Mercedes: c'è più potenza ibrida con il fluido Petronas!

Dopo la benzina miracolosa del 2014, ha debuttato un nuovo brevetto malese sul motore di Hamilton a Monza

La Mercedes a Monza ha fatto debuttare il super-motore dotato dei sette gettoni di sviluppo con il quale Lewis Hamilton ha vinto il Gp d’Italia con un margine di 25 secondi sulla Ferrari di Sebastian Vettel, tanto da far dire a un preoccupato Christian Horner, team principal della Red Bull Racing: “Lo step sulla power unit fatto in Italia è preoccupante, corrono quasi un campionato a parte”.

SETTE GETTONI NELLA POWER UNIT MERCEDES
Nelle ultime battute della corsa nel “tempio della velocità” il campione del mondo era in grado di infliggere distacchi di un secondo al giro sulla Rossa del quattro volte campione del mondo, segno che i sette token utilizzati tutti sulla terza unità stagionale hanno un grande impatto sulle prestazioni.

INTERVENTI ANCHE AL SISTEMA DELL’ERS
Le modifiche che i tecnici di Brixworth hanno adottato non si limitano solo al 6 cilindri Turbo, ma sono state allargate al sistema ERS che è ora in grado di garantire una maggiore ricarica di energia da trasformare in potenza, senza per questo penalizzare l’affidabilità anche grazie a un fluido brevettato dalla Petronas per la refrigerazione dei sistemi ibridi.

LA ROTTURA DI ROSBERG DIAGNOSTICA DALLO SPECTROIL M
In realtà nelle libere del sabato si è registrato un cedimento sull’unità montata sulla W06 Hybrid di Nico Rosberg, ma gli ingegneri diretti da Andy Cowell hanno la fondata speranza di recuperare anche quella power unit, nonostante ci sia stata una perdita di pressione per un trafilaggio negli anelli di tenuta. La diagnosi del danno, infatti, è stata possibile grazie all’analisi del lubrificante con lo spettrometro ottico Spectroil M della Petronas.

LE TRACCE DI METALLO NELL’OLIO FANNO SCATTARE L’ALLARME
I dati raccolti e elaborati su un grafico hanno permesso di monitorare l’usura dei vari metalli provenienti da albero motore, assi a camme, cuscinetti, pistoni, bielle e dalla trasmissione. A seconda del tipo di scoria (metallo) trovata nell’olio è possibile attribuire ad un singolo componente l’origine di un guasto. L'analisi, quindi, ha valore un importante valore diagnostico e aiuta ad identificare i problemi ancora prima di provvedere all’eventuale smontaggio del motore, rompendone i sigilli posti dalla FIA.

SULLA W06 HYBRID CINQUE PRODOTTI PETRONAS
La Petronas, quindi, non è solo title sponsor della Mercedes, ma anche un partner strategico dal punto di vista tecnologico che sta assicurando un servizio fondamentale oltre a fornire ben cinque fluidi che sono utilizzati sulle frecce d’argento (benzina, olio di cambio e motore, liquido refrigerante dell’ERS e del sistema di raffreddamento). L’anno scorso aveva destato scalpore la benzina grazie alla quale il team di Brackley poteva trarre un vantaggio competitivo di 0”3 al giro. Nel lancio del lubrificante Syntium with Cooltech abbiamo scoperto che anche l’olio del motore aveva caratteristiche tali da contribuire al raffreddamento della power unit, consentendo ad Aldo Costa, capo progettista della W06 Hybrid di ridurre sulla monoposto d’argento il pacco delle masse radianti.

C’E’ UN FLUIDO RIVOLUZIONARIO CHE RAFFREDDA L’MGU-H
Ora gli specialisti di Villastellone, il centro ricerche Petronas che ha sede nella cintura di Torino, hanno sviluppato un nuovo brevetto per migliorare il rendimento del sistema ibrido con un fluido che permette di controllare le temperature dell’ERS che permette all’MGU-H di girare a un regime più alto, pare ben oltre i 100 mila giri al minuto che erano il limite precedente. Non solo, ma il fluido avrebbe permesso di raggiungere l’obiettivo di garantire alla power unit una ricarica di energia elettrica senza cali di efficienza del sistema. Insomma un salto di qualità importante che contribuisce non solo alla ricerca della proverbiale affidabilità Mercedes, ma impatta anche sulle prestazioni, laddove il regolamento della FIA lascia più libertà di ricerca.

PIU’ ENERGIA ELETTRICA UTILIZZABILE NELL’ARCO DI UN GIRO!
Se l’energia elettrica ricavata dalla batteria non può essere utilizzata per più di 33” al giro, quella prodotta dalla MGU-H (il motore elettrico alimentato dal calore dei gas di scarico) che viene direttamente convogliata sull’MGU-K è, invece, illimitata. A Brixworth hanno lavorato a fondo su questo aspetto, mettendo le basi al motore che verrà utilizzato nel 2016 sulle frecce d’argento.

ANCHE I TEAM CLIENTI MERCEDES USANO PRODOTTI MALESI
Per il momento l’unità sperimentale con i sette gettoni di sviluppo è stata utilizzata solo dal team ufficiale, ma la Petronas assicura i suoi prodotti e il suo servizio in pista anche a tutti i team clienti (Williams, Force India e Lotus), mentre l’anno scorso solo la McLaren si rivolgeva ad altro fornitore, ma con minori risultati a parità di materiale…

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Lewis Hamilton , Nico Rosberg
Articolo di tipo Ultime notizie