Formula 1
09 mag
Prossimo evento tra
64 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
96 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
103 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
113 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
120 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
134 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
148 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
176 giorni
02 set
Prossimo evento tra
183 giorni
09 set
Prossimo evento tra
190 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
204 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
211 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
218 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
232 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
239 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
275 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
284 giorni

Mercedes: si comincia a sentire la pressione di Verstappen

La squadra di Brackley ha monopolizzato la prima fila del GP dell'Eifel, ma certe scelte strategiche sulle gomme evidenziano la volontà della squadra di mettere alla pari i due piloti delle frecce nere oltre a rivelare che la minaccia della Red Bull di Verstappen è sempre più concreta. Bottas ha messo insieme il giro perfetto, mentre Hamilton non ha avuto il consueto tempo per mettere a posto ogni tassello del suo puzzle. Sta cambiando qualcosa?

Mercedes: si comincia a sentire la pressione di Verstappen

La terza pole position stagionale, dopo quelle di Spielberg e Silverstone, è indubbiamente quella che ha soddisfatto maggiormente Valtteri Bottas. Il margine di 0”256 su Lewis Hamilton è stato il maggiore che il finlandese ha inflitto al compagno di squadra (a Spielberg erano stati 12 millesimi, a Silverstone 63), a conferma di un giro perfetto che possiamo definire alla… Hamilton.

Bottas ha dato tutto nella tornata conclusiva, con i tre settori ‘fucsia’ che hanno reso scontato l’esito finale, ovvero pole position.

In un weekend reso anomalo dalla cancellazione delle sessioni FP1 e FP2, i piloti hanno avuto a disposizione solo i sessanta minuti della FP3 per prepararsi alla qualifica, ed i valori in campo ne hanno risentito.

La sorpresa, in negativo, è arrivata da Hamilton, che ha pasticciato un po' nei momenti clou della qualifica (in Q3 non è riuscito a replicare il tempo della Q2) e forse non è una casuale. Il sei volte campione del Mondo ha maturato nel tempo una capacità unica di lavorare nell’arco di tutto il weekend di gara, sfruttando ogni giro a disposizione per mettere a punto nel modo migliore sia la guida che gli aspetti tecnici della sua monoposto.

Le tre ore di prove perse ieri hanno stravolto il programma di lavoro di team e piloti, e Lewis si è ritrovato a dover operare in modo differente.

In un weekend lineare avrebbe avuto modo di studiare al meglio l’interpretazione della curva 1, ad esempio, lavorando in modo ossessionante con il fido ingegnere Peter Bonnington, ma questo fine settimana molte certezze sono venute meno.

Bottas, che in qualifica si è confermato dalla prima gara molto vicino al compagno di squadra, ne ha subito approfittato conquistando la quattordicesima pole position della carriera.

Il mistero delle gomme gialle

Al via della sessione Q2 le Mercedes sono uscite dai box per il primo ‘run’ con pneumatici a mescola media, una scelta che non ha stupito più di tanto.

In più occasioni Hamilton e Bottas si sono potuti permettere di pensare alla gara quando il resto del gruppo inseguiva il passaggio in Q3, ma qualcosa questa volta non è andata come nelle previsioni.

Lewis ha subito completato un ottimo giro, ottenendo il crono di 1’26”183 (tempo che avrebbe consentito il passaggio del ‘taglio’) ma un po' a sorpresa nel secondo ‘run’ è tornato in pista con gomme soft, scelta fatta anche da Bottas.

Per il finlandese è stato un passaggio obbligato, visto che con le medie aveva girato in 1’26”954, un crono non sufficiente per passare in Q3, ma perché Hamilton ha rinunciato a prendere il via della gara con gomme gialle?

C’è una ragione tecnica, ma non solo. I dati a disposizione degli ingegneri con mescola ‘media’ erano molto pochi, e non sono sembrati migliori rispetto alla soft sul fronte del graining. In più nell’eventualità che domani al via della gara la pista dovesse essere umida, la mescola soft (che garantisce più grip) si confermerebbe la scelta ideale.

Ma non c’è solo il motivo tecnico dietro alla scelta della Mercedes. La necessità da parte di Bottas di tornare in pista con pneumatici soft, ha convinto la squadra a non differenziare le strategie tra i due piloti.

