Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Prove Libere 1 in
16 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
22 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
60 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
74 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
78 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
95 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
109 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
137 giorni
05 set
Gara in
144 giorni
12 set
Gara in
151 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
165 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
169 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
179 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
193 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
200 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
242 giorni

Mercedes: quel pit di Bottas con la pistola... automatica

James Allison, dt Mercedes, ha spiegato in dettaglio come mai Valtteri ha lasciato più di 10 secondi nel secondo pit stop del GP del Bahrain: ecco cosa non ha funzionato nella sostituzione dell'anteriore destra.

Mercedes: quel pit di Bottas con la pistola... automatica

La vittoria è un medicinale utile per guarire ogni patologia sportiva, e l’esito del Gran Premio del Bahrain ha reso impeccabile il lavoro svolto da squadra e piloti della Mercedes nell’arco del weekend di Sakhir.

C’è stato però un imprevisto che avrebbe potuto compromettere il successo, ma per fortuna del team campione del Mondo è accaduto a Valtteri Bottas, ovvero il problema al secondo pit-stop del finlandese. Un inconveniente che se si fosse verificato sulla monoposto di Lewis Hamilton avrebbe comportato l’azzeramento di ogni chance di successo.

Il tempo della sosta necessaria per montare quattro pneumatici è ormai nell’ordine di due secondi (alcune squadre nelle strategie considerano 2"5) ma nel caso di Bottas è stato di 10 secondi a causa di un problema verificatosi sulla ruota anteriore destra.

“Valtteri ha centrato perfettamente la posizione di stop della monoposto – ha spiegato il direttore tecnico James Allison – e questo facilita molto l’operazione, ma sfortunatamente uno dei meccanici nella fase di svitamento della ruota ha estratto la pistola in anticipo, quando lo svitamento non era stato ancora completato”.

Il meccanico addetto a rimuovere la gomma da sostituire non è riuscito nel suo compito trovando la gomma ancora bloccata, così l’addetto allo svitamento/avvitamento ha inserito nuovamente la pistola per completare l’operazione non riuscita al primo tentativo. Ma anche in questo caso il dado è rimasto avvitato al suo posto.
“Il modello di pistola che utilizziamo è stato progettato in modo da riconoscere autonomamente quando è stata completata l’operazione di svitamento – ha spiegato Allison – ed inverte automaticamente il senso di rotazione per la successiva operazione di avvitamento della gomma nuova”.

Quando il meccanico ha commesso l’errore di valutazione estraendo in anticipo la pistola, quest’ultima ha considerato lo svitamento concluso e, come programmato, ha invertito il senso di rotazione.

Così nel secondo tentativo ha ulteriormente fissato il dado, danneggiandone anche i bordi esterni.

“Pensavamo di aver finalmente svitato quel dado – ha ammesso Allison – ed invece era stato avvitato ancora di più!”.

A quel punto il meccanico, resosi conto dell’errore, ha invertito il senso di rotazione manualmente, e al terzo tentativo finalmente è stato possibile estrarre la gomma da sostituire.

Nell’economia della gara di Bottas l’inconveniente non ha avuto ripercussioni, poiché il finlandese poteva contare su un ampio margine su Lando Norris e la sua terza posizione non è mai stata a rischio nonostante i dieci secondi persi ai box.

Sulla carta l’imprevisto avrebbe potuto impattare di più sulla gara di Lewis Hamilton, poiché la sosta di Bottas (giro 30) era stata chiamata per provare a mettere pressione su Max Verstappen costringendolo ad anticipare il suo ultimo pit-stop, avvenuto poi al giro 39.

In Mercedes però hanno rivissuto l’incubo del Gran Premio di Sakhir dello scorso mese di dicembre, quando nella stessa corsia box ci fu il clamoroso errore al pit-stop causato dall’aver confuso le gomme da montare sulla monoposto di Bottas con quelle di George Russell.

In quel caso la svista costò carissima alla Mercedes, poiché di fatto spalancò le porte della vittoria a Sergio Perez, e un ulteriore errore nella prima gara del 2021 ha riportato l’attenzione sui cambi gomme.

L’aver estremizzato ogni aspetto dei pit-stop (i record si combattono ormai sui centesimi dopo essere scesi alla soglia incredibile di 1”9) comporta sempre il rischio che qualcosa non vada come programmato, e da questo aspetto deriva anche la ritrosia delle squadre a valutare un secondo pit-stop in gara.

Quando c’è anche solo una timida possibilità di poter completare la corsa con una sola sosta, gli strateghi non hanno dubbi nell’evitare un’ulteriore sosta ai box proprio per limitare il più possibile un momento che può essere causa di imprevisti cruciali nell’economia della corsa.

condivisioni
commenti
F1 Stories: 3 aprile 1988, la squalifica "muletto" di Senna

Articolo precedente

F1 Stories: 3 aprile 1988, la squalifica "muletto" di Senna

Prossimo Articolo

Giovinazzi: a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca

Giovinazzi: a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Location Bahrain International Circuit
Piloti Valtteri Bottas
Team Mercedes
Autore Roberto Chinchero
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Chinchero racconta Alonso (pt.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Alonso (pt.2) - It's a long way to the top

Dodicesima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Fernando Alonso. Ecco a voi la seconda di 3 puntate sull'asturiano. Buon ascolto!

Formula 1
12 apr 2021
F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola Prime

F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola

Anche nel 2021, Imola è inclusa nelle tappe di un Mondiale di Formula 1. Un tracciato ricco di storia. Una storia, che merita di essere raccontata e ricordata...

Formula 1
12 apr 2021
Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld Prime

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld

L'ascesa di Kimi Raikkonen come stella della Formula 1 fin dagli albori rimane una delle leggendarie storie del 2001, ma le sue imprese hanno avuto un impatto indesiderato sulle prospettive del suo compagno di squadra in Sauber. Vent'anni dopo il suo primo podio in F1 al GP del Brasile, ecco come Iceman ha influito sulla carriera di Nick Heidfeld.

Formula 1
11 apr 2021
F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar? Prime

F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar?

Siamo abituati a considerare la Formula 1 come la categoria regina dell'automobilismo, quella capace di raggiungere le velocità più elevate in assoluto. Ma sarà davvero così? Andiamo a scoprirlo in questa classifica...

Formula 1
11 apr 2021
Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo Prime

Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo

La Mercedes è andata via dal Bahrain con la consapevolezza di non avere tra le mani la monoposto di riferimento in griglia, e i limiti allo sviluppo potrebbero trasformare questa stagione in un incubo.

Formula 1
10 apr 2021
Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali Prime

Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali

Il 9 aprile del 1971 nasce Jacques Villeneuve, Campione del Mondo di Formula 1 1997. Andiamo a rivivere i suoi primi due anni nella massima serie, quelli che lo hanno accompagnato ad entrare nell'elenco delle leggende del Motorsport...

Formula 1
9 apr 2021
Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12 Prime

Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12

Andiamo a scoprire ed analizzare come le modifiche regolamentari al fondo ed al pavimento delle monoposto abbiano influito negativamente sulle performance della Mercedes W12, nonostante la vettura abbia vinto con Lewis Hamilton la gara di apertura in Bahrain

Formula 1
8 apr 2021