Mercedes: quel pit di Bottas con la pistola... automatica

James Allison, dt Mercedes, ha spiegato in dettaglio come mai Valtteri ha lasciato più di 10 secondi nel secondo pit stop del GP del Bahrain: ecco cosa non ha funzionato nella sostituzione dell'anteriore destra.

Mercedes: quel pit di Bottas con la pistola... automatica

La vittoria è un medicinale utile per guarire ogni patologia sportiva, e l’esito del Gran Premio del Bahrain ha reso impeccabile il lavoro svolto da squadra e piloti della Mercedes nell’arco del weekend di Sakhir.

C’è stato però un imprevisto che avrebbe potuto compromettere il successo, ma per fortuna del team campione del Mondo è accaduto a Valtteri Bottas, ovvero il problema al secondo pit-stop del finlandese. Un inconveniente che se si fosse verificato sulla monoposto di Lewis Hamilton avrebbe comportato l’azzeramento di ogni chance di successo.

Il tempo della sosta necessaria per montare quattro pneumatici è ormai nell’ordine di due secondi (alcune squadre nelle strategie considerano 2"5) ma nel caso di Bottas è stato di 10 secondi a causa di un problema verificatosi sulla ruota anteriore destra.

“Valtteri ha centrato perfettamente la posizione di stop della monoposto – ha spiegato il direttore tecnico James Allison – e questo facilita molto l’operazione, ma sfortunatamente uno dei meccanici nella fase di svitamento della ruota ha estratto la pistola in anticipo, quando lo svitamento non era stato ancora completato”.

Il meccanico addetto a rimuovere la gomma da sostituire non è riuscito nel suo compito trovando la gomma ancora bloccata, così l’addetto allo svitamento/avvitamento ha inserito nuovamente la pistola per completare l’operazione non riuscita al primo tentativo. Ma anche in questo caso il dado è rimasto avvitato al suo posto.
“Il modello di pistola che utilizziamo è stato progettato in modo da riconoscere autonomamente quando è stata completata l’operazione di svitamento – ha spiegato Allison – ed inverte automaticamente il senso di rotazione per la successiva operazione di avvitamento della gomma nuova”.

Quando il meccanico ha commesso l’errore di valutazione estraendo in anticipo la pistola, quest’ultima ha considerato lo svitamento concluso e, come programmato, ha invertito il senso di rotazione.

Così nel secondo tentativo ha ulteriormente fissato il dado, danneggiandone anche i bordi esterni.

“Pensavamo di aver finalmente svitato quel dado – ha ammesso Allison – ed invece era stato avvitato ancora di più!”.

A quel punto il meccanico, resosi conto dell’errore, ha invertito il senso di rotazione manualmente, e al terzo tentativo finalmente è stato possibile estrarre la gomma da sostituire.

Nell’economia della gara di Bottas l’inconveniente non ha avuto ripercussioni, poiché il finlandese poteva contare su un ampio margine su Lando Norris e la sua terza posizione non è mai stata a rischio nonostante i dieci secondi persi ai box.

Sulla carta l’imprevisto avrebbe potuto impattare di più sulla gara di Lewis Hamilton, poiché la sosta di Bottas (giro 30) era stata chiamata per provare a mettere pressione su Max Verstappen costringendolo ad anticipare il suo ultimo pit-stop, avvenuto poi al giro 39.

In Mercedes però hanno rivissuto l’incubo del Gran Premio di Sakhir dello scorso mese di dicembre, quando nella stessa corsia box ci fu il clamoroso errore al pit-stop causato dall’aver confuso le gomme da montare sulla monoposto di Bottas con quelle di George Russell.

In quel caso la svista costò carissima alla Mercedes, poiché di fatto spalancò le porte della vittoria a Sergio Perez, e un ulteriore errore nella prima gara del 2021 ha riportato l’attenzione sui cambi gomme.

L’aver estremizzato ogni aspetto dei pit-stop (i record si combattono ormai sui centesimi dopo essere scesi alla soglia incredibile di 1”9) comporta sempre il rischio che qualcosa non vada come programmato, e da questo aspetto deriva anche la ritrosia delle squadre a valutare un secondo pit-stop in gara.

Quando c’è anche solo una timida possibilità di poter completare la corsa con una sola sosta, gli strateghi non hanno dubbi nell’evitare un’ulteriore sosta ai box proprio per limitare il più possibile un momento che può essere causa di imprevisti cruciali nell’economia della corsa.

condivisioni
commenti
F1 Stories: 3 aprile 1988, la squalifica "muletto" di Senna
Articolo precedente

F1 Stories: 3 aprile 1988, la squalifica "muletto" di Senna

Prossimo Articolo

Giovinazzi: a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca

Giovinazzi: a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021