Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
07 mag
-
10 mag
21 mag
-
24 mag
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
110 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
131 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
145 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
159 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
187 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
194 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
208 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
213 giorni
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
227 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
241 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
248 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
262 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
276 giorni

Motorone Ferrari? Solo 20 kW in più per chi vede la telemetria!

condivisioni
commenti
Motorone Ferrari? Solo 20 kW in più per chi vede la telemetria!
Di:
27 nov 2019, 15:22

Un autorevole personaggio che vuole restare anonimo ci ha segnalato che la telemetria FIA ha registrato solo una piccola differenza di potenza fra la discussa power unit del Cavallino e gli altri motori, parlando di marketing tecnologico fatto da altri Costruttori che sparano cifre di 70 cavalli. Come è possibile?

Volete sapere qual è il delta di potenza che la FIA ha registrato fra la discussa power unit Ferrari e la concorrenza? Stando a una voce autorevolissima che però ha voluto rimanere anonima non si superano di molto i 20 kW, vale a dire 26-30 cavalli.

Il nostro interlocutore ha sottolineato che i tecnici della Federazione Internazionale sono in grado di leggere tutti i dati di telemetria dei team per cui avrebbero avuto modo di registrare i dati anomali che sono stati segnalati tanto da Red Bull che da Mercedes.

A stupire erano soprattutto certe differenze nelle velocità massime delle SF90 che, prima delle direttive tecniche sull’utilizzo del flussometro che limita la portata massima del carburante a 100 kg/h, da Austin in poi si sono mitigate, pur restando migliori di quelle degli avversari.

La fonte a Motorsport.com ha aggiunto che a suo giudizio emerge non solo una superiorità nel motore endotermico, ma anche un eccellente strategia nell’utilizzo dell’energia elettrica che, associata a un’aerodinamica indiscutibilmente molto efficiente, produce una minore resistenza per cui le Rosse sono in grado di raggiungere il picco di velocità prima degli altri.

In sostanza si accreditano le teorie “difensive” di Mattia Binotto: il team principal della Ferrari ha sostenuto che le SF90 hanno dovuto ricorrere a più carico verticale negli ultimi GP, generando, quindi, più drag che ha mitigato la precedente supremazia.

Insomma i dati visti lascerebbero intendere che c’è chi sta praticando un ottimo marketing tecnico, sparando numeri che non trovano riscontro dai controlli. È possibile che si mandino informazioni telemetriche “corrette” per aggirare il flussometro?

Secondo il nostro interlocutore no: se la Ferrari dovesse mai riuscire in questo intento, ci è stato sottolineato, si vedrebbero dati molto difformi dai motori dei team clienti e così non è, per quanto le unità ufficiali siano certamente più spinte ai limiti concessi dal regolamento.

La FIA dal prossimo anno aggiungerà un proprio flussometro che sarà tarato dai tecnici federali per spegnere le voci di chi sospetta che ci sia chi possa fare il furbo, ma finora non è emerso niente di eclatante da far scattare un allarme, tant'è che non ci sono state indagini, ma solo controlli che non hanno mai portato a niente, se non a polemiche di paddock.

Proprio gli uomini della Federazione Internazionale hanno invitato chi avesse qualcosa da obiettare di presentare un reclamo scritto, ma finora tutto tace.

Perché anche il successo di Max Verstappen in Brasile avrebbe dovuto innescare il dubbio che pure la Honda faccia delle furbate che, invece, non sarebbero state registrate a Interlagos.

Per completare il quadro, possiamo aggiungere che le ultime rilevazioni fonometriche di cui abbiamo avuto i dati avrebbero registrato che il motore nipponico sarebbe solo una quindicina di cavalli dietro al Mercedes e che l’unità fresca che ha debuttao in Brasile di Charles Leclerc in qualifica (e non in gara) aveva una decina di cavalli in più dell'unitù della Stella e di quella ormai vissuta di Vettel, con un delta di 25 cavalli al massimo.

Ma attenzione: stiamo parlando di picco di potenza, mentre l’unità giapponese (che ha messo le ali anche alla Toro Rosso) sembra essere molto competitiva in fatto di potenza media. E questa è tutta un’altra storia…

Prossimo Articolo
Toro Rosso: l’ala anteriore con la bandella piegata

Articolo precedente

Toro Rosso: l’ala anteriore con la bandella piegata

Prossimo Articolo

Binotto: "Tra Vettel e Leclerc c'è armonia fuori dall'abitacolo"

Binotto: "Tra Vettel e Leclerc c'è armonia fuori dall'abitacolo"
Carica commenti