Mercedes: le ragioni di una sconfitta che poteva essere una vittoria

La Red Bull con la vittoria di Max Verstappen nel GP di Francia ha sancito una superiorità tecnica che sta minando le certezze del team campione del mondo: il Paul Ricard potrebbe essere una gara spartiacque nel mondiale piloti a favore della squadra di Milton Keynes. Nel team della Stella le scelte strategiche hanno innescato delle reazioni che hanno giocato contro Lewis. E c'è un mistero sui sei decimi persi da Hamilton in pit lane.

Mercedes: le ragioni di una sconfitta che poteva essere una vittoria

Il Gran Premio di Francia ha tutto per essere considerato lo spartiacque del campionato Mondiale 2021. I 53 giri percorsi oggi sul Paul Ricard hanno detto molto, verdetti che non si limitano al bottino di tappa, ma destinati a cambiare lo scenario in vista anche delle prossime gare. Il primo dato che emerge, quello più evidente, è che la Red Bull non è più quella che a Barcellona aveva subito una sconfitta (dolorosa) da parte di una Mercedes che sembrava essere tornata quella di sempre, ovvero la monoposto di riferimento.

Alla vigilia del weekend del Castellet i pronostici erano tutti per il team campione del Mondo, con la tendenza a voler archiviare i successi ottenuti dalla Red Bull a Monaco e Baku come ‘track-related’, ovvero performance favorite dalla particolare conformazione dei circuiti cittadini.

Non è così. Le prime parole pronunciate oggi da Lewis Hamilton appena sceso dalla monoposto sono state molto indicative: “Loro (Red Bull) hanno un’incredibile velocità sul dritto”.

Impressione corretta, perché Verstappen e Perez nella classifica delle top-speed sono risultati secondi e terzi, rispettivamente con 337 e 336,5 km/h. Hamilton e Bottas occupano le ultime due posizioni, con 321 e 320 km/h.

Questione di setup? Forse, in Mercedes non hanno lavorato in modo impeccabile, ma Toto Wolff sostiene che anche la nuova power unit Honda (che ha esordito questo weekend) abbia assicurato qualche cavallo i più.
“Non ci è permesso fare progressi – ha subito replicato Horner - non so a cosa si riferisca, le specifiche sono quelle della prima power unit. Abbiamo utilizzato un'ala posteriore molto più piccola questo weekend, ecco perché la velocità in rettilineo è stata molto buona. Ma comunque penso che Honda stia facendo un ottimo lavoro”.

La Mercedes si ‘suicida’ al pit-stop

Nonostante questo quadro tecnico, e nonostante Verstappen sia scattato dalla pole position, la Mercedes ha avuto comunque la possibilità di far suo il Gran Premio di Francia. Lo scenario è cambiato (e non poco) a causa del ‘lungo’ di Verstappen alla prima curva dopo il via, con l’olandese che è stato preso in contropiede dal forte vento.

Un episodio che ha consegnato la prima posizione a Hamilton, omaggio molto gradito dal campione del mondo e subito trasformato in una solida leadership. Tutto sembrava indirizzarsi nella direzione di Hamilton e della Mercedes, quando al giro 16 Bottas è stato chiamato ai box per il pit-stop.

In quel momento il finlandese si era portato a 2”7 da Verstappen, e nel suo box hanno valutato quel margine sufficiente a provare l’undercut. Come da prassi, la Red Bull è corsa ai ripari il giro successivo, chiamando ai box Verstappen, e lo stesso è accaduto a Hamilton, fermatosi al giro 18, con un vantaggio (verificato al giro 17) di 3”2 su Verstappen.

Il primo dato emerso è che l’undercut di Bottas su Verstappen non è riuscito (Bottas ha guadagnato solo 1”2 sull’olandese) e poco dopo è arrivato il verdetto che ha determinato l’esito del Gran Premio di Francia. Quando Hamilton è uscito dalla corsia box dopo il cambio gomme, è clamorosamente sfilato alle spalle di Verstappen, perdendo la leadership della corsa.

Nel box Mercedes si sono guardati restando di sasso: cosa è accaduto? La sosta è stata favorevole a Hamiton (2”2 il suo pit-stop contro i 2”3 di Verstappen), eppure la Red Bull numero 33 è sfilata al comando.

