Mercedes in vendita: ma chi cede delle quote a Ineos?

L'anticipazione di Motorsport.com a inizio estate comincia a trovare dei tasselli di conferma: lo sponsor Ineos, già attivo anche su altri progetti e non solo in F1, potrebbe rilevare delle quote del team di Brackley. Quello che non è ancora chiaro è se a vendere una partecipazione minoritaria sarà Mercedes, oppure Wolff. Si spiegano certi ritardi nella definizione dei contratti di Toto e Hamilton.

Mercedes in vendita: ma chi cede delle quote a Ineos?

L’indiscrezione riportata da Motorsport ad inizio estate sta trovando conferme. L’assetto societario del team Mercedes Formula 1 vedrà dei cambiamenti importanti che potrebbero portare ad un disimpegno (probabilmente non totale) della Casa di Stoccarda. Una situazione che motiva anche i ritardi nella conferma nei programmi 2021 di Toto Wolff e Lewis Hamilton, ancora ufficialmente non annunciati al via del prossimo Mondiale nei ruoli attuali.

Le anticipazioni erano arrivate con un’indicazione ben precisa: “osservate lo spazio che sarà occupato da uno sponsor petrolchimico”, ed in effetti all’apparizione della nuova W11 il logo della multinazionale Ineos sono spuntati in modo evidente.

Ora l’azienda petrolchimica ha intenzione di passare dal ruolo di sponsor a quello di azionista del team, ma non è chiaro la quota azionaria che Ineos è interessata ad acquistare.

C’è chi sostiene che potrebbe rilevare l’intero pacchetto Mercedes e chi invece è convinto che almeno inizialmente la quota sarà di minoranza, con il gruppo Daimler che manterrà il controllo della squadra.

Il 30% del pacchetto azionario è detenuto da Toto Wolff, mentre Daimler è proprietaria del 60% ed ha un’opzione per rilevare il 10% che è stato di Niki Lauda, quota che di fatto controlla già.

Di sicuro la Mercedes sta vivendo un momento di transizione importante, che potrebbe variare molto i suoi equilibri futuri. In questo contesto di inserisce la figura di Wolff, che nel doppio ruolo di azionista e team principal deve fare chiarezza sui suoi piani futuri in un contesto che è in fase di trasformazione.

Potrebbe cambiare molto poco se Ineos rileverà una piccola quota azionaria, ma potrebbe anche cambiare molto se Daimler cederà il controllo della squadra.

In quest’ultimo caso Wolff potrebbe tornare ad avere poteri assoluti (come nel periodo Zetsche) con l’uscita di scena di Ola Kallenius, ma fino a quando non arriveranno conferme va considerata anche la possibilità che lo stesso Wolff possa decidere di cedere la sua quota e fare un passo indietro. In questo contesto tra chi aspetti di vederci chiaro è anche Hamilton, che a metà settembre, e con la stagione 2020 che ha superato il giro di boa, deve ancora annunciare il suo futuro.

condivisioni
commenti
Red Bull: il nuovo fondo fa funzionare la RB16

Articolo precedente

Red Bull: il nuovo fondo fa funzionare la RB16

Prossimo Articolo

Ferrari: da Firenze parte il Rinascimento della Scuderia?

Ferrari: da Firenze parte il Rinascimento della Scuderia?
Carica commenti
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021