Mercedes lenta sul dritto, ma alla W12 non basta scaricare le ali

Le telemetrie di Verstappen e di Hamilton aiutano a fare delle valutazioni dopo la prove libere del GP di Stiria. Se Lewis ha il dubbio che la Honda disponga di una power unit più potente, è più lecito porre l'attenzione sulla resistenza all'avanzamento della W12, una monoposto che aerodinamicamente sembra meno efficiente della Red Bull. La squadra di Milton Keynes sfrutta anche un buon sistema ibrido e di sovralimentazione che aiuta in altura.

Mercedes lenta sul dritto, ma alla W12 non basta scaricare le ali

Si sono ribaltati i ruoli: la Red Bull è più veloce sul dritto e la Mercedes si difende nelle curve in appoggio. Queste le indicazioni che emergono dall’analisi delle telemetrie che mettono a confronto il miglior giro di Max Verstappen con la RB16B con quello di Lewis Hamilton sulla W12 che non è stato cancellato dalla direzione gara a causa del largo del campione del mondo alla curva 10 andando oltre i sensori.

In realtà Lewis avrebbe stampato un 1’05”335 che lo avrebbe proiettato davanti a tutti, candidandolo alla lotta per la pole position di domani. L’epta-campione è rimasto particolarmente stupito dal fatto che la Red Bull è in grado di esprimere delle velocità massime nettamente superiori alla freccia nera: 7 km/h alla staccata della curva 4, dove c’è la speed trap sono tanti e diventano 6 km/h alla curva 5 e 4 km/h alla curva 7, mentre i valori si pareggiano alla Remus, vale a dire la famigerata curva 3, mentre in fondo al rettilineo d’arrivo che è in salita la Mercedes prevale per soli 2 km/h come se il motore Honda sia costretto al clipping, dovendo gestire la distribuzione dell’energia elettrica dell’ibrido nell’arco del giro.

La Red Bull si permette un’ala posteriore molto più scarica, ma sono in molti a sostenere che non basti scegliere una configurazione aerodinamica meno resistente per avere ragione della maggiore potenza della power unit Mercedes. Dove sono finiti i 15 cavalli in più che accreditano il motore di Brixworth: è lecito dire che anche a Spilberg non si sono visti, proprio come in Francia.

E Hamilton ha cominciato a porre anche dei dubbi sulla power unit, non limitandosi a criticare solo la veste aerodinamica. Al Red Bull Ring si è a una quota di quasi 700 metri e per evitare la perdita di potenza dovuta all’aria un po’ rarefatta bisogna sfruttare di più le qualità del turbo e quelle del sistema ibrido.

La sensazione è che il team di Milton Keynes riesca a parcellizzare meglio le risorse della power unit RA621 H, lasciando intendere che il sistema di sovralimentazione IHI sia più efficiente di quello Mercedes. Ma i dati delle libere del venerdì non possono essere prese per oro colato perché non sappiamo con quali carichi di benzina e quali mappature di motore abbiano girato.

Per tratte delle valutazioni più precise bisognerà aspettare le qualifiche quando i valori si riallineeranno: i dubbi Mercedes riguardano certi limiti della W12, una macchina che si è rivelata vincente al debutto, ma che non riesce a esprimere la superiorità che le monoposto della Stella hanno espresso negli ultimi anni.

Con questa generazione di pneumatici Pirelli la Mercedes a passo lungo può essere meno reattiva nei cambi di direzione della più compatta Red Bull, ma a preoccupare è anche il CX della freccia nera che sembra più elevato che in passato.

La resistenza all’avanzamento è un problema che non si risolve semplicemente riducendo l’incidenza delle ali e la controprova è data che, per avere il carico necessario, la W12 in Austria adotta il doppio pilone a sostegno dell’ala posteriore e monta anche la T-wing, profilo di cui la Red Bull può fare agilmente a meno.

Gli equilibri, quindi, sono cambiati, ma non è detto che l’ago della bilancia penda obbligatoriamente dalla parte della Red Bull, anche se il team gioca in casa a Spielberg, una pista storicamente meno favorevole alla Mercedes.

condivisioni
commenti
Sainz: "Oggi abbiamo cercato di migliorare i nostri problemi"

Articolo precedente

Sainz: "Oggi abbiamo cercato di migliorare i nostri problemi"

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: le Prove Libere del GP di Stiria

Fotogallery F1: le Prove Libere del GP di Stiria
Carica commenti
Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021
Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale" Prime

Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale"

In questo nuovo appuntamento di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli commentano la portata principale offerta dal Gran Premio di Gran Bretagna: Hamilton re di Silverstone, con Max che dal decimo appuntamento della stagione raccoglie solo i tre punti della Sprint Qualifying. Con l'olandese in ospedale, i festeggiamenti del padrone di casa sono stati davvero inopportuni?

Formula 1
21 lug 2021
Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone Prime

Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone

Andiamo ad analizzare in questa puntata de Il Primo degli Ultimi i protagonisti in negativo del Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1. Da un lato, abbiamo Lewis Hamilton che, nonostante la vittoria, perde sul piano morale con festeggiamenti esagerati mentre il rivale è in ospedale. E proprio il rivale, Verstappen, merita comunque un posto in rubrica per non aver ancora chiaro come si vinca un mondiale di F1. E poi c'è Toto Wolff

Formula 1
20 lug 2021
F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia? Prime

F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia?

Ci si lamenta spesso che la Formula 1 sia noiosa, ma se in realtà il problema nascesse da una regia internazionale che spesso manca i numerosi duelli che avvengono in pista per poi riproporli soltanto tramite replay?

Formula 1
20 lug 2021
GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis Prime

GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis

La Ferrari e Charles Leclerc assaporano una vittoria che al Cavallino manca dal GP di Singapore 2019. Charles è stato beffato a due giri dal termine dalla rimonta di Hamilton, che ha piegato la resistenza del ferrarista a pochi km dal traguardo

Formula 1
19 lug 2021