proprio con il compagno di squadra Pastor Maldonado.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Gran Premio del Messico
Sub-evento Gara domenicale
Circuito Autódromo Hermanos Rodríguez
Piloti Lewis Hamilton , Nico Rosberg , Valtteri Bottas
Team Mercedes , Williams
Articolo di tipo Commento