Mercedes insegue, ma è messa meglio di quanto sembri

Verstappen con la Red Bull ha chiuso davanti la giornata di prove libere del venerdì al Paul Ricard, ma nel team di Brackley sono moderatamente soddisfatti del lavoro svolto: "Non siamo messi male come a Baku e Monaco - ha detto Andrew Shovlin". "Sono più le cose positive di quelle negative" aggiunge Toto Wolff che poi chirisce la ratio dei cambi di telaio. Hamilton è ottimista e Bottas finalmente sembra essersi ritrovato. Ma Max resta in agguato...

Mercedes insegue, ma è messa meglio di quanto sembri

Quando la Mercedes offre il fianco, Max Verstappen è abilissimo a cogliere l’attimo. Il feudo del Paul Ricard è stato violato per la prima volta (da quando la Formula 1 è tornata nel 2018 sul circuito di Le Castellet), visto che in nessuna sessione il tandem Hamilton-Bottas aveva mai ceduto la prima posizione.

Non è un caso che sia accaduto oggi, ma la leadership di Verstappen, confermatosi il più veloce sia nelle simulazioni di qualifica che nei long-run, non è un’ipoteca da parte Red Bull sul Gran Premio di Francia.

Sia Hamilton che un ritrovato Bottas hanno lamentato qualche problema, ma lo stesso Lewis in FP1 è stato sorpreso dal suo tempo. Il campione del mondo ha aperto le comunicazioni radio con il suo ingegnere esprimendo un certo disappunto sul comportamento della monoposto, ma una volta tornato ai box, e dopo aver letto la classifica dei tempi, ha capito che oggi al Paul Ricard i problemi di trazione erano un male comune.

Le due Mercedes hanno chiuso al comando la sessione FP1, e anche nelle prime fasi della FP2 Bottas ha iniziato subito al vertice, con un ottimo tempo (1’32”880) ottenuto con gomme medie.

Quando è iniziata la simulazione di qualifica Verstappen e Hamilton hanno abbassato come da prassi i loro tempi sfruttando le gomme soft (mezzo secondo il gap stimato tra soft e media), mentre Bottas non è riuscito a migliorare la sua performance, restando comunque secondo a otto millesimi dal tempo di Verstappen.

Valtteri ha pagato una modalità di motore più conservativa (rispetto a Hamilton e rispetto al run con gomme medie) e nel secondo ‘run’ le gomme sono mancate nell’ultimo settore, risultando tre decimi più lento rispetto al suo miglior crono.

“Nessuno dei nostri piloti è totalmente soddisfatto dal comportamento della monoposto – ha spiegato il responsabile delle operazioni in pista Andrew Showlin – ma in termini di ritmo non siamo in difficoltà come a Baku e Monaco”.

Nel long-run con gomma media il divario tra Hamilton e Verstappen è stato di due decimi al giro a favore dell’olandese (su dieci tornate) un margine che in Mercedes giudicano recuperabile ottimizzando il setup.

“In effetti sono emerse alcuni riscontri positivi ed altri meno – ha confermato Toto Wolff – ma complessivamente sono maggiori le indicazioni positive”.

“Abbiamo fatto molte modifiche – ha spiegato Hamilton – ci aspetta una serata nella quale faremo molte analisi sperando che domani vada meglio. Ma i tempi ottenuti oggi non sono comunque terribili, siamo vicini alla vetta della classifica, quindi credo che ce la giocheremo”.

Nel bilancio di giornata Mercedes c’è anche da mettere un Bottas ritrovato, almeno come approccio al weekend, una notizia non di poca portata nell’ottica del confronto Mondiale con la Red Bull nella classifica costruttori. “È una buona notizia – ha sottolineato Wolff – ha completato un’ottima giornata”.

Oggi al Paul Ricard ha tenuto banco anche il valzer dei telai, poiché Bottas è sceso in pista con la scocca utilizzata da Hamilton in precedenza.
“In realtà è tutto parte di una pianificazione – ha spiegato Wolff – soprattutto in questa stagione, visto che utilizziamo scocche dello scorso anno. C’è una rotazione per mantenere un chilometraggio equamente distribuito tra i telai, poi se serve anche ad aiutare mentalmente un pilota ben venga. Se ci saranno delle lamentele abbiamo un telaio nuovo disponibile di scorta…”.

I top team hanno chiaramente indirizzato il lavoro sull’utilizzo di gomme hard e soft, a conferma dei problemi di degrado temuti già alla vigilia della trasferta del Paul Ricard.

L’unica possibilità per evitare nella gara di domenica la paventata seconda sosta, è la strategia media-hard, motivo per cui domani sia Mercedes che Red Bull proveranno a passare la Q2 utilizzando le gomme gialle. Un taglio decisamente alla portata, se non ci saranno imprevisti.

“Non sarà un weekend facile – ha commentato Verstappen – lo sapevamo già alla vigilia, ma i riscontri emersi oggi sono stati incoraggianti, quindi mi aspetto un fine settimana molto tirato ma saremo li a giocarcela”.

Non è cosa da poco, considerando quanto abbiamo visto al Paul Ricard negli ultimi anni.

condivisioni
commenti
Piola: "Al Ricard è difficile finire il giro con le soft"
Articolo precedente

Piola: "Al Ricard è difficile finire il giro con le soft"

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: i primi 2 turni di prove libere del GP di Francia

Fotogallery F1: i primi 2 turni di prove libere del GP di Francia
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021