Mercedes: tanto fumo, ma niente è andato arrosto

Alla ripartenza dopo la prima bandiera rossa del GP di Toscana, Lewis Hamilton ha accusato un surriscaldamento dei freni anteriori con fumo e qualche lingua di fuoco che è uscita dai cerchi. L'inglese ha spiegato cosa è successo, ma che il problema è stato superato non appena la W11 si è mossa. Al Mugello la Mercedes ha portato delle prese parzializzate e nella bassa andatura del giro di formazione della seconda griglia i freni sono andati oltre mille gradi!

Mercedes: tanto fumo, ma niente è andato arrosto

Lewis Hamilton la preoccupazione maggiore nel GP di Toscana l’ha avuta alla prima ripartenza da fermo dopo la bandiera rossa, quando i freni anteriori hanno cominciato a fumare sulla griglia, mostrando anche qualche fiamma che si stava propagando nel cestello in carbonio.

Il team Mercedes ha analizzato tutti i dati ed è emerso che il surriscaldamento sulla griglia del Mugello sulla W11 dell’esa-campione è stata causata dalla limitata portata delle prese d’aria dei freni.

A causa del lungo rettilineo d’arrivo e delle molte curve veloci la pista toscana richiede un impianto dei freni con un raffreddamento più limitato rispetto ad altre piste, ragione per cui le prese montate era più piccole del solito per creare una minore resistenza aerodinamica in un’area molto delicata della monoposto.

L’effetto è stato che, quando la freccia nera procedeva a bassa velocità nel giro di formazione della seconda partenza da fermo della giornata, dopo la lunga sosta ai box per la bandiera rossa, Lewis ha registrato un surriscaldamento dei freni.

"Avevo visto che c’era una differenza di temperatura fra i freni anteriori di quasi duecento gradi – ha spiegato Hamilton a Motorsport.com – e per portare alla giusta soglia quello che era sotto al limite, ho cominciato a spingere sul pedale e li ho portati fino a mille gradi, per poi cercare di raffreddarli dall'ultima curva fino alla partenza”.

“Quando sono arrivato in griglia ho visto che spuntava del fumo dai cerchi anteriori, ed ero decisamente preoccupato perché penso di aver visto anche del fuoco: non va bene, perché rischia di bruciare tutto ciò che è all'interno del cestello”.

"Per fortuna la partenza è stata data in tempi relativamente brevi, e sa quel momento non ho più avuto problemi, ma ero arrivato davvero problemi, ma ero al limite".

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, fa un pit stop e gli fumano i freni anteriori

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, fa un pit stop e gli fumano i freni anteriori

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

Il capo degli ingegneri in pista, Andrew Shovlin, ha spiegato che anche se il fumo faceva impressione, il principio d'incendio non era nulla di preoccupante.

"Le prese dei freni erano più chiuse del solito, perché al Mugello non si frena molto, quindi è necessario avere condotti parzializzati per raggiungere buone temperature di esercizio. Per cui a bassa velocità non c’era una portata d’aria sufficiente. La preoccupazione era che potesse riportare qualche danno un particolare nel cestello, ma è bastato muoversi per cancellare il problema. E devo dire che non ci siamo impanicati per questo”.

Le cose non sono andate altrettanto bene a Esteban Ocon che è stato costretto al ritiro prima della prima ripartenza a causa di alcuni detriti che hanno ostruito una brake duct posteriore, causando come a Hamilton, un surriscaldamento nei freni:

"Quando la safety car è uscita - ha spiegato il direttore sportivo Renault, Alan Permane - . i freni di Esteban hanno toccato temperature molto elevate che hanno rovinato un tubo che si è cotto, tant’è che abbiamo visto inondare di olio il retrotreno della monoposto…”.

condivisioni
commenti
Ferrari: mai così male? La storia dice che non è vero

Articolo precedente

Ferrari: mai così male? La storia dice che non è vero

Prossimo Articolo

Stroll: test segreto a Imola con una vecchia GP2

Stroll: test segreto a Imola con una vecchia GP2
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021