Mercedes: c'è la gobba sul cofano per i condotti lunghissimi?

La W12 si distingue per la ricerca aerodinamica molto spinta con la quale dovrebbe aver recuperato la downforce dello scorso anno, nonostante i tagli regolamentari FIa. Ma il grande salto di qualità dovrebbe arrivare dal motore capace di mantenere una camera fredda grazie a condotti mobili molto, molto lunghi. La sensazione è che, al di là dei problemi di affidabilità mostrati nei test, la freccia nera possa avere un grande potenziale tenuto nascosto.

Mercedes: c'è la gobba sul cofano per i condotti lunghissimi?

La Mercedes ha risolto i problemi della W12? Questa è la domanda che accompagna la settimana che precede il debutto mondiale nel campionato 2021. La F1 torna in Bahrain nel weekend, ma questa volta non per fare pretattica ma per contendersi i primi punti, per cui le chiacchiere staranno a zero, perché a contare saranno i fatti. Finalmente…

La squadra di Brackley ha lavorato su un progetto maturo come quello della W11 e l’obbligo di mantenere per regolamento molte parti congelate della monoposto campione del mondo, lasciava intuire che in pista avremmo visto solo un’evoluzione della freccia nera pluri decorata.

E, invece, James Allison, direttore tecnico Mercedes, avendo in saccoccia che il settimo titolo di fila non sarebbe sfuggito alla Stella aveva congelato lo sviluppo della W11 nell’estate per dedicare le risorse alla nascita della W12 con alcune soluzioni tecniche ardite da mettere a punto che permettessero di recuperare la perdita di carico aerodinamico del 10% decisa dalla FIA.

L’impressione, al di là da quanto mostrato in pista nei test collettivi, è che la Mercedes non sia lontana dal raggiungere quel risultato: la W12, con pance spioventi che ricercano almeno in parte l’effetto Coanda e con un fondo gelosamente tenuto nascosto fino alla tre giorni di Sakhir, ha estremizzato i concetti aerodinamici per ritrovare la spinta verticale.

Ma il grosso del lavoro l’ha svolto il gruppo di Hywel Thomas, capo di Mercedes AMG HPP di Brixworth, che ha partorito la nuova power unit che equipaggia la squadra ufficiale oltre a Aston Martin, McLaren e Williams.

Se la Honda si compiace per aver colmato il gap dal motore Mercedes dello scorso anno, guadagnando almeno una ventina di cavalli con lo RA621H, forse è perché i giapponesi non sanno dove può arrivare quest’anno la power unit M12. Si parla di una trentina di cavalli fra unità endotermica e migliore recupero di energia dell’ibrido.

In Mercedes hanno perseguito la filosofia del motore “freddo”, utile ad aumentare il rendimento in camera di combustione con un flusso d’aria il più fresco possibile. In passato per ottenere questo risultato hanno dovuto ricorrere a un intercooler piuttosto ingombrante che costava anche peso.

Ora i tecnici di Brixworth sono giunti alla conclusione che è meglio ridurre la portata dell’intercooler, allungando i condotti mobili di aspirazione.

Niente a che vedere con i cornetti mobili che la Ferrari introdusse nei motori di F1 aspirati negli Anni Ottanta, quando le trombette telescopiche si muovevano di una dozzina di centimetri per “intonare” il motore ai diversi regimi di rotazione e assicurare una migliore “guidabilità”.

Nelle unità turbo siamo arrivati a condotti sempre più lunghi con misure che possono arrivare a quasi 80 cm nel plenum di aspirazione. Si spiega, dunque, come mai il cofano motore della W12 si sia terribilmente assottigliato, diventando una sorta di seconda pelle della meccanica sottostante a vantaggio dell’efficienza aerodinamica, mentre non sfugge la presenza di una grossa gobba che ha destato la curiosità degli appassionati.

E proprio Hywel Thomas ha spiegato che quella protuberanza nasconde una novità nell’impianto di aspirazione del propulsore che permette un incremento delle prestazioni, senza addentrarsi oltre nelle spiegazioni.

Da quanto è dato sapere a Motorsport.com, in Mercedes avrebbero lavorato sui condotti mobili per avere una camera più fredda ed efficiente in un’area dove c’è un grosso lavoro di sviluppo. Lo 065/6 della Ferrari, non a caso, va nella stessa direzione e una parte del recupero di potenza è certamente dovuto all’adozione più spinta di questa soluzione.

I bene informati sostengono che la W12 vista nei test abbia girato con tarature di motore particolarmente conservative e che il vero potenziale della power unit Mercedes lo scopriremo nelle qualifiche del GP del Bahrain, quando verrà deliberata la mappa unica per il weekend di gara…

condivisioni
commenti
Arnoux: "Alfa-Ligier, ecco perché saltò l'accordo"
Articolo precedente

Arnoux: "Alfa-Ligier, ecco perché saltò l'accordo"

Prossimo Articolo

Steiner: "Guadagnare uno o due punti sarebbe un successo"

Steiner: "Guadagnare uno o due punti sarebbe un successo"
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021