Formula 1
09 mag
Prossimo evento tra
63 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
94 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
102 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
112 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
119 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
133 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
147 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
175 giorni
02 set
Prossimo evento tra
182 giorni
09 set
Prossimo evento tra
189 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
203 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
210 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
217 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
231 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
238 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
274 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
283 giorni

Mekies: "La Ferrari ha iniziato la risalita dal fondo"

Il direttore sportivo della Scuderia è ottimista sul GP dell'Eifel perché la Ferrari SF1000 per la prima volta quest'anno è riuscita a sfruttare nel modo corretto le gomme, segno che le modifiche introdotte sulla Rossa stanno funzionando. La seconda fila di Leclerc, quindi, non è il frutto di un episodio ma del lavoro delle ultime settimane che comincia a dare i suoi risultato.

Mekies: "La Ferrari ha iniziato la risalita dal fondo"

Il quarto tempo ottenuto ieri in qualifica da Charles Leclerc potrebbe essere un passaggio importante nella storia recente della Ferrari.

Nello sport una volta toccato il fondo inizia la risalita e l’exploit del monegasco potrebbe essere uno dei primi passi verso l’alto dopo tanti in discesa.

La conferma è arrivata anche dal direttore sportivo del Cavallino Laurent Mekies, che non ha nascosto come il giro di qualifica di Leclerc sia stato una boccata d’aria fresca dopo settimane molto dure.

Messo a segno questo primissimo colpo, i 60 giri di gara in programma oggi saranno un’altra storia, ma sarà lo stesso per tutti.

Mekies ha parlato molto anche di un ramo della Ferrari che va, ed anche molto bene, come la Driver Academy.

Callum Ilott e Mick Schumacher hanno dovuto ingoiare un boccone amaro due giorni fa, quando la nebbia calata sul Nurburgring ha bloccato il loro esordio in un weekend di gara di Formula 1, ma l’attività FDA va avanti, e con importanti obiettivi.

La qualifica è stata indubbiamente una giornata come non si vedeva da tempo per la Ferrari
“Sì, Charles ha fatto un ottimo lavoro, e nel complesso è stata buona giornata per la squadra. Veniamo da settimane e mesi molto difficili, ed un risultato positivo è indubbiamente un buon incoraggiamento a ritrovare la giusta direzione di sviluppo. Non è un risultato importante in sé, ma conferma che la direzione è corretta in vista del prossimo anno. Sotto questo aspetto, è un buon segnale”.

Come si spiega questo salto in avanti rispetto alle prestazioni dei weekend di gara precedenti?
“Penso che ci siano molti fattori. Non è il caso di essere troppo entusiasti, ma abbiamo portato in pista un paio di piccoli aggiornamenti, sia a Sochi che qui in Germania, i primi passi di un lungo percorso".

"Speriamo di aver toccato il fondo qualche settimana fa e di aver avviato la fase di risalita attraverso le risoluzioni dei nostri problemi: i riscontri delle qualifiche ci hanno dato fiducia. Poi, ovviamente, Charles ha fatto un giro di qualifica molto, molto buono, ha tirato fuori dalla monoposto tutto ciò che poteva essere estratto".

"E, infine, non possiamo dimenticare che questo fine settimana è diverso dal solito a causa dei problemi meteo che ci hanno tenuto ai box venerdì, quindi, tornando al nostro risultato, penso che sia dovuto una combinazione delle tre cose”.

Avete centrato la finestra di temperatura delle gomme o sono stati gli aggiornamenti a garantire un miglioramento della performance?
“Prima di venire su questa pista eravamo molto preoccupati in merito al funzionamento degli pneumatici, sapevamo che le condizioni ambientali sarebbero state molto atipiche, ma probabilmente è stata la prima volta in cui siamo riusciti a far lavorare al meglio le gomme".

"Non so quanto abbiano sofferto o meno i nostri avversari, ma voglio credere che gli aggiornamenti ci abbiano garantito qualche decimo di miglioramento, e visto l’equilibrio che c’è nella nostra zona di classifica, con qualche decimo di miglioramento ti ritrovi in seconda fila, se peggiori non passi la Q3…”.

