F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Mercedes ricusa il fondo con le onde e cambia il bargeboard

La squadra campione del mondo rinuncia alla soluzione che per il dt, James Allison, doveva essere rivoluzionaria e che, invece, non ha funzionato secondo le aspettative. Sulla W12 è stato rivisto l'andamento dei flussi per migliorarne l'efficienza aerodinamica. Per Wolff e Hamilton, non si tratta di interventi utili a raggiungere il potenziale della Red Bull, ma a Silverstone è attesa una freccia nera più competitiva che in Austria.

Mercedes ricusa il fondo con le onde e cambia il bargeboard

Toto Wolff aveva parlato di piccole modifiche, mentre la Mercedes a Silverstone ha portato un pacchetto di novità tecnicamente consistente nel tentativo di ricucire il gap dalla Red Bull di Max Verstappen che rischia di prendere il largo non solo nel mondiale piloti.

La squadra di Brackley ha lavorato alacremente in galleria del vento per reagire a una monoposto poco sensibile alle modifiche di set up: l’andamento dei vortici è stato modificato nel tentativo di ritrovare in Gran Bretagna quella efficienza che non ha permesso in Austria l’ottimale sfruttamento delle gomme Pirelli, mettendo in seria difficoltà Lewis Hamilton e Valtteri Bottas.

Anche il pilota inglese che non ha più vinto dal GP di Spagna è dell’idea che le novità non basteranno a raggiungere la RB16B, ma gli interventi riguardano una zona nevralgica della vettura per migliorare l’efficienza del fondo.

Completamente nuovo è il bargeboard: subito a monte dell’elemento che si ancora in alto al telaio (riconoscibile per la scritta F1 W12), c’è la struttura verticale principale che è più lineare senza la prima bombatura e l’indispensabile soffiatura. Più in alto è cambiato anche il boomerang superiore che non si arcua verso il basso andando verso il posteriore, ma resta orizzontale.

Nuovo è anche il supporto che si collega al deviatore di flusso verticale ai lati delle pance:questo particolare non si allaccia più all'ala centrale.

Gli aerodinamici di Brackley, infatti, hanno praticamente dimezzato l’altezza del profilo verticale che si alza sul prolungamento del fondo: è rimasto il supporto con tanto di soffiaggio, ma più in alto c’è stata l’estensione della “tapparella” di flap: i cinque elementi sono più lunghi e arrivano ben oltre il sostegno a due gambe in carbonio.

Il candelabro ai lati delle pance è cambiato nel punto di attacco al fondo: fino all’Austria c’era un elemento che si rastremava molto verso il dietro, mentre ora è tornato a essere di forma rettangolare con l’aggiunta al piede di un flap orizzontale che pettina il flusso.

Ma la modifica più importante riguarda il fondo: il pavimento rivoluzionario di inizio stagione era caratterizzato dalle famose onde a forma di conchiglia che, evidentemente non hanno dato i risultati che gli ingegneri diretti da James Allison si aspettavano.

In Gran Bretagna farà il suo debutto un marciapiede dall’andamento perfettamente rettilineo, sormontato da una “maniglia” molto lunga che arriva fino al taglio a Z e con due soffiaggi.

Come si può ben comprendere dall'immagine di Giorgio Piola, l’andamento dell’aria è stato rivisto nella speranza di ridurre la resistenza all’avanzamento e migliorare le velocità massime, visto che la power unit Honda, tutt’al più può pareggiare il conto dei cavalli con la motorizzazione ibrida della Stella.

condivisioni
commenti
Red Bull: c'è un grande convogliatore di flusso sul fondo

Articolo precedente

Red Bull: c'è un grande convogliatore di flusso sul fondo

Prossimo Articolo

Gasly: "Con Marko un incontro positivo sul futuro"

Gasly: "Con Marko un incontro positivo sul futuro"
Carica commenti
Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due! Prime

Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due!

Lewis Hamilton e Max Verstappen se le sono suonate in pista a Silverstone, mentre Toto Wolff e Christian Horner continuano a beccarsi a livello mediatico. I due team principal stanno alimentando la rivalità sportiva con comportamenti e dichiarazioni che andrebbero misurati. Quali saranno gli effetti in Ungheria di questi atteggiamenti aggressivi e utilitaristici?

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1 Prime

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1

Grand Prix 2 e Formula 1 '96 sono due giochi che hanno segnato un'era a cavallo della metà degli anni '90. Titoli di riferimento al momento dell'uscita, possono essere riconosciuti come veri e propri precursori del genere arcade e simulativo che ha aperto la strada ai videogames odierni

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

Formula 1
26 lug 2021
F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Formula 1
26 lug 2021
Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021
F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Formula 1
24 lug 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021