Inoltre la scelta delle gomme ‘rosse’ ha portato sia Valtteri che Lewis nelle stesse condizioni di Max Verstappen, che ha montato le soft sin dal primo run della Q2. In altri periodi il box Mercedes ha potuto permettersi di valutare le proprie strategie senza basarsi sulla concorrenza, ma Verstappen al Nurburgring si è confermato un avversario molto temibile, come hanno poi confermato i 37 millesimi che hanno separato al termine della Q3 Hamilton dall’olandese.

Meglio giocarsela alla pari, confidando nella chance di capitalizzare la partenza dalla prima fila. In casa Mercedes c’è tutto per vincere, chiariamo, ma i margini sempre più ridotti nei confronti di Verstappen, e non permettono più di dormire tra due guanciali.

condivisioni
commenti
Bottas: "Che gusto mettere insieme il giro perfetto!"

Articolo precedente

Bottas: "Che gusto mettere insieme il giro perfetto!"

Prossimo Articolo

Ferrari: ok la direzione (finalmente) è quella giusta

Ferrari: ok la direzione (finalmente) è quella giusta
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP dell'Eifel
Sotto-evento Qualifiche
Location Nürburgring
Piloti Lewis Hamilton , Valtteri Bottas
Team Mercedes
Autore Roberto Chinchero
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Come i nuovi investitori McLaren hanno già avuto un impatto in F1 Prime

Come i nuovi investitori McLaren hanno già avuto un impatto in F1

L’accordo che McLaren ha concluso l'anno scorso con MSP Sports Capital, che aiuterà il team di Formula 1 a corto di liquidità a pagare per i tanto necessari aggiornamenti delle infrastrutture, punta anche al futuro della Formula 1 stessa, come analizza Stuart Codling di GP Racing.

F1 Stories: W01, la prima Mercedes di Schumacher Prime

F1 Stories: W01, la prima Mercedes di Schumacher

La W01 è la monoposto che rappresenta il ritorno della firma Mercedes in Formula 1, un'assenza che perdurava dal lontano 1955. Ma è anche la vettura che accompagna il ritorno della leggenda Schumacher in un campionato del mondo, nel 2010.

Verstappen: un basso profilo per sorprendere nel 2021? Prime

Verstappen: un basso profilo per sorprendere nel 2021?

L'olandese non si è voluto sbilanciare in occasione del filming day della Red Bull circa le reali potenzialità della RB16B. Pretattica o forse Max è rimasto scottato troppe volte negli anni passati?

Formula 1
27 feb 2021
Alfa Romeo: si sacrifica il 2021 per puntare tutto sul 2022 Prime

Alfa Romeo: si sacrifica il 2021 per puntare tutto sul 2022

Già dalla presentazione si è capito che l'Alfa Romeo deciderà di sacrificare il 2021 e portare pochi sviluppi per puntare tutto sul 2022 e cercare di risalire la china sfruttando il cambiamento regolamentare.

Formula 1
27 feb 2021
F1 Stories: Da Tyrrell a Mercedes, il filo inglese del destino Prime

F1 Stories: Da Tyrrell a Mercedes, il filo inglese del destino

Cos'hanno in comune la Tyrrell e la Mercedes? Molto più di quel che sembra. Infatti, un semplice cambio di residenza della Casa di Stoccarda, ha generato un filo conduttore tra tante squadre diverse tra loro. Un viaggio nella storia della Formula 1 che parte dagli anni Settanta.

Formula 1
27 feb 2021
Gasly: i pro e i contro della permanenza in AlphaTauri Prime

Gasly: i pro e i contro della permanenza in AlphaTauri

Il pilota francese proseguirà la sua esperienza con AlphaTauri anche nel 2021 ed avrà il compito di essere la guida del team di Faenza. Il mancato ritorno in Red Bull dopo un 2020 spettacolare, però, potrebbe segnare il suo futuro.

Formula 1
26 feb 2021
I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap? Prime

I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap?

Il 2021 vedrà alcune modifiche tecniche e regolamentari che potrebbero avere un grande impatto sullo show in pista. Rodi Basso ha analizzato i pro e i contro, con una particolare attenzione alle zone grigie del budget cap.

Formula 1
26 feb 2021