F1, Monza, Libere 2: le Mercedes fanno il vuoto con Hamilton

La Mercede ha simulato la qualifica nella seconda sessione di prove libere del GP d'Italia rifilando quasi nove decimi ai suoi inseguitori. Hamilton è stato il più veloce di 262 millesimi su Bottas che è stato il più costante nel long run. Stupiscono Norris terzo con la McLaren e Gasly quarto con l'AlphaTauri. In ombra Verstappen con la Red Bull solo quinto. Le Ferrari restano indietro con Leclerc nono e Vettel dodicesimo: la Rossa soffre anche a Monza.

F1, Monza, Libere 2: le Mercedes fanno il vuoto con Hamilton

Se la seconda sessione di prove libere del GP d'Italia doveva dare un'idea sulla qualifica di domani senza il "party mode", abbiamo avuto una prima indicazione importante: il divieto della mappa estrema non cambierà niente, visto che la Mercedes continua a dominare anche nel giro secco a Monza.

Lewis Hamilton è stato il più veloce con le gomme Soft in 1'20"192 che è una prestazione già a un secondo dal record di Raikkonen del 2018 (1'19"119) dopo le prove libere del venerdì. L'inglese, dopo aver lasciato il primo turno nelle mani del compagno di squadra, ha ripreso il controllo della situazione lasciando Valtteri Bottas a 262 millesimi. L'esa-campione sta dimostrando la sua superiorità in questa fase della stagione, ma le frecce nere sembrano davvero imprendibili a prescindere dai limiti nelle mappature.

Le due Mercedes hanno rifilato quasi nove decimi a tutti: a stupire è stato Lando Norris con la McLaren in 1'21"089. L'inglese ha fatto la sua simulazione da qualifica quando la pista era più gommata e ne ha beneficiato, rivelando la buona forma della MCL35.nel giro secco, perché non è riuscito a fare la programmata durata.

Ma a stupire nel pomeriggio è stato Pierre Gasly, quarto, con l'AlphaTauri spinta dal motore Honda. Il francese con 1'21"121 si è messo dietro anche Max Verstappen con la Red Bull.: peccato che abbiadovuto interrompere il long run per un problema a un ammortizzatore. L'olandese lascia un secondo a Hamilton: probabilmente l'olandese non ha ancora assimilato il botto della mattinata quando ha sbattuto (non violentemente) all'uscita della Variante Ascari.

La Red Bull sembra leggermente in difficoltà, tanto da buscarle dall'AlphaTauri: la buona impressione della macchina di Faenza è confermata anche dal settimo tempo di Daniil Kvyat capace di un buon 1'21"376. Il russo è stato preceduto di 63 millesimi di secondo da Carlos Sainz con la McLaren. Lo spagnolo è ottimo sesto, dopo aver dovuto saltare il GP del Belgio per un problema al motore Renault.

La Ferrari ha migliorato rispetto al mattino ma è solo nona con Charles Leclerc che ha fatto il suo tempo in scia in 1'21"503, portando la Rossa a essere la sesta forza. In realtà sarebbe davanti anche la Renault di Daniel Ricciardo, ma l'australiano si è visto cancellare la sua prestazione per un taglio punito dai commissari sportivi. Per i tifosi del Cavallino c'è l'attesa per un altro weekend difficile.

Sebastian Vettel è 12esimo (sarebbe fuori dalla Q3 in qualifica): il tedesco non è mai parso a suo agio con l'assetto scarico di Monza a basso carico. Anche pomeriggio è stato autore di un testacoda all'uscita della prima curva di Lesmo. Dopo un sovrasterzo ha perso la SF1000 ed è finito a sfiorare le barriere con l'ala posteriore, dopo aver spiattellato una gomma durante il long run.

Nello stesso punto è finito largo anche Leclerc che si è lamentato di una macchina molto difficile da controllare. La Rossa è rimasta imprigionata fra le due Racing Point con Lance Stroll ottavo e Sergio Perez decimo.