Il primo dato emerso è che il giro di rientro dell’olandese è risultato sei decimi più veloce di quello completato da Hamilton la tornata successiva, ma è stato soprattutto il giro d’uscita di Max a fare la differenza (1’39”966) con un terzo settore strepitoso (42”242) che si è confermato il più veloce della corsa.

Ma c’è anche un altro ‘giallo’, e sono sei decimi persi nella pit-lane da Lewis (rispetto a Max), un margine solitamente trascurabile, ma oggi sufficiente a far sfilare Verstappen al comando alla staccata della prima curva, quando Hamilton (appena uscito dai box) si è trovato di fianco la Red Bull.

La prima ipotesi è che Hamilton abbia perso un attimo in più (perché di attimi si parla…) per fermarsi nel modo più corretto in pit-lane, insieme ad uno slittamento eccessivo delle gomme in fase di ripartenza. La Mercedes ha già fatto sapere che esaminerà i video nei prossimi giorni.

Considerando i margini davvero risicati, è però evidente che la scelta strategica della Mercedes di fermare Bottas al sedicesimo giro (di fatto ciò che ha innescato la reazione che ha portato Verstappen al comando della corsa) si è rivelata una decisione errata che ha consegnato la corsa alla Red Bull. In passato questi errori erano mascherati da una superiorità tecnica che mascherava ogni pecca, ma oggi il contesto è drasticamente diverso.

Paradossalmente lo stesso Hamilton ha chiesto due volte via-radio il perché della sosta, visto che le sue gomme erano ancora in uno stato buono, e a Lewis è stato detto che la scelta era dettata dalla necessità di coprirsi dal possibile undercut di Verstappen, poi portato a segno dall’olandese. Ciò di cui in quel momento il campione del mondo non era al corrente, è che di fatto il processo l’ha innescato la stessa Mercedes.

Red Bull ha giocato da prima forza

Una volta trovatosi alle spalle di Verstappen, Hamilton ha confermato un ottimo passo, riuscendo a restare a lungo nella scia della Red Bull, a conferma di una superiorità di performance in quella fase della corsa. Ma il prezzo da pagare è stato il degrado delle gomme, che ha presentato il conto negli ultimi giri. Anche in questo caso il box della Red Bull ha giocato d’anticipo, leggendo al meglio la situazione.

“La Mercedes dopo il pit-stop ci ha messo sotto pressione – ha confermato Horner – e abbiamo pensato che la loro strategia prevedesse due soste. A quel punto il nostro stratega ha proposto la possibilità di anticipare un’eventuale secondo pit da parte loro, e abbiamo deciso di provarci”.

La seconda sosta di Verstappen ha di fatto costretto la Mercedes a completare la corsa senza ulteriori soste, ed è ciò che hanno provato Bottas e Hamilton. Ma la strategia scelta dalla Red Bull ha confermato la fiducia nella performance della loro monoposto, ovvero ciò che la Mercedes aveva proposto con successo nel Gran Premio di Spagna.

In una giornata poco felice per il box campione del Mondo c’è stato anche l’errore di Bottas, arrivato proprio nel momento in cui Valtteri avrebbe potuto dare una mano a Hamilton, ovvero quando alle sue spalle (a 4 giri dal termine) è arrivato Verstappen.

La Mercedes contava molto sul finlandese, ed in effetti il suo contributo avrebbe potuto essere determinante, ma Bottas è goffamente naufragato con un errore in frenata proprio quando la Red Bull si è materializzata alle sue spalle.

Valtteri, per la prima volta da quando è in Mercedes, si è anche aperto via radio in modo duro con il suo ingegnere, lamentandosi della decisione di non effettuare una seconda sosta. Il motivo era semplice, ovvero la squadra ha provato a metterlo fra Lewis e Verstappen, operazione poi fallita ancora prima di iniziare. Un ultimo episodio, quello del nervosismo di Bottas, che ha chiuso una giornata che la Mercedes ricorderà per motivi differenti rispetto alla splendida routine a cui era abituata dal 2014.

condivisioni
commenti
Binotto: "Brutta gara, una batosta per il Costruttori"

Articolo precedente

Binotto: "Brutta gara, una batosta per il Costruttori"

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: l'incerto GP di Francia al Paul Ricard

Fotogallery F1: l'incerto GP di Francia al Paul Ricard
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021