Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie
Formula 1 GP di Miami

F1 | Mintzlaff: "Verstappen resta in Red Bull, Wolff guardi in casa sua"

L'austriaco, che è CEO dei programmi sportivi aziendali del gruppo austriaco, non le manda a dire al connazionale a capo del tem Mercedes. Oliver smonta le ambizioni di Wolff di portare a Brackley il pilota tre volte campione del mondo, invitando Toto a guardare i molti problemi di casa sua. Anche Marko punta su Max che rimane.

Oliver Mintzlaff, amministratore delegato di Red Bull GmbH

Qualche mese dopo la notte di Abu Dhabi 2021, Toto Wolff confessò che le ferite lasciate dalla vicenda di Yas Marina (che assegnò il primo titolo mondiale a Max Verstappen a causa della controversa gestione dell’allora direttore di gara di Michael Masi) non si sarebbero mai rimarginate.

Il dualismo con la Red Bull esploso tre anni fa non si è mai attenuato, nelle ultime tre stagioni la mancanza di competitività sul fronte tecnico ha estromesso la Mercedes dalla sfida mondiale, ma quando si presenta l’occasione di poter infastidire la Red Bull, Wolff non si tira mai indietro.

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

L’ultima opportunità è stata offerta dal caso Horner scoppiato lo scorso mese di febbraio, una vicenda che ha innescato molte tensioni all’interno della squadra. Wolff ha colto il malcontento di Verstappen, allarmato dalla possibilità di vedere Helmut Marko messo alla porta da Christian Horner, offrendo a Max l’opportunità di cambiare aria e mettendo sul tavolo un’offerta finanziariamente molto allettante.

Ad infastidire molto la Red Bull è stata soprattutto la scelta di Wolff di rendere pubbliche le sue intenzioni, una strategia che mira a mettere ancora più tensione all’interno del team campione del mondo, già scosso dalle vicissitudini della vicenda Horner e dal fresco addio di Adrian Newey.

Il disappunto della Red Bull è emerso in più occasioni dalle parole di Horner, ma ora è uscito allo scoperto anche Oliver Mintzlaff, CEO dei programmi sportivi aziendali del gruppo austriaco. Oltre a smentire le voci secondo le quali Verstappen potrebbe lasciare la squadra per approdare in Mercedes, Mintzlaff ha giudicato “scorretto” l’atteggiamento di Wolff, sottolineando una mancanza di rispetto da parte del rappresentante di una squadra avversaria.

Toto Wolff, Team Principal e CEO, Mercedes-AMG F1 Team

Toto Wolff, Team Principal e CEO, Mercedes-AMG F1 Team

Foto di: Motorsport Images

“Posso immaginare la pressione che può subire Wolff dopo anni di insuccessi – ha dichiarato Mintzlaff alla testata Bild Am Sonntag – ma credo che Toto dovrebbe concentrarsi sulle problematiche della sua squadra, visto che ne ha parecchie. È anche una questione che ha a che fare con il rispetto, non trovo corretto che continui a parlare del personale di un’altra squadra”.

“Max ha ancora un contratto a lungo termine con Red Bull – ha proseguito Mintzlaff - e non ha mai detto una solo parola in merito alla volontà di non rispettarlo. Non sono affatto preoccupato dalle indiscrezioni secondo le quali starebbe considerando un cambio di team, vogliamo solo che all’interno della nostra squadra torni la calma, ed è ciò che vuole anche Max".

"La tranquillità è fondamentale se vuoi avere successo nello sport a lungo termine, ed è così anche in Formula 1, aggiungo anche che non vedo alcun motivo per cui Max possa voler abbandonare la Red Bull. Ha a disposizione la monoposto più veloce, vuole restare campione del mondo e con noi ha le migliori possibilità di centrare i suoi obiettivi”.

Poco prima delle qualifiche disputare ieri a Miami, Wolff ed Helmut Marko si sono incontrati nel paddock appartandosi per un colloquio durato qualche minuto con le telecamere a distanza di sicurezza. Marko successivamente ha negato che l’argomento affrontato con Wolff sia stato l’intervista di Mintzlaff, tagliando corto sulla vicenda Mercedes. “Ricordo che Max ha un contratto con noi – ha spiegato Marko - e visto come sta andando la Mercedes in questo momento, non credo che possa essere considerata una valida alternativa alla Red Bull”.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Video F1 | D'Alessandro: "La Ferrari senza modifiche vicinissima alla Red Bull"
Prossimo Articolo F1 | Verstappen fa la differenza anche quando non può farla la Red Bull

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia