Mercedes: superiorità straripante che fa già discutere

Su una pista tortuosa come l'Hungaroring c'è chi pone dei dubbi sul dominio della power unit delle frecce nere. La W11 ha conquistato la prima fila con Hamilton e Bottas anche con una perfetta gestione delle gomme.

Mercedes: superiorità straripante che fa già discutere

Le indicazioni di venerdì sono state confermate. La Mercedes ha fatto il vuoto alle sue spalle, dall’alto di una superiorità assoluta che non era così scontata sui 4.381 metri dell’Hungaroring.

Nelle valutazioni di giornata va tenuto conto anche del weekend ‘no’ della Red Bull, ma davanti alle due W11 viste oggi diventa difficile immaginare uno scenario con degli avversari in grado di impensierire Lewis Hamilton e Valtteri Bottas.

Distacchi abissali (1 secondo sulla prima Racing Point, 1”3 sulla prima Ferrari) considerando la lunghezza della pista, confermati in tutti i settori dell’Hungaroring.

Nessuno stress, quando si è trattato di montare le gomme medie in Q2, così come quando è arrivato il momento di lottare per la pole position. In modalità ‘strat2’, ovvero la mappatura più estrema della power unit di Brixworth, i tempi sono calati ulteriormente di circa otto decimi, nel caso di Hamilton, ed un secondo con Bottas. Il finlandese ha anche sperato nel colpaccio, grazie ad un terzo settore strepitoso, ma alla fine a fare la differenza è stato un decimo a favore di Hamilton.

Era da tempo che non si vedeva una Mercedes così autoritaria ed ovviamente aspettiamoci reazioni da parte degli avversari diretti. Sembra di essere tornati indietro nel tempo, quando a destare curiosità e sospetti era il famoso ‘bottone magico’, mentre oggi il grande interrogativo degli altri motoristi è come possa la Mercedes avere fatto un salto in avanti così poderoso nonostante le restrizioni introdotte in merito al consumo di olio, che ha portato a 0,3 kg (dai 0,6 del 2019) la quantità a disposizione ogni 100 chilometri.

Quando un team domina, è nella natura delle corse che spuntino sospetti, e le battute nel paddock si sprecano: “Avrebbero potuto fare a meno di costruire la monoposto 2020”, in riferimento alla performance della Racing Point, o “con le fumate di olio che abbiamo visto i 300 grammi di olio dovrebbero essere già finiti dopo pochi chilometri”.

Ci sta, fa parte del mondo delle corse, ma senza interventi da parte della FIA restano commenti e speculazioni. C’è anche però chi sottolinea che vantaggi di questa entità normalmente emergono quando la gestione delle gomme è perfetta, un fronte sul quale il DAS sarebbe uno strumento (ed una fonte di informazioni) incredibilmente utile per lo sfruttamento perfetto degli pneumatici , ed in effetti le gestione delle gomme è stata tirata in ballo anche nell’analisi della superpole di Hamilton a Spielberg.

Toto Wolff ha tagliato corto, motivando la superiorità mostrata dalle sue monoposto anche con condizioni ambientali favorevoli.
“Le temperature più basse sono congeniali al funzionamento del nostro pacchetto”, ha commentato il team principal della Mercedes, ma quando poi gli è stato detto di commentare le parole pronunciate ieri da Mattia Binotto in merito al peso che hanno avuto le nuove direttive FIA sulla power unit Ferrari è uscito allo scoperto:
“Sono caz...te, esiste una chiara regolamentazione sulle power unit, ci sono stati chiarimenti ad Austin (nel 2019) su cosa è permesso fare o cosa no, ma nulla di sorprendente, era già chiaro. Penso che l'ironia di questa storia sia che alcuni dei nostri avversari ci hanno spinto a livelli assolutamente nuovi. La scorsa stagione ci ha portato quasi all’esaurimento, abbiamo dato tutto per sviluppare e innovare in modo da essere competitivi, ed eccoci qui. Penso che abbiamo fatto un notevole balzo in avanti rispetto al 2019 e questo per me è un po’… ironico”.

Gli ingredienti per una seconda parte di estate particolarmente ‘calda’ ci sono tutti, ma nell’immediato l’attenzione della Mercedes è sulla gara di domani.
“Finora tutto è andato per il meglio – ha spiegato il capo degli ingegneri di pista. Andrew Shovlin – e non vediamo l'ora che arrivi la gara domani, ma non diamo nulla per scontato; è probabile che possa esserci una pioggia intensa, e su questa pista quando piove ci sono sempre molti incidenti”.

Ed in effetti l’unico motivo di preoccupazione per il box Mercedes può arrivare da cause esterne, questo weekend non si può pensarla diversamente.

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
1/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
2/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, festeggia la pole position firmando il Trofeo Pirelli
Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, festeggia la pole position firmando il Trofeo Pirelli
3/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, festeggia con il compagno di squadra dopo essersi assicurato la pole
Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, festeggia con il compagno di squadra dopo essersi assicurato la pole
4/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
5/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
6/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
7/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1
Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1
8/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

James Allison, Technical Director, Mercedes AMG
James Allison, Technical Director, Mercedes AMG
9/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
10/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
11/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
12/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
13/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, dopo essersi assicurato la pole
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, dopo essersi assicurato la pole
14/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000
15/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
16/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1
Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1
17/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1
Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1
18/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
19/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance
20/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ferrari: trovato il punto per ripartire da zero?

Articolo precedente

Ferrari: trovato il punto per ripartire da zero?

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: le Qualifiche del GP d'Ungheria

Fotogallery F1: le Qualifiche del GP d'Ungheria
Carica commenti
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021