Mercedes: Wolff tratterà con Bottas solo in inverno

Il team principal Mercedes vuole assicurarsi il massimo supporto da parte di Bottas e, quindi, spazza via tutte le voci legate a Russell, dando piena fiducia al finlandese fino alla fine dell'anno. Che poi questa sia solo un'operazione di facciata o meno lo scopriremo nei prossimi mesi.

Mercedes: Wolff tratterà con Bottas solo in inverno

“Quando decideremo? In inverno, ma non so se sarà dicembre, gennaio o febbraio”. Il soggetto della domanda è il pilota che si siederà sulla seconda Mercedes nel Mondiale 2022, e a la risposta è arrivata da Toto Wolff.

Una replica a sorpresa, quella del team principal, che in modo sottile ha risposto anche ai rumors di paddock secondo i quali non è da escludere che George Russell possa sedersi al fianco di Lewis Hamilton prima del previsto, ovvero prima del 2022.

“È molto probabile che la decisione arrivi in inverno – ha ribadito Wolff – siamo sempre stati fedeli ai nostri piloti, ed è ciò che faremo anche in questa occasione”.

Una decisione definitiva in pieno inverno non sarebbe uno scenario inedito per la Mercedes, visto che il rinnovo di Hamilton per la stagione 2021 è stato confermato lo scorso 8 febbraio, ma ci sono più motivi che oggi portano Wolff a lanciare questo messaggio.

Il primo emerge dalle parole dedicate a Valtteri Bottas:
“Cosa deve fare Valtteri per meritarsi il rinnovo? Semplice, guidare al meglio la monoposto nei weekend di gara. Stiamo vivendo una stagione intensa e difficile, ed abbiamo bisogno di due piloti che siano pronti a giocarsela. Se uno di loro ha dei problemi, o è costretto al ritiro, abbiamo bisogno che l’altra macchina sia in grado di portare a casa il risultato (ovvero ciò che ha fatto Sergio Perez per la Red Bull due settimane fa a Baku). È molto importante che entrambi siano sempre al massimo delle loro capacità. Se Valtteri si confermerà ad un buon livello, si metterà in una posizione molto buona per il 2022”.

Messaggio chiaro, anzi chiarissimo: dalle parole di Wolff emerge una situazione ancora apertissima, che potrebbe anche permettere a Bottas di sperare in una sesta stagione al fianco di Hamilton.

Immaginando però che la scelta sia diversa, ovvero che in Mercedes la linea sia quella di promuovere George Russell, cosa potrebbe dire oggi Wolff?

Sarebbe comunque obbligato ad esprimersi con le stesse parole, per non correre il rischio di indispettire Bottas andando a minare quel ruolo da team player che il finlandese non ha mai messo da parte da quando è arrivato a Brackley.

Mai come quest’anno la Mercedes ha bisogno anche di Bottas per inseguire i suoi obiettivi, per due motivi: la crescita tecnica della Red Bull (confermatasi complessivamente la miglior monoposto nelle prime sei gare stagionali) e l’inedita situazione di avere contro non più il solo Verstappen, ma un tandem di piloti in grado di vincere Gran Premi.

In questo scenario Bottas serve, ed anche parecchio. Se passasse il messaggio che il futuro è già scritto in chiave Russell, la Mercedes non potrebbe più contare su un Bottas motivato a sacrificarsi per la squadra qualora si presentasse la necessità di chiederglielo.

Per fugare ogni dubbio, Wolff ha saggiamente rimandato tutto a fine stagione, spazzando il campo nella speranza di mantenere tranquillità all’interno del box. Che poi sia davvero così, o al contrario un’abile operazione di gestione psicologica della squadra, lo sapremo nei prossimi mesi, ma di sicuro non si preannuncia un’estate (e a questo punto anche un autunno) molto tranquilla per Bottas.

Il finlandese ormai aveva fatto il callo ai rinnovi annuali annunciati poco prima o subito dopo la pausa estiva (lo scorso anno l’annuncio era arrivato il 13 luglio, nel 2019 il 29 agosto), ma adesso, nella migliore delle ipotesi, dovrà attendere ben oltre per conoscere il suo destino. Un futuro, forse, da scrivere, o forse già sigillato in una busta chiusa che sarà tirata fuori dal cassetto al momento opportuno.

condivisioni
commenti
Podcast: 19 giugno 2005, la farsa di Indianapolis
Articolo precedente

Podcast: 19 giugno 2005, la farsa di Indianapolis

Prossimo Articolo

Aston Martin: c'è la Torre Eiffel, ma è un rastrello di sensori

Aston Martin: c'è la Torre Eiffel, ma è un rastrello di sensori
Carica commenti
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021