Mercedes lenta sul dritto, ma alla W12 non basta scaricare le ali

Le telemetrie di Verstappen e di Hamilton aiutano a fare delle valutazioni dopo la prove libere del GP di Stiria. Se Lewis ha il dubbio che la Honda disponga di una power unit più potente, è più lecito porre l'attenzione sulla resistenza all'avanzamento della W12, una monoposto che aerodinamicamente sembra meno efficiente della Red Bull. La squadra di Milton Keynes sfrutta anche un buon sistema ibrido e di sovralimentazione che aiuta in altura.

Mercedes lenta sul dritto, ma alla W12 non basta scaricare le ali

Si sono ribaltati i ruoli: la Red Bull è più veloce sul dritto e la Mercedes si difende nelle curve in appoggio. Queste le indicazioni che emergono dall’analisi delle telemetrie che mettono a confronto il miglior giro di Max Verstappen con la RB16B con quello di Lewis Hamilton sulla W12 che non è stato cancellato dalla direzione gara a causa del largo del campione del mondo alla curva 10 andando oltre i sensori.

In realtà Lewis avrebbe stampato un 1’05”335 che lo avrebbe proiettato davanti a tutti, candidandolo alla lotta per la pole position di domani. L’epta-campione è rimasto particolarmente stupito dal fatto che la Red Bull è in grado di esprimere delle velocità massime nettamente superiori alla freccia nera: 7 km/h alla staccata della curva 4, dove c’è la speed trap sono tanti e diventano 6 km/h alla curva 5 e 4 km/h alla curva 7, mentre i valori si pareggiano alla Remus, vale a dire la famigerata curva 3, mentre in fondo al rettilineo d’arrivo che è in salita la Mercedes prevale per soli 2 km/h come se il motore Honda sia costretto al clipping, dovendo gestire la distribuzione dell’energia elettrica dell’ibrido nell’arco del giro.

La Red Bull si permette un’ala posteriore molto più scarica, ma sono in molti a sostenere che non basti scegliere una configurazione aerodinamica meno resistente per avere ragione della maggiore potenza della power unit Mercedes. Dove sono finiti i 15 cavalli in più che accreditano il motore di Brixworth: è lecito dire che anche a Spilberg non si sono visti, proprio come in Francia.

E Hamilton ha cominciato a porre anche dei dubbi sulla power unit, non limitandosi a criticare solo la veste aerodinamica. Al Red Bull Ring si è a una quota di quasi 700 metri e per evitare la perdita di potenza dovuta all’aria un po’ rarefatta bisogna sfruttare di più le qualità del turbo e quelle del sistema ibrido.

La sensazione è che il team di Milton Keynes riesca a parcellizzare meglio le risorse della power unit RA621 H, lasciando intendere che il sistema di sovralimentazione IHI sia più efficiente di quello Mercedes. Ma i dati delle libere del venerdì non possono essere prese per oro colato perché non sappiamo con quali carichi di benzina e quali mappature di motore abbiano girato.

Per tratte delle valutazioni più precise bisognerà aspettare le qualifiche quando i valori si riallineeranno: i dubbi Mercedes riguardano certi limiti della W12, una macchina che si è rivelata vincente al debutto, ma che non riesce a esprimere la superiorità che le monoposto della Stella hanno espresso negli ultimi anni.

Con questa generazione di pneumatici Pirelli la Mercedes a passo lungo può essere meno reattiva nei cambi di direzione della più compatta Red Bull, ma a preoccupare è anche il CX della freccia nera che sembra più elevato che in passato.

La resistenza all’avanzamento è un problema che non si risolve semplicemente riducendo l’incidenza delle ali e la controprova è data che, per avere il carico necessario, la W12 in Austria adotta il doppio pilone a sostegno dell’ala posteriore e monta anche la T-wing, profilo di cui la Red Bull può fare agilmente a meno.

Gli equilibri, quindi, sono cambiati, ma non è detto che l’ago della bilancia penda obbligatoriamente dalla parte della Red Bull, anche se il team gioca in casa a Spielberg, una pista storicamente meno favorevole alla Mercedes.

condivisioni
commenti
Sainz: "Oggi abbiamo cercato di migliorare i nostri problemi"

Articolo precedente

Sainz: "Oggi abbiamo cercato di migliorare i nostri problemi"

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: le Prove Libere del GP di Stiria

Fotogallery F1: le Prove Libere del GP di Stiria
Carica commenti
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021
Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia" Prime

Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia"

In questa nuova puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Federica Masolin, giornalista e presentatrice della Formula 1 di Sky Sport. Federica si racconta, ripercorrendo gli anni di una carriera in giro per il mondo, di una vita piena di passioni e viaggi. Da piccola, il suo desiderio era diventare una rockstar. Poi, l'amore per lo sport le ha fatto cambiare idea...

Formula 1
16 set 2021