Mercedes, pagamento record per il mondiale 2016

condivisioni
commenti
Mercedes, pagamento record per il mondiale 2016
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
19 dic 2015, 11:18

I 703 punti conquistati sono costati 4.8 milioni di dollari come quota di iscrizione per il campionato 2016

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
2015 F1 champion Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Ennesimo record in casa Mercedes. La scuderia tedesca, dopo aver conquistato sia il mondiale piloti con Lewis Hamilton che il titolo riservato ai costruttori, ha dovuto pagare ben $4,870,510 quale quota di iscrizione per il mondiale 2016.

La somma record è stata calcolata sulla scorta del nuovo sistema che prevede il pagamento di $6,194 per ogni punto conquistato, oltre ad una quota standard pari a $516,128.

Toto Wolff, intervistato da Motorsport.com, ha ammesso che il conto richiesto è decisamente salato: "E' un sistema entrato in vigore da un paio d'anni che comporta un maggiore esborso di denaro per pagare la quota di iscrizione per una scuderia che fa segnare un punteggio elevato. Nonostante ciò, noi siamo qui per ottenere quanti più successi possibili e conquistare un elevato punteggio nella classifica costruttori indica che abbiamo svolto un ottimo lavoro. Certamente pagare una tale somma lascia una sensazione agrodolce".

La Mercedes è riuscita in questa stagione a conquistare 703 punti, due in più rispetto alla stagione 2014, senza l'artefatto sistema del doppio punteggio nel round finale di Abu Dhabi. 

Il record fatto segnare dalla scuderia tedesca ha, tuttavia, lasciato indifferente il manager austriaco: "Ci sono molti elementi che valutiamo e che sono importanti per noi. Conquistare il campionato e vincere quante più gare possibili sono i fattori che consideriamo maggiormente, mentre il numero di punti conquistati ci interessa relativamente. Personalmente questo record lo considero soltanto come una statistica da aggiungere nei libri e mi interessa poco".

 

Prossimo articolo Formula 1
Red Bull annuncia la partnership con la Puma

Articolo precedente

Red Bull annuncia la partnership con la Puma

Prossimo Articolo

Formula 1, un business in perdita

Formula 1, un business in perdita
Carica commenti