Mercedes mostra i muscoli con prestazioni hard

Appena scese in pista all'Hungaroring le due W11 hanno iniziato a girare a un passo che ha letteralmente annichilito la concorrenza: Hamilton è risultato il più veloce con le gomme a mescola dura davanti a Bottas.

Mercedes mostra i muscoli con prestazioni hard

C’è venerdì e venerdì. La regola è che al termine della seconda sessione di prove libere i piloti, sia in caso di giornata ‘no’ che di riscontri importanti, gettino acqua sul fuoco (il celebre ‘It’s only friday’ di Kimi Raikkonen riassume tutto) per smorzare eventuali tensioni o non alzare l’asticella delle aspettative. Ma dopo quanto visto oggi a Budapest è impossibile ridimensionare il potenziale mostrato dalle due Mercedes.

Al via della sessione FP1 Valtteri Bottas è entrato in pista con gomme soft e al primo giro lanciato ha piazzato un crono che ha lasciato di sasso non pochi avversari: 1’17”765, quattro decimi più lento del miglior tempo della FP1 2019. Il finlandese ha rallentato per un giro poi si è rilanciato: 1’16”559. Un’altra tornata ad andatura ridotta ed è arrivato il crono di 1’16”544. Parliamo dei primi cinque giri del venerdì’ mattina.

Non è stato da meno Lewis Hamilton, che dopo un paio di giri ha aperto la radio per parlare con il suo ingegnere Peter Bonnington: “Bono, la macchina è perfetta!”.

L’ingegnere, quasi spiazzato, gli ha fatto notare che si poteva limare qualcosa alle curve 13 e 14, suggerendo di provare diverse mappature del differenziale.

La sessione è proseguita con Hamilton che ha ottenuto il miglior tempo in 1’16”003 con gomme hard, mentre Bottas è sceso a 1’16”089 con la mescola media. Il primo degli ‘altri', Sergio Perez, ha chiuso ad oltre mezzo secondo con un set di soft.

La pioggia arrivata prima della FP2 non ha purtroppo reso possibile una conferma nel turno pomeridiano, ma se i valori in campo sono quelli visti nella sessione del mattino, la Mercedes può iniziare a far spazio nella bacheca di Brackley per i tre trofei del Gran Premio di Ungheria 2020.

“Abbiamo avuto un’ottima prima sessione - ha commentato Hamilton – in cui siamo riusciti ad avere tutti i riscontri di cui avevamo bisogno. Macchina perfetta? Nessuna è proprio impeccabile, così come non lo è nessun pilota. Ma stiamo lavorando su basi solide, sappiamo di avere un’ottima monoposto ma restano da capire alcune piccole sfumature che si comprendono sessione dopo sessione”.

Incalzato con domande sul rendimento della sua monoposto, Hamilton ha poi tirato il freno in versione pompiere:
“Non traiamo troppe conclusioni, il venerdì non sai mai che tipo di lavoro stanno svolgendo i tuoi avversari, e c’è gente che gira con ali regolate diversamente, molto carburante o power unit con mappature molto conservative. Noi sappiamo di aver concluso una buona giornata, ma penso che in FP3 ed in qualifica saremo tutti molto più vicini”.

Nonostante la scorsa settimana Hamilton abbia ottenuto una pole stellare sotto la pioggia austriaca, a distanza di sette giorni Lewis spera in una qualifica asciutta...
“Personalmente preferirei così, mi piace guidare su questa pista con le slick, ed anche oggi in FP2 è stato un peccato che sia arrivata la pioggia, siamo in estate eppure abbiamo a che fare con un clima freddo e pioggia torrenziale da due weekend".

"In Austria è stato fantastico guidare sotto la pioggia, ma su questa pista è un po’ diverso, nonostante l’alto carico aerodinamico sembra essere più scivolosa rispetto a Spielberg. Se la qualifica si svolgerà sul bagnato forse non sarà come la scorsa settimana, ma potrei comunque fare un buon lavoro”.

In realtà Hamilton non ha voluto dare riferimenti in condizioni di pista bagnata, preferendo limitare l’attività pomeridiana ad un giro con gomme intermedie, per assaggiare la pista.

Bottas ha completato un solo giro lanciato (con gomme rain) stampando il secondo tempo e tornando ai box. Il finlandese ha tagliato corto con una risposta poco più diplomatica di quelle del connazionale Kimi (“Non trarrei molte conclusioni oggi, dobbiamo solo concentrarci sulle nostre prestazioni e vedremo domani”), ma i sorrisi nel box Mercedes emergevano anche dalle mascherine.

Si può sperare davvero in qualcuno capace di impensierire una macchina che sembra essere arrivata in pista con un paio di giorni di test sulle spalle? Manca il riscontro del grande sfidante, ovvero Max Verstappen, poiché la Red Bull nella sessione FP1 ha completato delle prove senza spingere al massimo.
“Vedremo nel pomeriggio quando torneremo alla configurazione ottimale”, aveva commentato Christian Horner al termine della sessione del mattino, ma la pioggia arrivata nella pausa pranzo ha cambiato le carte in tavola. Ma lo stesso Verstappen è stato abbastanza esplicito: “Abbiamo parecchio lavoro da fare”.

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
1/6

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
2/6

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
3/6

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
4/6

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ
5/6

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
6/6

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Leclerc: "Oggi meglio del previsto pur non avendo aggiornamenti"

Articolo precedente

Leclerc: "Oggi meglio del previsto pur non avendo aggiornamenti"

Prossimo Articolo

Clamoroso Tombazis: "Mai verificate le prese Racing Point"

Clamoroso Tombazis: "Mai verificate le prese Racing Point"
Carica commenti
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021
Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale" Prime

Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale"

In questo nuovo appuntamento di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli commentano la portata principale offerta dal Gran Premio di Gran Bretagna: Hamilton re di Silverstone, con Max che dal decimo appuntamento della stagione raccoglie solo i tre punti della Sprint Qualifying. Con l'olandese in ospedale, i festeggiamenti del padrone di casa sono stati davvero inopportuni?

Formula 1
21 lug 2021
Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone Prime

Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone

Andiamo ad analizzare in questa puntata de Il Primo degli Ultimi i protagonisti in negativo del Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1. Da un lato, abbiamo Lewis Hamilton che, nonostante la vittoria, perde sul piano morale con festeggiamenti esagerati mentre il rivale è in ospedale. E proprio il rivale, Verstappen, merita comunque un posto in rubrica per non aver ancora chiaro come si vinca un mondiale di F1. E poi c'è Toto Wolff

Formula 1
20 lug 2021
F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia? Prime

F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia?

Ci si lamenta spesso che la Formula 1 sia noiosa, ma se in realtà il problema nascesse da una regia internazionale che spesso manca i numerosi duelli che avvengono in pista per poi riproporli soltanto tramite replay?

Formula 1
20 lug 2021
GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis Prime

GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis

La Ferrari e Charles Leclerc assaporano una vittoria che al Cavallino manca dal GP di Singapore 2019. Charles è stato beffato a due giri dal termine dalla rimonta di Hamilton, che ha piegato la resistenza del ferrarista a pochi km dal traguardo

Formula 1
19 lug 2021
Minardi: "Per Hamilton mi aspettavo uno stop-and-go" Prime

Minardi: "Per Hamilton mi aspettavo uno stop-and-go"

Tanti i fatti da commentare e tanti i promossi e i bocciati regalati dal Gran Premio di Gran Bretagna 2021. Le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Formula 1
19 lug 2021
Bobbi: "Concorso di colpa di Max, doveva ragionare sul mondiale" Prime

Bobbi: "Concorso di colpa di Max, doveva ragionare sul mondiale"

Andiamo ad analizzare il Gran Premio di Gran Bretagna in questa puntata di Piloti Top Secret in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu. Focus importante sul momento chd ha deciso la gara, ovvero l'incidente tra Hamilton e Verstappen. E non è Lewis ad avere torto al 100%...

Formula 1
19 lug 2021