Regole 2016: protezioni della testa più alte di 20 mm

La FIA ha inasprito anche il crash test: la scocca deve resistere a 50 kg/N per 30 secondi

In attesa che la FIA porti avanti gli esperimenti sulla copertura degli abitacoli (è stato deciso un test con tre differenti soluzioni), le monoposto 2016 saranno leggermente diverse nelle le protezioni della testa del pilota. I responsabili federali della sicurezza, infatti, hanno informato le squadre che le protezioni dovranno che essere più alte di 20 mm e resistere a un crash test laterale maggiorato che sarà di 50 Kg/N per 30”.

L’incidente di Jules Bianchi al Gp del Giappone con la Sauber C33 dello scorso anno che è costato la vita del giovane pilota francese all’inizio dell’estate, quello di Fernando Alonso nei test invernali di Barcellona con la McLaren MP4-30 e la morte di Justin Wilson in Indycar hanno spinto Charlie Whiting, Jo Bauer e Laurent Mekies a rivedere le strutture deformabili che sono poste i lati del casco.

È passato, quindi, l’adeguamento delle protezioni per la prossima stagione: si tratta di una variazione che avrà implicazioni sulla costruzione della scocca visto che nella parte più alta del cockpit sarà necessaria una maggiore resistenza al carico e avrà un impatto anche sull’aerodinamica visto che l’innalzamento delle strutture protettive di 20 mm oscurerà di più l’ala posteriore riducendo, seppur, di poco il carico aerodinamico.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie