Formula 1
09 mag
Prossimo evento tra
60 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
99 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
109 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
116 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
130 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
144 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
172 giorni
02 set
Prossimo evento tra
179 giorni
09 set
Prossimo evento tra
186 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
200 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
207 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
235 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
271 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
280 giorni

Mercedes: Russell al posto di Hamilton? Paure e certezze

La positività di Hamilton al Covid costringe Toto Wolff a sostituire il sette volte campione del mondo nel GP di Sakhir. Il favorito è George, ma l'okay della Williams non è scontato. Diversamente sulla W11 vedremo Vandoorne, il "jolly" di diverse squadre. Il debutto di Russell, però, potrebbe avere riflessi importanti sull'assetto futuro della squadra: e se il ragazzo inglese stesse subito davanti a Bottas, si svaluterebbe Valtteri, ma anche molti successi di Hamilton?

Mercedes: Russell al posto di Hamilton? Paure e certezze

Nel team Mercedes la settimana tra le due gare sul circuito di Al Sakhir doveva essere all’insegna di un certo relax.

La notizia della positività di Lewis Hamilton ha drasticamente cambiato i piani, e per Toto Wolff la vigilia del Gran Premio di Sakhir sarà più frenetica del previsto. C’è da trovare un pilota da schierare al fianco di Valtteri Bottas e le idee sono abbastanza chiare.

La Mercedes proverà a chiedere alla Williams la disponibilità di George Russell, nella speranza che il team inglese conceda l’okay. Ipotesi tutt’altro che scontata, considerando che già la scorsa estate era arrivato da parte di Claire Williams un secco “no” alla richiesta di liberare il pilota (pur sempre del vivaio Mercedes) per la stagione 2021.

Ora la proprietà è diversa e sarà interessante verificare cosa decideranno i responsabili della Dorliton Capital, la finanziaria che ha preso il controllo della squadra di Grove.

Russell resta comunque la prima scelta e non solo per una questione di ‘colori’. Di fatto è la migliore alternativa possibile a Hamilton, l’unica per poter schierare un pilota che ha corso tutte le gare della stagione (inclusa quella dello scorso weekend) e che conosce già la squadra Mercedes avendoci svolto dei test.

Se però non arriverà l’okay, il secondo pilota nella lista di Wolff è Stoffel Vandoorne, che durante il 2020 è stato spesso sui campi di gara. In realtà il belga dal giovedì al sabato mattina è sempre rimasto in Hotel scelti in prossimità della pista, essendo disponibile come riserva per più squadre, ruolo che gli ha impedito di entrare in una specifica ‘bolla’.

La scelta Russell affascinante e… rischiosa

Se arriverà l’autorizzazione a poter schierare Russell, i verdetti del prossimo weekend diventeranno estremamente interessanti, perché potenzialmente in grado di alterare equilibri che in casa Mercedes si sono cementati negli ultimi quattro anni.

Uno scenario in cui George dovesse confermarsi davanti a Bottas, sarebbe devastante per il finlandese. Un conto è ritrovarsi alle spalle di un sette volte campione del Mondo, altra cosa prendersi la paga da un giovane di grande talento ma pur sempre al secondo anno di Formula 1.

Ma non è solo questo. Hamilton deve ancora mettere la firma sul contratto che lo legherà alla Mercedes per il 2021 (con opzione per il 2022), e qualora la sua monoposto si ritrovasse davanti a quella di Bottas, sarebbe una mazzata sul fronte contrattuale, che ha già subito una discreta ‘botta’ dal periodo Covid.

Sono azzardi che Wolff sembra deciso a correre, perché se da una parte c’è il rischio di rompere un equilibrio che ha sempre garantito alla Mercedes i massimi risultati, dall’altro un pilota a costo ‘zero’ che si confermasse in grado di portare la monoposto dove è stata domenica scorsa nelle mani di Hamilton, consentirebbe al team campione del Mondo un potenziale risparmio economico ad otto cifre alla voce “retribuzione piloti”.

Bottas sul fronte finanziario è più tranquillo, avendo già firmato il contratto per il 2021, ma resta sempre aperta la possibilità che il team possa decidere di fare a meno dei suoi servizi. Possibilità molto, molto remota, ma in Formula 1 una classifica può essere motivo di tanti ripensamenti, e non sarebbe la prima volta.

condivisioni
commenti
Steiner: "Grosjean vuole tornare a correre ad Abu Dhabi"

Articolo precedente

Steiner: "Grosjean vuole tornare a correre ad Abu Dhabi"

Prossimo Articolo

Grosjean: "Nel rogo è come se fossi nato un'altra volta!"

Grosjean: "Nel rogo è come se fossi nato un'altra volta!"
Carica commenti
Perché l'arrivo di Aston Martin in F1 è molto più di una livrea Prime

Perché l'arrivo di Aston Martin in F1 è molto più di una livrea

La presentazione più attesa della Formula 1 era sicuramente quella della Aston Martin e i cambiamenti dicono che c'è molto di più di una fantastica livrea, perché l'idea è quella di creare solide fondamenta, più che ripartire da un team già avviato.

Perché la Haas sta sacrificando la sua stagione 2021 Prime

Perché la Haas sta sacrificando la sua stagione 2021

La Haas affronterà il 2021 senza portare alcun aggiornamento aerodinamico sulla sua monoposto. Il team ha deciso di puntare tutto sul 2022, preservando le risorse economiche. Sarà la scelta giusta?

Aston Martin AMR21: è l’arma di Vettel per tornare grande? Prime

Aston Martin AMR21: è l’arma di Vettel per tornare grande?

L'Aston Martin AMR21 è la monoposto che segna il rientro del costruttore inglese in Formula 1. I punti di contatto con Mercedes W11 e W12 sono evidenti, a prima vista, ma andando nello specifico vediamo come certe soluzioni abbiano preso direzione propria. Sarà la monoposto che permetterà a Sebastian Vettel di potersi rilanciare dopo ultime stagioni opache in Ferrari?

Formula 1
4 mar 2021
Alpine A521: può essere l’arma vincente di Alonso? Prime

Alpine A521: può essere l’arma vincente di Alonso?

L'Alpine A521 succede alla Renault R.S.20, andando a riprenderne molti dei punti di forza senza tuttavia evolverli. Andiamo a conoscere più da vicino il team di Enstone che riporta in F1 Fernando Alonso e che, in questa stagione, sarà diretto da Davide Brivio

Formula 1
4 mar 2021
F1 Stories: Lella Lombardi, l'unica Prime

F1 Stories: Lella Lombardi, l'unica

Il 3 marzo del 1992 ci lasciava Lella Lombardi, l'unica donna a conquistare punti nella storia della Formula1. Riviviamo la sua storia, la sua impresa, e il suo più grande amore: le corse.

Formula 1
3 mar 2021
Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare Prime

Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare

La Mercedes W12 è una monoposto che va ad estremizzare alcuni concetti visti sulla W11 ma anche sulla concorrenza. Gli attenti uomini guidati da James Allison sono andati alla ricerca del carico perduto - per motivi regolamentari - al retrotreno, massimizzando l'effetto Coanda. Ma non solo...

Formula 1
3 mar 2021
I 10 punti interrogativi sulla stagione 2021 di Formula 1 Prime

I 10 punti interrogativi sulla stagione 2021 di Formula 1

23 gare sono troppe? La Red Bull riuscirà a lottare con la Mercedes? Sainz sarà al livello di Leclerc in Ferrari? Karun Chandhok ha analizzato i 10 punti interrogativi della stagione 2021 di Formula 1.

Formula 1
2 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021