Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Intervista
Formula 1 GP del Canada

F1 | Nervi tesi nella riunione dei team principal a Montreal

Il meeting avvenuto nella giornata di sabato alla presenza delle telecamere di Netflix è stato descritto da Christian Horner come estremamente teatrale ed il team principal della Red Bull ha lanciato frecciatine alla Mercedes e Toto Wolff.

Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing

L’amministratore delegato e presidente della F1, Stefano Domenicali, ha tenuto il consueto incontro del sabato a Montreal con i responsabili delle scuderie ed in occasione di questo meeting non sono mancati momenti di tensione quando si è affrontato il tema della direttiva tecnica della FIA in materia di porpoising.

Subito dopo l’incontro Toto Wolff ha dichiarato come il comportamento dei team principal delle altre scuderie sia stato pietoso e poco sincero, sottolineando come si sia preferito privilegiare la politica piuttosto che porre l’accento sui problemi legati alla sicurezza.

I colleghi di Wolff non hanno lamentato le stesse problematiche, soprattutto Christian Horner dato che la Red Bulll non ha accusato problemi di porpoising in questa stagione.

Durante la riunione, quando si è parlato del fenomeno del saltellamento, è stato fatto notare a Wolff come alcuni team, in particolare Ferrari ed Alpine, ritenessero che la direttiva tecnica della FIA fosse contraria al regolamento ed il secondo tirante adottato dalla Mercedes nel corso delle libere del venerdì fosse illegale.

Il team di Brackley ha adottato il secondo tirante in occasione delle FP1 e delle FP2 per poi rimuoverlo prima delle FP3.

Lewis Hamilton, Mercedes W13

Lewis Hamilton, Mercedes W13

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

Secondo quanto si è appreso, Horner avrebbe detto a Wolff che i problemi di porpoising della Mercedes non fossero dovuti al regolamento quanto alle carenze tecniche della vettura e che sarebbe toccato al team otto volte iridato trovare una soluzione.

A questo incontro hanno presenziato anche le telecamere di Netflix. La troupe del colosso dello streaming ha seguito Wolff durante l’intero weekend di Montreal per le riprese della quinta stagione di Drive to Survive.

Quando Motorsport.com ha chiesto ad Horner se fosse una cosa buona avere Netflix presente in questo incontro privato, il team principal ha risposto in modo secco: “Penso che ci sia stata molta teatralità in quella riunione”.

I responsabili delle scuderia, oltre a mettere in dubbio la conformità della direttiva tecnica e, di conseguenza, la legalità della Mercedes, si sono detti anche preoccupati per la tempistica dell’introduzione dato che la FIA ha inviato la direttiva solo quando i piloti si stavano recando a Montreal.

“Penso che la cosa particolarmente deludente sia stata l’introduzione del secondo tirante perché una decisione del genere deve essere discussa in un forum tecnico” ha proseguito Horner. “Questa soluzione è stata orientata a risolvere i problemi di una sola squadra che si è presentata in Canada con un accorgimento in anticipo rispetto alla direttiva tecnica”.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Marko: "Ferrari più veloce di noi solo per nostri problemi"
Prossimo Articolo F1 | Magnussen attacca la direzione gara: "Troppo influenzabile"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia