Mercedes domina, ma Wolff vede nero per il caldo

La squadra di Brackley inizia il mondiale con una superiorità tecnica imbarazzante e con una vittoria politica sul DAS che ha scornato la Red Bull. Eppure Toto Wolff teme la gara di domani se dovesse fare molto caldo.

Mercedes domina, ma Wolff vede nero per il caldo

Dopo dodici titoli Mondiali conquistati negli ultimi sei anni, ci si può ancora stupire parlando di una prima fila Mercedes? Il buonsenso dice no, dovrebbe essere il più naturale dei risultati, eppure per quanto ci si sforzi non è proprio così.

Ogni vigilia di stagione vive di aspettative, di avversari che affilano le armi sperando di aver imboccato la via giusta e sognando che qualche crepa possa farsi strada nella struttura del team più impressionante nella storia della Formula 1.

Si finisce col crederci davvero, che la fine del ciclo (perché tutti i cicli prima o poi finiscono) sia dietro un angolo molto vicino. Poi però arriva il giorno in cui torna a parlare la pista, e la pista (in questo caso quella di Spielberg) ha detto che in prima fila c’è una novità, ovvero le macchine sono nere, ma sotto il ‘nero’ c’è sempre la stessa squadra: la Mercedes.

Nella serata di ieri il team campione del Mondo ha messo all’angolo la Red Bull negli uffici del collegio dei Commissari Sportivi, presentando una documentazione che ha smontato la tesi accusatoria presentata da Adrian Newey sul tema DAS.

Grandi pacche sulle spalle tra James Allison e i suoi, poi meno di ventiquattr’ore dopo Valtteri Bottas e Lewis Hamilton il DAS lo hanno davvero usato nei giri di lancio della qualifica (quindi solo per ottimizzare il riscaldamento degli pneumatici che su una pista molto corta non è mai semplice), monopolizzando la prima fila.

Ma sarebbe un grande errore (e forse una comodità per gli avversari) giustificare il gap accusato dalle due W11 con i benefici del DAS, perché mezzo secondo è davvero tanto, un margine che ha sorpreso anche la stessa Mercedes.

“Sì, siamo rimasti piuttosto sorpresi dal vantaggio – ha confessato Toto Wolff – non si ha mai un’idea precisa dei valori in campo dopo una pausa così lunga come quella che abbiamo trascorso, e sapevamo che la Honda avrebbe portato in pista un importante aggiornamento delle sue power unit".

"Cinque decimi di margine sono una sorpresa perché questa in passato non è mai stata una pista di grandi successi per noi, quindi sono abbastanza contento, ma dobbiamo restare con i piedi per terra”.

La pista ha confermato quanto Wolff aveva detto già alla vigilia della trasferta austriaca: occhio a Bottas: “Valtteri ha un’ottima reputazione su questa pista e allo stesso tempo quello di Spielberg non è mai stato un circuito tra i più amati da Lewis".

"Alla fine vederli separati da pochi millesimi è stato bello per noi cosi come credo anche per la Formula 1 in generale, ma non dobbiamo pensare di essere una classe a parte, perché non abbiamo ancora disputato una sola gara in questa stagione”.

Wolff è sempre stato abile nel provare a tenere un profilo basso anche quando la realtà dice altro, un campione olimpico della disciplina, e anche questa volta ci ha provato riuscendo ad essere anche credibile:
“C’è una gara che ci aspetta, ed è una corsa in cui la Red Bull partirà con una strategia diversa dalla nostra. Se farà caldo cambierà la situazione sul fronte affidabilità, e non solo”.

E a proposito del caldo, Wolff ha rivelato che nella sede di Brackley sono state anche valutate le differenze (in termini di temperatura) tra lo storico grigio Mercedes e la nuova livrea nera.

“Il messaggio che si vuole comunicare e il marketing sono molto importanti – ha confermato Wolff - ma se a causa di questi fattori le prestazioni vengono danneggiate, ovviamente non è proprio eccezionale. Abbiamo fatto alcuni calcoli per domani, valutando una temperatura di circa 30 gradi. Vedremo se le nostre simulazioni con un’auto d'argento ed un'auto nera si riveleranno corrette”.

Ma è davvero un problema?
“Diciamo che della giornata di oggi prendo per buona la performance – ha concluso Wolff - il resto dobbiamo dimostrarlo e confermarlo domani, quando ci sono in palio i punti per la classifica Mondiale”.

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, si congratula con il pole man Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, dopo le Qualifiche
Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, si congratula con il pole man Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, dopo le Qualifiche
1/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Toto Wolff, Direttore Esecutivo, Mercedes AMG
Toto Wolff, Direttore Esecutivo, Mercedes AMG
2/21

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Mercedes F1 W11
Mercedes F1 W11
3/21

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
4/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, mostra il logo di Black Lives Matter sul suo nuovo casco
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, mostra il logo di Black Lives Matter sul suo nuovo casco
5/21

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Confronto tra l'ala posteriore vecchia e quella nuova della Mercedes AMG F1 W11
Confronto tra l'ala posteriore vecchia e quella nuova della Mercedes AMG F1 W11
6/21

Foto di: Giorgio Piola

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1 festeggia in parc ferme con il Pirelli Pole Position Award
Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1 festeggia in parc ferme con il Pirelli Pole Position Award
7/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, festeggia dopo essersi assicurato la pole
Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, festeggia dopo essersi assicurato la pole
8/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
9/21

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
10/21

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
11/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance, leaves the track
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance, leaves the track
12/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, talks to the media on the grid
Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, talks to the media on the grid
13/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Toto Wolff, Direttore Esecutivo, Mercedes AMG
Toto Wolff, Direttore Esecutivo, Mercedes AMG
14/21

Foto di: Mercedes AMG

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
15/21

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
16/21

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
17/21

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance
18/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
19/21

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
20/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
21/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
I commissari scagionano Hamilton: rimane in prima fila

Articolo precedente

I commissari scagionano Hamilton: rimane in prima fila

Prossimo Articolo

Formula 1, GP d'Austria: come e dove guardare la gara

Formula 1, GP d'Austria: come e dove guardare la gara
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021