Mercedes: Wolff smentisce la cessione della maggioranza

Il team principal assicura che il team Mercedes AMG Petronas F1 resterà nel futuro della F1 e che non ha alcuna intenzione di liberarsi della sua partecipazione. L'austriaco, però, si è guardato bene dal negare un coinvolgimento dello sponsor Ineos con un ruolo minoritario, visto che è già partner di diversi progetti paralleli ai GP (America's Cup e ciclismo).

Mercedes: Wolff smentisce la cessione della maggioranza

Toto Wolff ha smentito le anticipazioni di stampa del Daily Mail secondo le quali la Mercedes potrebbe vendere la maggioranza del pacchetto azionario del team di Brackley. La Stella, quindi, rimane protagonista in Formula 1, ma l’austriaco si è guardato bene dal negare un coinvolgimento dello sponsor Ineos che è sempre più presente nei piani della squadra diretta da Toto.

Ineos a febbraio era stato ufficializzato come sponsor della Mercedes AMG Petronas F1 dando il via a una collaborazione che ha dato vita alla divisione Mercedes Applied Science che ha allargato i propri interessi al di là della F1, fornendo supporto tecnico ai programmi nell’America’s Cup di vela e nel ciclismo.

INEOS è stato annunciato per la prima volta come partner del team lo scorso dicembre, inizialmente in collaborazione con una nuova divisione Applied Science che fornisce supporto tecnico per i programmi di ciclismo e vela dell'azienda chimica, lasciando aperta la possibilità che il colosso petrolchimico possa avere altri coinvolgimenti a Brackley.

A specifica domanda di Motorsport.com Toto Wolff ha risposto…

"Ci sono persone che raccolgono indizi e costruiscono la storia attorno ad essi – ha ammesso Toto - . Abbiamo un rapporto magnifico con Ineos, lavoriamo insieme in diversi progetti high-tech con l'America's Cup e il team di ciclismo.

“E la partnership è molto importante. Abbiamo le stesse ambizioni nelle rispettive squadre sportive. Ed è per questo che Ineos è nostro partner. Oltre a ciò, tutto il resto è solo speculazione. La Daimler non ha alcuna intenzione di rinunciare al team e Ineos non ha alcun interesse ad acquisire la maggioranza della squadra per rinominarla”.

"E io non ho motivo di rinunciare alla mia partecipazione. Quindi, molte cose dette sono state inventate".

In realtà Ineos, come abbiamo spiegato ieri, ha la volontà di entrare nel team di F1 con una quota di minoranza, ma non è affatto chiaro chi dovrebbe vendergli le azioni e cioè se Ola Kallenius, voglia alleggerire il 70% di Mercedes (ha acquisito anche il 10% di Lauda che è stato liquidato alla famiglia di Niki dopo la scomparsa dell’austriaco), oppure voglia che sia Toto a vendere il suo 30%.

Wolff ha escluso la seconda ipotesi (uno dei motivi di discordia con il presidente Daimler sarebbe la cifra che potrebbe valere la sua partecipazione), ma non ha negato un coinvolgimento di Ineos nel team Mercedes di F1.

La Casa di Stoccarda, quindi, potrebbe diluire la sua presenza nei GP, dando stabilità al progetto nell’avvio delle nuove regole del 2022 e poi guardando al futuro più a lungo termine con occhi diversi, tenuto conto che proprio la Mercedes ha strappato alla F1 una clausola di uscita dal Patto della Concordia in anticipo sulla scadenza dell’accordo di cinque anni.

“Il futuro della squadra è chiaro. Il team resterà Mercedes AMG Petronas F1. E niente cambierà - ha concluso Wolff - . E riguardo a Lewis con le tre gare a fila non abbiamo avuto il tempo per discutere il rinnovo, ma ora si tratta solo di sedersi al tavolo e chiudere”.

condivisioni
commenti
F1: warning a 12 piloti per il crash sul rettilineo del Mugello

Articolo precedente

F1: warning a 12 piloti per il crash sul rettilineo del Mugello

Prossimo Articolo

Retroscena Mercedes: rivisto lo spettro di Silverstone!

Retroscena Mercedes: rivisto lo spettro di Silverstone!
Carica commenti
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021