F1, Monza, Libere 1: Hamilton si presenta, Ferrari staccata

Il campione del mondo è stato il più veloce nella prima sessione di prove libere del GP d'Italia: Lewis ha rifilato quattro decimi alla Red Bull di Verstappen pur montando sulla sua Mercedes le gomme medie. Bottas è terzo davanti all'Aston Martin di Stroll. Non ha brillato la Ferrari settima con Sainz e 11esima con Leclerc che si è visto cancellare il giro migliore per un largo alla curva Alboreto (Parabolica).

F1, Monza, Libere 1: Hamilton si presenta, Ferrari staccata

La prima notizia è che le monoposto di F1 a Monza hanno ormai raggiunto le prestazioni dell'anno scorso: Lewis Hamilton è stato il più veloce alla fine della prima (e unica) sessione di prove libere del GP d'Italia con il tempo di 1'20"926 a due decimi dalla FP1 di Valtteri Bottas con la W10.

E' vero che la pista è a basso carico aerodinamico, per cui conta l'efficienza e la perdita di downforce per le regole 2021 si sente di meno, però è comunque il segno di come lo sviluppo della F1 non si ferma: Hamilton, infatti, la prima posizione l'ha ottenuta con le gomme medie (le soft non le ha montate), mentre Max Verstappen è secondo con la Red Bull a 452 millesimi ma l'olandese la prestazione l'ha cercata con le rosse.

I numeri dicono in modo chiaro che la Mercedes è la grande favorita per le qualifiche che si terranno a partire dalle 18:00. Max è riuscito a infilarsi fra le due frecce nere, ma ha accusato qualche difficoltà di assetto nelle chicane. E' possibile che a Milton Keynes abbiano scaricato troppo le ali per cercare le velocità massime: ci aspettiamo delle correzioni nel set-up della RB16B.

Perez che aveva giganteggiato nella prima mezz'ora con nle gomme medie, mentre Verstappen girava con le hard, è via via scivolato a centro gruppo nella decima piazza che spesso lo contraddistingue. Valtteri Bottas lascia mezzo secono al campione del mondo (a parità di gomma gialla) ed è stato avvicinato a due decimi da Lance Stroll in forma con l'Aston Martin. Il canadese predilige le piste veloci e a Monza vanta bei ricordi, ma Sebastian Vettel è a un paio di decimi in sesta posizione.

Fra le due "verdone" si è infilato Pierre Gasly con l'AlphaTauri vittoriosa l'anno scorso: il francese è a 43 millesimi dal finlandese, dimostrando che la AT02 è competitiva anche in quest'edizione della gara tricolore.

Va detto che stando ai tempi la piazza d'onore era di Lando Norris con la McLaren, ma l'inglese, tirato in scia dal compagno di squadra, si è visto togliere il tempo per un largo alla Curva Alboreto (Parabolica) ed è scivolato solo al 12esimo posto. Il segnale che emerge è che chi dispone di power unit Mercedes ha un indubbio vantaggio.

Anche Charles Leclerc si è visto togliere il tempo con le soft, ma la Ferrari non ha impressionato: la SF21 si difende nel T2 e nel T3, mentre soffre nel primo tratto, il più veloce. E allora il migliore pilota del Cavallino è Carlos Sainz con un distacco di quasi un secondo da Hamilton con Leclerc 11esimo. La sessione è stata molto interlocutoria e la qualifica sarà condizionata dalle scie che sullo stradale contano tantissimo.

Fernando Alonso è ottavo con l'Alpine, mentre Esteban Ocon è solo 15esimo: il francese è indietro perché è stato bloccato all'Ascari da Hamilton rimasto in traiettoria in un giro di rientro.

Buona sessione per Daniel Ricciardo che sente la competitività della McLaren. Positiva la prestazione di Antonio Giovinazzi 13esimo con l'Alfa Romeo: l'italiano non si fa condizionare dalle voci di mercato, mentre il confermato Robert Kubica al posto di Kimi Raikkonen ancora positivo al Covid ha chiuso 16esimo, portando la C41 sopra alle Williams con George Russell davanti a Nicholas Latifi. Chiudono le due Haas con Nikita Mazepin davanti di un soffio a Mick Schumacher. Positivo l'approccio di Yuki Tsunoda che non ha fatto guai con l'AlphaTauri: è 14esimo. Un buon inizio...

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 28 1'20.926     257.702
2 Netherlands Max Verstappen Red Bull 22 1'21.378 0.452 0.452 256.270
3 Finland Valtteri Bottas Mercedes 29 1'21.451 0.525 0.073 256.041
4 Canada Lance Stroll Aston Martin 23 1'21.676 0.750 0.225 255.335
5 France Pierre Gasly AlphaTauri 28 1'21.719 0.793 0.043 255.201
6 Germany Sebastian Vettel Aston Martin 26 1'21.824 0.898 0.105 254.873
7 Spain Carlos Sainz Jr. Ferrari 26 1'21.914 0.988 0.090 254.593
8 Spain Fernando Alonso Alpine 24 1'21.926 1.000 0.012 254.556
9 Australia Daniel Ricciardo McLaren 27 1'22.003 1.077 0.077 254.317
10 Mexico Sergio Perez Red Bull 23 1'22.039 1.113 0.036 254.205
11 Monaco Charles Leclerc Ferrari 25 1'22.102 1.176 0.063 254.010
12 United Kingdom Lando Norris McLaren 27 1'22.103 1.177 0.001 254.007
13 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 26 1'22.270 1.344 0.167 253.492
14 Japan Yuki Tsunoda AlphaTauri 31 1'22.530 1.604 0.260 252.693
15 France Esteban Ocon Alpine 27 1'22.534 1.608 0.004 252.681
16 Poland Robert Kubica Alfa Romeo 28 1'23.009 2.083 0.475 251.235
17 United Kingdom George Russell Williams 31 1'23.092 2.166 0.083 250.984
18 Canada Nicholas Latifi Williams 30 1'23.442 2.516 0.350 249.931
19 Russian Federation Nikita Mazepin Haas 23 1'23.445 2.519 0.003 249.922
20 Germany Mick Schumacher Haas 23 1'23.551 2.625 0.106 249.605

 

condivisioni
commenti
LIVE Formula 1, Gran Premio d'Italia: Libere 1

Articolo precedente

LIVE Formula 1, Gran Premio d'Italia: Libere 1

Prossimo Articolo

Piola: "Il motore Mercedes fa una grande differenza"

Piola: "Il motore Mercedes fa una grande differenza"
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021