E' fuori dalla top 10 Esteban Ocon con la Renault, mentre Ricciardo è 15esimo non avendo voluto effettuare un altro tentativo di simulazione da qualifica. La sessione è stata caratterizzata da un serpentone di 15 monoposto nel lancio del giro secco: la FIA è intervenuta con una nota nella quale specifica che chi affronterà la qualifica con un giro di lancio troppo lento potrebbe essere penalizzato. Speriamo, quanto meno per evitare la brutta figura dell'anno scorso, quando ci fu chi, come Vettel, non riuscì a lanciarsi per l'ultimo run.

Positiva la prestazione di Antonio Giovinazzi 13esimo con l'Alfa Romeo a 53 millesimi dalla Ferrari di Vettel. L'italiano è stato nettamente più rapido di Kimi Raikkonen. Il finlandese è finito del sandwich delle Haas con Kevin Magnussen 16esimo e Romain Grosjean 18esimo.

In coda Nicolas Latifi ha fatto neglio di George Russell, anche se l'inglese ha dovuto prendere le misure con la FW43 a basso carico avendo saltato il turno del mattino per far posto all'israeliano Nissany.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 32 1'20.192     260.060
2 Finland Valtteri Bottas Mercedes 29 1'20.454 0.262 0.262 259.213
3 United Kingdom Lando Norris McLaren 19 1'21.089 0.897 0.635 257.184
4 France Pierre Gasly AlphaTauri 25 1'21.121 0.929 0.032 257.082
5 Netherlands Max Verstappen Red Bull 30 1'21.228 1.036 0.107 256.743
6 Spain Carlos Sainz Jr. McLaren 30 1'21.313 1.121 0.085 256.475
7 Russian Federation Daniil Kvyat AlphaTauri 35 1'21.376 1.184 0.063 256.277
8 Canada Lance Stroll Racing Point 32 1'21.389 1.197 0.013 256.236
9 Monaco Charles Leclerc Ferrari 32 1'21.503 1.311 0.114 255.877
10 Mexico Sergio Perez Racing Point 31 1'21.594 1.402 0.091 255.592
11 France Esteban Ocon Renault 32 1'21.697 1.505 0.103 255.270
12 Germany Sebastian Vettel Ferrari 28 1'21.733 1.541 0.036 255.157
13 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 32 1'21.786 1.594 0.053 254.992
14 Thailand Alexander Albon Red Bull 36 1'21.883 1.691 0.097 254.690
15 Australia Daniel Ricciardo Renault 29 1'22.080 1.888 0.197 254.078
16 Denmark Kevin Magnussen Haas 32 1'22.088 1.896 0.008 254.054
17 Finland Kimi Raikkonen Alfa Romeo 34 1'22.147 1.955 0.059 253.871
18 France Romain Grosjean Haas 34 1'22.254 2.062 0.107 253.541
19 Canada Nicholas Latifi Williams 32 1'22.825 2.633 0.571 251.793
20 United Kingdom George Russell Williams 34 1'22.927 2.735 0.102 251.483
condivisioni
commenti
Camilleri: "Troppi addii in Ferrari. Ora basta. Serve stabilità"

Articolo precedente

Camilleri: "Troppi addii in Ferrari. Ora basta. Serve stabilità"

Prossimo Articolo

Verstappen: "Fatichiamo con bilanciamento e grip della macchina"

Verstappen: "Fatichiamo con bilanciamento e grip della macchina"
Carica commenti
F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1 Prime

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1

Grand Prix 2 e Formula 1 '96 sono due giochi che hanno segnato un'era a cavallo della metà degli anni '90. Titoli di riferimento al momento dell'uscita, possono essere riconosciuti come veri e propri precursori del genere arcade e simulativo che ha aperto la strada ai videogames odierni

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Formula 1
26 lug 2021
Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021
F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Formula 1
24 lug 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021
Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale" Prime

Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale"

In questo nuovo appuntamento di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli commentano la portata principale offerta dal Gran Premio di Gran Bretagna: Hamilton re di Silverstone, con Max che dal decimo appuntamento della stagione raccoglie solo i tre punti della Sprint Qualifying. Con l'olandese in ospedale, i festeggiamenti del padrone di casa sono stati davvero inopportuni?

Formula 1
21 lug 2021