F1: McLaren propone il voto segreto per definire le regole

Zak Brown, amministratore delegato di Woking, in una lettera aperta pubblicata sul sito McLaren ha proposto che la F1 passi al voto segreto per liberare i team clienti dall'obbligo di sostenere le linee guida dettate dai Costruttori, contravvenendo anche ai propri interessi. Ma siamo sicuri che con i franchi tiratori cambierebbero le alleanze? Il tema è stato discusso fra i team principal e ci sono visioni piuttosto diverse.

F1: McLaren propone il voto segreto per definire le regole
Carica lettore audio

Nella conferenza stampa dei team principal, tenutasi ieri a Portimao, Zak Brown è voluto tornare su una proposta lanciata giovedì attraverso una lettera aperta pubblicata sul sito della McLaren. L’amministratore delegato della squadra inglese ha sottolineato un aspetto non certo inedito nel contesto della Formula 1, ovvero quello delle alleanze tra alcune squadre, ed in particolare i legami che esistono tra i team ufficiali e quelli che utilizzano la stessa power unit.

“Uno dei principi fondamentali che differenzia la Formula 1 da molte altre categorie del motorsport – ha spiegato Brown – è una concorrenza aperta tra i vari Costruttori presenti nel campionato. Ma nel contesto attuale alcune squadre, quando di tratta di esprimersi nelle sedi in cui vengono definiti i regolamenti tecnici e sportivi, votano seguendo le linee guida del loro team di riferimento (alludendo al legame con le squadre fornitrici di motori)".

"Ci sono stati dei casi in cui un membro di un team, per soddisfare le esigenze del suo partner di riferimento, ha votato provvedimenti che andavano contro i suoi stessi interessi, e questo non mette i fan al primo posto, come dovrebbe essere”.

La proposta di Brown è quella di modificare il sistema di voto nelle riunioni della F1 Commission, passando allo scrutinio segreto. La richiesta è ovviamente legittima, ma di fatto la proposta dell’AD McLaren si scontra con una realtà (quella delle alleanze) presente da decenni in Formula 1 e che difficilmente uno scrutinio segreto riuscirebbe a spezzare.

“In un contesto in cui a votare sono trenta o quaranta aventi diritto – ha commentato un addetto ai lavori – un voto segreto avrebbe senso, ma in Formula 1 ci sono dieci squadre, di cui quattro fornitrici di motori la cui posizione sarebbe nota prima ancora di iniziare a votare. Dando per scontato che ci possa anche essere un franco tiratore, credo che ci si impiegherebbe davvero poco a scoprirlo tra le sei squadre restanti”.

Non è un caso che la proposta arrivi dalla McLaren, squadra abbastanza isolata all’interno della geografia attuale della Formula 1.

Pur utilizzando la power unit Mercedes, la squadra inglese non ha rapporti preferenziali con la squadra campione del mondo come possono vantare Aston Martin e Williams, ed è ovviamente al di fuori da altre cordate come Red Bull-AlphaTauri, e Ferrari-Haas, con Alfa Romeo vincolata un po' meno con Maranello rispetto al team statunitense.

Fuori dai giri c’è anche la Renault, squadra che continua a monitorare il parco squadre attuale nella speranza di tornare ad avere un team clienti, ma al momento senza grandi opportunità.

La proposta è stata accolta senza rimostranze da Ferrari, Mercedes e Alpine, mentre Red Bull, pur dichiarandosi disposta ad accettare la richiesta della McLaren, tramite Christian Horner ha fatto intendere di non gradire molto l’idea.
“Ho sentito parlare di questa proposta – ha confermato Horner – e personalmente penso che sia un peccato dover pensare di ricorrere al un voto segreto per tutelare l’indipendenza dei team. Ma se è quello che ci vuole per consentire ad alcune squadre di liberarsi dalla pressione esercitata da chi fornisce la power unit, non abbiamo un grosso problema nell’accettare la proposta”.

Curiosa la risposa in merito data da Toto Wolff:
“In passato abbiamo visto più volte l’AlphaTauri assumere la stessa posizione della Red Bull, così come la Haas nei confronti di Ferrari, ma nel nostro caso non abbiamo mai cercato di influenzare una squadra. Ovviamente si è discusso quando all’ordine del giorno c’è stato un argomento comune, come nel caso di decisioni legati al motore, ed è chiaro che le squadre votino nei loro interessi comuni. Ritengo l'idea del voto segreto accettabile. Ma dubito che Franz Tost o Gunther Steiner non accetteranno istruzioni…”.

condivisioni
commenti
Docufilm F1: Le testimonianze del Caso Senna
Articolo precedente

Docufilm F1: Le testimonianze del Caso Senna

Prossimo Articolo

Podcast, Bobbi: "SF21, una Ferrari valida ovunque"

Podcast, Bobbi: "SF21, una Ferrari valida ovunque"
Carica commenti
Video | Bandiere: quali sono e come funzionano in F1 Prime

Video | Bandiere: quali sono e come funzionano in F1

Le bandiere in Formula 1 hanno molteplici significati: saperle riconoscere ad un primo sguardo è un requisito fondamentale per ogni pilota degno di questo nome. E voi, sicuri di conoscerle tutte? Scopriamolo insieme in questo nostro video

Formula 1
23 gen 2022
Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!" Prime

Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!"

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare con la lente d'ingrandimento della tecnica la monoposto presentata dal team Haas nella stagione 2021 di Formula 1. Una vettura dalla storia particolare, che è riuscita - nonostante tutto - a limitare i danni...

Formula 1
21 gen 2022
Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica" Prime

Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica"

In attesa delle nuove monoposto, continua l'analisi delle vetture protagoniste della Formula 1 2021. In questo nuovo video di Motorsport.com, la lente d'ingrandimento tecnica di Franco Nugnes e Giorgio Piola è sulla Williams, team che mai come nella passata stagione ha adottato soluzioni inedite...

Formula 1
18 gen 2022
Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero" Prime

Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero"

Alfa Romeo ha investito tutte le proprie risorse in vista della stagione 2022 di Formula 1. Ciononostante, la C41 si è rivelata una monoposto dalla valida base meccanica, come dimostrato tanto da Raikkonen quanto da Giovinazzi, ma carente a livello aerodinamico

Formula 1
16 gen 2022
Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria” Prime

Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria”

Torniamo a parlare dei team di Formula 1 partecipanti alla stagione 2021 e di come si sono evoluti nel corso dell'anno appena trascorso. Ora tocca all'Alpine: la scuderia di Enstone è tornata alla vittoria in Ungheria e a podio in Qatar, sapendo correggere il tiro in corso d'opera

Formula 1
14 gen 2022
Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze” Prime

Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze”

In compagnia di Franco Nugnes, del Dottor Riccardo Ceccarelli e della psicologa Alice Ferrisi di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo ad analizzare e comprendere quelli che sono i comportamenti di un pilota nel suo confronto con i propri limiti

Formula 1
12 gen 2022
Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto" Prime

Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i dettagli tecnici dell'AlphaTauri. Il team di Faenza, giunto sesto in classifica finale dietro all'Alpine, avrebbe meritato di più da questo 2021. Ecco perchè...

Formula 1
11 gen 2022
Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono Prime

Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono

Le penalità in Formula 1 sono tra gli argomenti più discussi dell'ultimo periodo. Spesso e volentieri hanno avuto voce in capitolo per decidere il vincitore di un GP, altre volte addirittura per annullare tutti i punti conquistati in una stagione. Ecco una panoramica approfondita e dettagliata per spiegare chi le commina, perché e di che tipo possono essere

Formula 1
9 gen 2022