Mercedes: pit stop record nell'undercut di Bottas in Cina

Mentre la Ferrari ha rallentato la sua procedura di cambio gomme con l'adozione di nuovi sensori sulle pistole dopo l'incidente in Bahrain, la Mercedes ha fatto il pit più veloce su Valtteri in 2'15. Ecco come il finlandese è andato in testa al GP.

Il pit stop della Mercedes nel GP della Cina è stato il più veloce ottenuto dalla squadra della Stella con questi regolamenti di F1 e ha contribuito a portare Valtteri Bottas in testa alla corsa, scavalcando la Ferrari di Sebastian Vettel durante la prima sosta.

Se la squadra del Cavallino ha avuto un approccio al cambio gomme più prudente con l’adozione di nuovi sensori di rilascio sulle pistole dopo l’incidente in Bahrain nel quale un meccanico si è fratturato tibia e perone quando è stato investito dalla SF71H di Kimi Raikkonen, la Mercedes è riuscita a completare il pit stop di Bottas al 19esimo giro in 2”15, un tempo che le ha permesso di aggiudicarsi il premio DHL Fastest Pit Stop, uguagliando il tempo della Red Bull ottenuto in Australia con Max Verstappen.

La Mercedes sostiene che il tempo di fermata registrato dai propri strumenti era ancora minore…
"Eravamo 3”3 secondi dietro a Sebastian quando siamo entrati in corsia box per eseguire l’undercut", ha spiegato lo stratega Mercedes, James Vowles in un video clip. "Diverse cose hanno giocato a nostro vantaggio quasi contemporaneamente: il pit stop è stato incredibile: stando al nostro sistema di semafori abbiamo impiegato solo 1”83 a cambiare le quattro gomme, mentre Sebastian è stato di circa 0”9 più lento nel tempo di pit lane e di 0”7 nel pit stop per cui avevamo già mangiato una parte del suo vantaggio”.

Poi anche Bottas ha dato un grande contributo perché ci fosse il sorpasso sulla Ferrari:
"Il giro di rientro di Valtteri è stato straordinario. Gli abbiamo dato alcune indicazioni via radio perché sapesse cosa doveva fare e ha percorso una tornata da qualifica, senza il minimo errore: ha guadagnato quasi un paio di secondi!”.

Il pilota finlandese ha attivato “il party mode” della power unit, una modalità che anche sul motore Mercedes può essere usato con parsimonia per evitare i problemi di affidabilità, mentre Sebastian Vettel doveva ancora rientrare con le gomme Soft già finite, per cui alla fine Bottas si è trovato al comando della corsa con 0”7 di vantaggio sulla Rossa.

“L’undercut è stato perfetto perché tutto ha funzionato alla perfezione” ha concluso James Vowles.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP Cina
Sub-evento Domenica, post-gara
Circuito Shanghai International Circuit
Piloti Valtteri Bottas
Team Mercedes
Articolo di tipo Ultime notizie