Mugello: vinta la battaglia sul rumore dell'autodromo!

La Corte Costituzionale ha sentenziato a favore dell'Autodromo Internazionale del Mugello in materia di rumore, mettendo fine ad una questione annosa che rischiava di limitare l'attività sul tracciato toscano. Le correzioni fatte alla Legge regionale hanno "...fatto cessare la materia del contendere, rendendo non fondate le residue questioni di legittimità costituzionale”.

Mugello: vinta la battaglia sul rumore dell'autodromo!

È la fine di un incubo che è arrivato fino alla Corte Costituzionale. La sentenza non silenzia il rombo dei motori al Mugello, mettendo finalmente la parola fine alle polemiche, azzerando le proteste che erano arrivate fino al Consiglio dei Ministri.

La questione ora si è spenta definitivamente dopo che il Consiglio RIegionale della Toscana è intervenuto due volte per correggere la legge dedicata al rumore generato dall’Autodromo Internazionale del Mugello, tanto che la Suprema Corte ha rimosso tutte le obiezioni che erano rimaste in campo.

I giudici, infatti, hanno sentenziato che “…la cessazione della materia del contendere, in ragione delle modifiche apportate a tali disposizioni dall’art. 1 della legge della Regione Toscana 22 giugno 2020, n. 42, rendono non fondate le residue questioni di legittimità costituzionale”.

Va ricordato che proprio a livello governativo il Consiglio dei Ministri aveva impugnato le nuova legge regionale che aveva il compito di disciplinare le “Disposizioni sul circuito automobilistico e motociclistico situato nel Comune di Scarperia e San Piero. Modifiche alla l.r. 48/1994 e alla l.r. 89/1998”.

C’era chi aveva ipotizzato che l’Autodromo violasse delle norme costituzionali sulla “tutela della salute”, ed era stato contestato che non ci fosse stato il coinvolgimento nella battaglia del rumore i Comuni limitrofi al tracciato, visto che le deroghe si affidavano a una convenzione sottoscritta con il solo Comune di Scarperia e San Piero.

Fra le contestazioni c’era il mancato coinvolgimento dell’ARPAT, eccependo sui valori massimi di inquinamento acustico ammissibili in deroga oltre che sui 280 giorni di “attività continuativa” concessi come limite massimo.

Ora è stato spazzato tutto via, perché la Corte Costituzionale, preso atto delle varie sentenze tutte a favore del Mugello e dei successivi atti amministrativi che sono stati giudicati pienamente legittimi, si è pronunciata prendendo “…atto dell’assenza di qualsiasi profilo di contrasto tra la disposizione impugnata e i principi generali posti dalla legislazione statale in materia di tutela della salute, ai sensi dell’art. 117, terzo comma della Costituzione”.

condivisioni
commenti
F1: l'AC Monaco conferma il Gran Premio con un tweet
Articolo precedente

F1: l'AC Monaco conferma il Gran Premio con un tweet

Prossimo Articolo

Barilla: "Invito Hamilton a guidare la 312B"

Barilla: "Invito Hamilton a guidare la 312B"
Carica commenti
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021