Mercedes: la chiamata sbagliata nel rispetto degli accordi

Valtteri Bottas ha sbottato dopo il terzo posto nel GP 70° anniversario sostenendo che la Mercedes ha dormito nelle strategie. In effetti la squadra di Brackley, per mantenere l'integrità nei rapporti fra i due piloti, non ha richiamato ai box per primo Hamilton al secondo pit, perché altrimenti la Red Bull avrebbe marcato Valtteri e Max sarebbe rimasto in pista portando magari le sue gomme medie a cottura. Un errore che è costato la vittoria alle frecce nere.

Mercedes: la chiamata sbagliata nel rispetto degli accordi

La classifica del Gran Premio del 70° anniversario è stata influenzata maggiormente dai meriti della Red Bull e di Max Verstappen o dai problemi riscontrati sulle due Mercedes? L’analisi dei 52 giri completati oggi a Silverstone non è tra le più semplici.

L’effetto è molto chiaro, ovvero sia Lewis Hamilton che Valtteri Bottas hanno dovuto lottare con problemi di blister sulle due gomme destre, la causa è meno chiara. Rispetto a sette giorni fa sono cambiate tre variabili: le pressioni degli pneumatici, le mescole più morbide e un assetto più scarico che in qualifica si è confermato efficiente, ma in gara ha mostrato dei limiti.

Ma c’è qualcosa in più, che spiega anche il malumore tra il personale Mercedes che si è visto chiaramente a fine gara. Un problema che riguarda le procedure della squadra in merito alle gerarchie, voluto da tempo dal team per non generare tensioni durante le gare: chi è davanti si ferma per primo.

Ricapitoliamo: la Red Bull è stato l’unico top-team a prendere una decisione cruciale già sabato mattina, prima della sessione di qualifica, ovvero utilizzare le gomme hard nella sessione Q2 e puntare su quella mescola per il primo stint di gara.

È stato un primo importante tassello verso il successo colto ventiquattr’ore dopo. Il primo obiettivo della Red Bull era quello di sopravanzare Nico Hulkenberg al via, e Verstappen ha svolto egregiamente il suo compito, poi è scattata la fase-2, ovvero cercare di restare il più vicino possibile alle due Mercedes.

Dopo il pit-stop di Bottas e Hamilton (rispettivamente ai giri 13 e 14) le due Mercedes sono passare alle hard, mescola con cui Verstappen ha proseguito in testa alla gara fino al giro 26, quando il pilota Red Bull è passato alle medie.

Tornato in pista Max ha superato di slancio Bottas, ma non ha allungato sul finlandese come previsto, dando l’impressione che con la mescola media la Red Bull non avesse la possibilità di allungare sulla Mercedes.

Poi, improvvisamente, il box ha richiamato Bottas in pit-lane, seguendo la solita procedura, visto che il finlandese era davanti a Hamilton, una chiamata che però non è piaciuta a Bottas (e dopo la gara il finlandese si è fatto sentire) e per di più colta subito dal box della Red Bull, che ha richiamato a sua volta Verstappen ai box per coprire la mossa strategica della Mercedes.

A quel punto Bottas ha capito di non avere più chance per vincere la gara, se non un sorpasso in pista molto improbabile, considerando il ritmo tenuto da Verstappen con le medie.

E a rendere più amaro il pomeriggio di Bottas è stato l’analisi delle sue gomme:
“Abbiamo visto che in realtà era rimasta molta gomma sul set di Valtteri – ha confermato dopo la corsa Toto Wolff - e abbiamo così prolungato lo stint di Lewis”.

Una beffa per Bottas e un plus per Hamilton, che a dispetto del blistering accusato dal suo set si è fermato ben nove giri più tardi rispetto al suo compagno di squadra, garantendosi la possibilità di poter spingere al massimo con l’ultimo treno di gomme, superando di slancio il compagno di squadra a due giri dal termine.

Una giornata storta per il muretto della Mercedes, tante volte lodato per la freddezza delle sue scelte ma che oggi a Silverstone ha perso una chance per provare a vincere la corsa per seguire le solite procedure. Una parte dello sconforto a fine gara era dovuto anche a questo.

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
1/11

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
2/11

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

L'ala posteriore, Mercedes AMG F1 W11, al GP 70° Anniversario
L'ala posteriore, Mercedes AMG F1 W11, al GP 70° Anniversario
3/11

Foto di: Giorgio Piola

Il logo Mercedes sull' Halo della Mercedes F1 W11
Il logo Mercedes sull' Halo della Mercedes F1 W11
4/11

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Un delegato della FIA, ispeziona l'auto di Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, nel Parc Ferme
Un delegato della FIA, ispeziona l'auto di Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, nel Parc Ferme
5/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
6/11

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, arriva nel Parc Ferme
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, arriva nel Parc Ferme
7/11

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
8/11

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Toto Wolff, Direttore esecutivo (Business), Mercedes AMG
Toto Wolff, Direttore esecutivo (Business), Mercedes AMG
9/11

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

L'auto di Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 nel Parc Ferme
L'auto di Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 nel Parc Ferme
10/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Toto Wolff, Direttore esecutivo (Business), Mercedes AMG
Toto Wolff, Direttore esecutivo (Business), Mercedes AMG
11/11

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Binotto replica a Vettel: "Si è rovinato la gara girandosi"
Articolo precedente

Binotto replica a Vettel: "Si è rovinato la gara girandosi"

Prossimo Articolo

Verstappen: "W11 in crisi di gomme, dovevo provarci per forza"

Verstappen: "W11 in crisi di gomme, dovevo provarci per forza"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021