Mercedes stupisce e Red Bull si arrocca in difesa

La squadra di Milton Keynes non si aspettava la netta supremazia delle frecce nere nelle qualifiche del GP d'Ungheria. Il team di Verstappen ha cambiato la sua strategia adottando scelte di chi si è messo in una tattica difensiva per giocare di rimessa. Scopriamo cosa ha spinto lo staff leader del mondiale a rivedere i piani con scelte che si sono rivelate perdenti.

Mercedes stupisce e Red Bull si arrocca in difesa

In quindici minuti lo scenario del Gran Premio d’Ungheria, in programma domani, è drasticamente cambiato. L’apparenza, sotto forma del passo confermato da Max Verstappen in Q1, ha portato fuori strada, facendo intendere che l’olandese sarebbe stato in grado di puntare alla pole position.

Verstappen ha chiuso il primo turno di qualifica da leader, con 0”210 di vantaggio su Lewis Hamilton e 0”396 su Valtteri Bottas. Poi ha preso forma uno scenario ben diverso all’inizio della sessione Q2, quando le due Mercedes e le due Red Bull sono tornate in pista con gomme medie.

Hamilton si è confermato più veloce di Max di due decimi, ed a quel punto nel box Red Bull è suonato l’allarme.

L’impressione è che il team capoclassifica del Mondiale 2021 abbiano avuto la conferma che a parità di condizioni non ce l’avrebbero fatta a concludere al comando i 70 giri di gara in programma domani.

La prima scelta difensiva è stata quella di tornare in pista con pneumatici soft e cambiare strategia di gara, con Verstappen capace di chiudere il turno Q2 al comando con il crono di 1’15”650.
“Quando abbiamo visto che con gomme medie non tenevamo il passo di Lewis abbiamo deciso di cambiare tattica – ha ammesso Horner - anche se ovviamente avrei preferito iniziare la gara con quella mescola”.

Nei piani della Red Bull c’era comunque la speranza concreta di poter comunque scattare dalla pole, ma in Q3 è arrivata un’altra doccia fredda, con Verstappen che ha subito lamentato mancanza di ‘grip’ senza essere in grado di replicare il tempo ottenuto pochi minuti prima nell’ultimo ‘run’ della Q2.
“È stata una situazione strana – ha commentato Max – in Q3 non c’era più lo stesso equilibrio che avevo nella Q2, dovremo analizzare molti parametri, come il vento, la temperatura della pista, le gomme, la preparazione, possono essere tanti i fattori”.

L’ultima brutta notizia per Verstappen e la Red Bull è che nel margine che lo ha separato da Hamilton (ben 0”421) si è infilato Valtteri Bottas. Uno scenario da incubo per l’olandese, che a fine sessione non è riuscito a nascondere il suo disappunto sfociato poi in conferenza stampa quando gli è stata posta una domanda in merito ai fatti di Silverstone.

Tirando le somme, sui sessanta gradi d’asfalto dell’Hungaroring la Mercedes ha confermato di avere qualcosa in più, soprattutto con le mescole più dure, ed è quelle che utilizzerà domani in gara.

La Red Bull è sembrata aver subito un contropiede che non era nei piani, e in quest’ottica si spiega anche l’ostinata volontà di voler lanciarsi alle spalle delle due Mercedes nell’ultimo ‘run’ della Q3, a dispetto del countdown che annunciava l’imminente bandiera a scacchi.

Un segnale di debolezza, in altri momenti dal box sarebbe arrivato il segnale di farsi strada e al diavolo la scia.
“Lewis aveva già messo a segno un tempo notevole con il primo set di gomme – ha commentato Horner – e ovviamente non voleva dare la scia alle nostre monoposto. Ma era suo diritto farlo, aveva la sua posizione e da parte nostra non ci sono problemi”.

Nel sabato di Budapest c’è però anche da sottolineare il giro magistrale che ha dato la pole position a Hamilton.
“Il giro è stato incredibile – ha confermato Lewis – ma è stato un lavoro di squadra straordinario da parte di tutti, Valtteri compreso. Il margine sulle Red Bull? Mi ha sorpreso, non me lo aspettavo, credo che siamo riusciti a mettere la monoposto in una finestra di funzionamento molto buono, e credo che dovrebbe essere anche meglio domani. Sarà però cruciale cercare di mantenere il comando dal via alla curva 1, perché (Max) avrà un vantaggio in quel frangente legato alle gomme soft”.

I settanta giri in programma domani non saranno una passeggiata, e Hamilton lo sa molto bene, ma la tavola è apparecchiata nel modo migliore possibile. Lewis e la Mercedes hanno tutto per lasciare Budapest ed andare in vacanza da leader di classifica, uno scenario che solo tre settimane fa sarebbe sembrato decisamente ottimista anche al fan più accanito del tandem campione del Mondo.

condivisioni
commenti
Bobbi: "Max parte sulla Soft, gara d'azzardo a due soste"

Articolo precedente

Bobbi: "Max parte sulla Soft, gara d'azzardo a due soste"

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: le qualifiche del GP d'Ungheria

Fotogallery F1: le qualifiche del GP d'Ungheria
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021