Mercedes: l'abbassatore posteriore non è facile da copiare

Horner, team principal Red Bull, ha ammesso che la sospensione posteriore della W12 non ha niente di illegale, ma dispone di un concetto che è stato estremizzato che in Turchia ha dato un grande vantaggio, mentre ad Austin l'efficacia è calata perché non c'era una grande differenza di velocità fra i rettilinei e certi curvoni. Altri team guardano alla freccia nera, ma i limiti di tempo e di budget non spingono ad andare in quella direzione.

Mercedes: l'abbassatore posteriore non è facile da copiare

In Red Bull non si placano le voci sulla sospensione posteriore della Mercedes: Christian Horner, dopo che si è espressa la FIA sulla piena legalità del sistema, ha corretto il tiro sulla soluzione posteriore della W12 che permette di abbassare la monoposto nel retrotreno nei rettilinei.

I tecnici capeggiati da James Allison avrebbero affinato negli ultimi mesi la capacità di gestire
l’altezza da terra del retrotreno con l’obiettivo di mandare in stallo il diffusore posteriore e aumentare sensibilmente la velocità massima: grazie a escursioni che sono state valutate in oltre 50 millimetri, la Red Bull ritiene che la Mercedes possa avere beneficiato di un grande vantaggio su una pista come quella dell’Istanbul Park, traendo grandi vantaggi nei lunghi rettilinei e nelle curve a media velocità.

Christian Horner, direttore del team, Red Bull Racing

Christian Horner, direttore del team, Red Bull Racing

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

"Penso che la Mercedes stia ottimizzando un dispositivo che funziona in rettilineo – ha detto Horner – basta guardare quanto si abbassa la parte posteriore della loro macchina, per capire come questa soluzione sia stata un punto di forza nel GP di Turchia".

Tuttavia, i tecnici di Milton Keynes sostengono che per la difficile messa a punto della sospensione posteriore Mercedes in circuiti con Austin, con curve ad alta velocità come quelle dello snake, sia molto più difficile ottenere gli stessi risultati di Istanbul perché non c'è una sufficiente variazione di velocità fra i rettilinei e le pieghe più veloci.

“Sembra evidente che la soluzione Mercedes funzionerà meglio su alcune piste rispetto ad altre - ha affermato Horner - . E se si è visto un effetto ridotto negli Stati Uniti, non è detto che in posti come Jeddah, ad esempio, possa avere un influsso molto maggiore ".

Christian poi specifica meglio il suo pensiero: “Sappiano che non c’è niente di illegale, perché lo schema che usano non è nuovo, ma ovviamente quello che abbiamo visto in Turchia era una versione molto estrema, che su quel circuito ha dato risultati consistenti".

La Mercedes, ovviamente, minimizza. Toto Wolff cerca di scaricare l’attenzione sulla sospensione posteriore: “In Formula 1 non c’è più la soluzione che regala grandi guadagni prestazionali, ma ci sono miglioramenti marginali in diverse aree della monoposto che alla fine contribuiscono a incrementare le prestazioni. È vero che abbiamo curato al massimo la comprensione della nostra macchina per estrarne il massimo potenziale”.

Leggi anche:

Le prestazioni delle frecce nere in Austria hanno destato la curiosità e l’attenzione anche di altre squadre che non sono solo la Red Bull. Sembra, in particolare, che la McLaren abbia lavorato nella stessa direzione, ma con risultati molto più variabili rispetto alle W12.

E pure le squadre di centro gruppo guarderebbero al concetto Mercedes, ma consapevoli che lo sviluppo di certi concetti andrebbero a impattare sulla logica del budget cap

Cercare lo stallo del diffusore posteriore non è affatto cosa nuova. Riuscirci con i vincoli attuali di regolamento è altra cosa: certi movimenti si possono ottenere lavorando sulle barre di torsione e gli ammortizzatori, vale a dire sulle parti flessibili della sospensione.

Naturalmente le gestione deve essere assolutamente meccanica, perché altrimenti avremmo delle sospensioni attive che sono bandite dalla norme tecniche. Ma diverse squadre sono arrivate agli sgoccioli con la disponibilità finanziaria per la stagione 2021, per cui si limitano a copiare con dei palliativi dei concetti che Mercedes ha sviluppato con risorse e personale dedicato.

Valtteri Bottas, Mercedes W12, fa un pit stop

Valtteri Bottas, Mercedes W12, fa un pit stop

Photo by: Steve Etherington / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Norris: "La Ferrari è palesemente più veloce di noi"
Articolo precedente

Norris: "La Ferrari è palesemente più veloce di noi"

Prossimo Articolo

Hamilton: l'attivista Lewis passa dalle parole ai fatti

Hamilton: l'attivista Lewis passa dalle parole ai fatti
Carica commenti
Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!" Prime

Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!"

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare con la lente d'ingrandimento della tecnica la monoposto presentata dal team Haas nella stagione 2021 di Formula 1. Una vettura dalla storia particolare, che è riuscita - nonostante tutto - a limitare i danni...

Formula 1
21 gen 2022
Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica" Prime

Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica"

In attesa delle nuove monoposto, continua l'analisi delle vetture protagoniste della Formula 1 2021. In questo nuovo video di Motorsport.com, la lente d'ingrandimento tecnica di Franco Nugnes e Giorgio Piola è sulla Williams, team che mai come nella passata stagione ha adottato soluzioni inedite...

Formula 1
18 gen 2022
Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero" Prime

Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero"

Alfa Romeo ha investito tutte le proprie risorse in vista della stagione 2022 di Formula 1. Ciononostante, la C41 si è rivelata una monoposto dalla valida base meccanica, come dimostrato tanto da Raikkonen quanto da Giovinazzi, ma carente a livello aerodinamico

Formula 1
16 gen 2022
Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria” Prime

Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria”

Torniamo a parlare dei team di Formula 1 partecipanti alla stagione 2021 e di come si sono evoluti nel corso dell'anno appena trascorso. Ora tocca all'Alpine: la scuderia di Enstone è tornata alla vittoria in Ungheria e a podio in Qatar, sapendo correggere il tiro in corso d'opera

Formula 1
14 gen 2022
Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze” Prime

Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze”

In compagnia di Franco Nugnes, del Dottor Riccardo Ceccarelli e della psicologa Alice Ferrisi di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo ad analizzare e comprendere quelli che sono i comportamenti di un pilota nel suo confronto con i propri limiti

Formula 1
12 gen 2022
Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto" Prime

Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i dettagli tecnici dell'AlphaTauri. Il team di Faenza, giunto sesto in classifica finale dietro all'Alpine, avrebbe meritato di più da questo 2021. Ecco perchè...

Formula 1
11 gen 2022
Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono Prime

Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono

Le penalità in Formula 1 sono tra gli argomenti più discussi dell'ultimo periodo. Spesso e volentieri hanno avuto voce in capitolo per decidere il vincitore di un GP, altre volte addirittura per annullare tutti i punti conquistati in una stagione. Ecco una panoramica approfondita e dettagliata per spiegare chi le commina, perché e di che tipo possono essere

Formula 1
9 gen 2022
Le migliori gare del 2021: a Silverstone il Big Bang tra Lewis e Max Prime

Le migliori gare del 2021: a Silverstone il Big Bang tra Lewis e Max

Tra le migliori gare del 2021 c'è sicuramente quella che ha dato il là e ha acceso davvero il duello tra Max Verstappen e Lewis Hamilton. Stiamo parlando del GP di gran Bretagna, che ha avuto come momento più alto l'incidente tra i due contendenti per il titolo alla curva Copse, al primo giro della gara.

Formula 1
8 gen 2022