Come pensate possa andare in gara? Confermate, come altre squadre, che sarà un Gran Premio con molte incognite?
“In tutta onestà, si. Penso che se qualcuno sostenesse di conoscere ora il ritmo che avrà la gara, si confermerebbe un vero talento! Non credo che vedremo gli stessi valori in campo emersi in qualifica, prevedo delle sorprese perché non abbiamo avuto la possibilità di completare gli abituali long-run del venerdì. Quindi la durata e le prestazioni degli pneumatici sono sconosciute, e questo aspetto rappresenterà una bella sfida in termini per le squadre, che dovranno cercare di capire la corsa durante il suo svolgimento”.

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
1/16

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
2/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, in testacoda davanti a Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, in testacoda davanti a Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
3/16

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
4/16

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
5/16

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/16

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
7/16

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
8/16

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Confronto con l'ala anteriore, Ferrari SF1000, al GP di Russia

Confronto con l'ala anteriore, Ferrari SF1000, al GP di Russia
9/16

Foto di: Giorgio Piola

Testacoda di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Testacoda di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
10/16

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
11/16

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
12/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Testacoda di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Testacoda di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/16

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
14/16

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
15/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
16/16

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Stroll: il problema non è il COVID ma il... mal di pancia

Articolo precedente

Stroll: il problema non è il COVID ma il... mal di pancia

Prossimo Articolo

McLaren: ecco il barge board con le pinnette di squalo

McLaren: ecco il barge board con le pinnette di squalo
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP dell'Eifel
Sotto-evento Gara
Location Nürburgring
Piloti Sebastian Vettel , Charles Leclerc
Team Ferrari
Autore Roberto Chinchero
Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare Prime

Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare

La Mercedes W12 è una monoposto che va ad estremizzare alcuni concetti visti sulla W11 ma anche sulla concorrenza. Gli attenti uomini guidati da James Allison sono andati alla ricerca del carico perduto - per motivi regolamentari - al retrotreno, massimizzando l'effetto Coanda. Ma non solo...

I 10 punti interrogativi sulla stagione 2021 di Formula 1 Prime

I 10 punti interrogativi sulla stagione 2021 di Formula 1

23 gare sono troppe? La Red Bull riuscirà a lottare con la Mercedes? Sainz sarà al livello di Leclerc in Ferrari? Karun Chandhok ha analizzato i 10 punti interrogativi della stagione 2021 di Formula 1.

Formula 1
2 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021
Come i nuovi investitori McLaren hanno già avuto un impatto in F1 Prime

Come i nuovi investitori McLaren hanno già avuto un impatto in F1

L’accordo che McLaren ha concluso l'anno scorso con MSP Sports Capital, che aiuterà il team di Formula 1 a corto di liquidità a pagare per i tanto necessari aggiornamenti delle infrastrutture, punta anche al futuro della Formula 1 stessa, come analizza Stuart Codling di GP Racing.

Formula 1
1 mar 2021
F1 Stories: W01, la prima Mercedes di Schumacher Prime

F1 Stories: W01, la prima Mercedes di Schumacher

La W01 è la monoposto che rappresenta il ritorno della firma Mercedes in Formula 1, un'assenza che perdurava dal lontano 1955. Ma è anche la vettura che accompagna il ritorno della leggenda Schumacher in un campionato del mondo, nel 2010.

Formula 1
1 mar 2021
Verstappen: un basso profilo per sorprendere nel 2021? Prime

Verstappen: un basso profilo per sorprendere nel 2021?

L'olandese non si è voluto sbilanciare in occasione del filming day della Red Bull circa le reali potenzialità della RB16B. Pretattica o forse Max è rimasto scottato troppe volte negli anni passati?

Formula 1
27 feb 2021
Alfa Romeo: si sacrifica il 2021 per puntare tutto sul 2022 Prime

Alfa Romeo: si sacrifica il 2021 per puntare tutto sul 2022

Già dalla presentazione si è capito che l'Alfa Romeo deciderà di sacrificare il 2021 e portare pochi sviluppi per puntare tutto sul 2022 e cercare di risalire la china sfruttando il cambiamento regolamentare.

Formula 1
27 feb 2021
F1 Stories: Da Tyrrell a Mercedes, il filo inglese del destino Prime

F1 Stories: Da Tyrrell a Mercedes, il filo inglese del destino

Cos'hanno in comune la Tyrrell e la Mercedes? Molto più di quel che sembra. Infatti, un semplice cambio di residenza della Casa di Stoccarda, ha generato un filo conduttore tra tante squadre diverse tra loro. Un viaggio nella storia della Formula 1 che parte dagli anni Settanta.

Formula 1
27 feb 2021