Mercedes lenta sul dritto, ma alla W12 non basta scaricare le ali

Le telemetrie di Verstappen e di Hamilton aiutano a fare delle valutazioni dopo la prove libere del GP di Stiria. Se Lewis ha il dubbio che la Honda disponga di una power unit più potente, è più lecito porre l'attenzione sulla resistenza all'avanzamento della W12, una monoposto che aerodinamicamente sembra meno efficiente della Red Bull. La squadra di Milton Keynes sfrutta anche un buon sistema ibrido e di sovralimentazione che aiuta in altura.

Mercedes lenta sul dritto, ma alla W12 non basta scaricare le ali

Si sono ribaltati i ruoli: la Red Bull è più veloce sul dritto e la Mercedes si difende nelle curve in appoggio. Queste le indicazioni che emergono dall’analisi delle telemetrie che mettono a confronto il miglior giro di Max Verstappen con la RB16B con quello di Lewis Hamilton sulla W12 che non è stato cancellato dalla direzione gara a causa del largo del campione del mondo alla curva 10 andando oltre i sensori.

In realtà Lewis avrebbe stampato un 1’05”335 che lo avrebbe proiettato davanti a tutti, candidandolo alla lotta per la pole position di domani. L’epta-campione è rimasto particolarmente stupito dal fatto che la Red Bull è in grado di esprimere delle velocità massime nettamente superiori alla freccia nera: 7 km/h alla staccata della curva 4, dove c’è la speed trap sono tanti e diventano 6 km/h alla curva 5 e 4 km/h alla curva 7, mentre i valori si pareggiano alla Remus, vale a dire la famigerata curva 3, mentre in fondo al rettilineo d’arrivo che è in salita la Mercedes prevale per soli 2 km/h come se il motore Honda sia costretto al clipping, dovendo gestire la distribuzione dell’energia elettrica dell’ibrido nell’arco del giro.

La Red Bull si permette un’ala posteriore molto più scarica, ma sono in molti a sostenere che non basti scegliere una configurazione aerodinamica meno resistente per avere ragione della maggiore potenza della power unit Mercedes. Dove sono finiti i 15 cavalli in più che accreditano il motore di Brixworth: è lecito dire che anche a Spilberg non si sono visti, proprio come in Francia.

E Hamilton ha cominciato a porre anche dei dubbi sulla power unit, non limitandosi a criticare solo la veste aerodinamica. Al Red Bull Ring si è a una quota di quasi 700 metri e per evitare la perdita di potenza dovuta all’aria un po’ rarefatta bisogna sfruttare di più le qualità del turbo e quelle del sistema ibrido.

La sensazione è che il team di Milton Keynes riesca a parcellizzare meglio le risorse della power unit RA621 H, lasciando intendere che il sistema di sovralimentazione IHI sia più efficiente di quello Mercedes. Ma i dati delle libere del venerdì non possono essere prese per oro colato perché non sappiamo con quali carichi di benzina e quali mappature di motore abbiano girato.

Per tratte delle valutazioni più precise bisognerà aspettare le qualifiche quando i valori si riallineeranno: i dubbi Mercedes riguardano certi limiti della W12, una macchina che si è rivelata vincente al debutto, ma che non riesce a esprimere la superiorità che le monoposto della Stella hanno espresso negli ultimi anni.

Con questa generazione di pneumatici Pirelli la Mercedes a passo lungo può essere meno reattiva nei cambi di direzione della più compatta Red Bull, ma a preoccupare è anche il CX della freccia nera che sembra più elevato che in passato.

La resistenza all’avanzamento è un problema che non si risolve semplicemente riducendo l’incidenza delle ali e la controprova è data che, per avere il carico necessario, la W12 in Austria adotta il doppio pilone a sostegno dell’ala posteriore e monta anche la T-wing, profilo di cui la Red Bull può fare agilmente a meno.

Gli equilibri, quindi, sono cambiati, ma non è detto che l’ago della bilancia penda obbligatoriamente dalla parte della Red Bull, anche se il team gioca in casa a Spielberg, una pista storicamente meno favorevole alla Mercedes.

condivisioni
commenti
Sainz: "Oggi abbiamo cercato di migliorare i nostri problemi"
Articolo precedente

Sainz: "Oggi abbiamo cercato di migliorare i nostri problemi"

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: le Prove Libere del GP di Stiria

Fotogallery F1: le Prove Libere del GP di Stiria
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021