Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Formula 1 GP dell'Emilia Romagna

F1 | McLaren: niente strategie azzardate per attaccare Verstappen

La McLaren insiste sul fatto di non voler "lanciare i dadi" con la strategia nel Gran Premio dell'Emilia Romagna di Formula 1 nel tentativo di scalzare Max Verstappen.

Oscar Piastri, McLaren MCL38

La scuderia di Woking è emersa come la più vicina sfidante della Red Bull a Imola, con il suo ritmo che ha suggerito che avesse il potenziale per conquistare la pole position.

Nonostante la sua velocità, le sue possibilità di vittoria contro Verstappen sono state un po' indebolite dalla penalità di tre posizioni in griglia per impeding di Oscar Piastri, che lo ha fatto retrocedere in quinta posizione, ma la McLaren si sente ancora chiaramente in caccia di una vittoria.

Sebbene una strategia ad una sola sosta "medium-hard", su una pista sulla quale i sorpassi sono molto complicati, offra poche opzioni per superare Verstappen in un testa a testa diretto, ciò non significa che non ci siano opzioni strategiche che potrebbero portarla in testa.

Ad esempio, potrebbe rischiare di partire con le morbide per provare a mettersi davanti alla curva 1, o di fare un undercut alla prima sosta per passare in testa. Potrebbe anche ritardare il cambio gomme il più possibile, nella speranza di montare pneumatici più freschi per la corsa verso la bandiera a scacchi. Inoltre, le Safety Car potrebbero anche offrire altre opportunità.

Il team principal della McLaren, Andrea Stella, è però chiaro: qualsiasi cosa faccia nella sua corsa alla gloria non sarà un azzardo.

Quando gli è stato chiesto da Motorsport.com della mentalità della McLaren in vista della gara, Stella ha dichiarato: "Speriamo e vorremmo non trovarci mai nella condizione di dover lanciare i dadi. Cerchiamo di fare delle considerazioni logiche e strategiche per capire qual è l'approccio migliore per massimizzare il risultato".

"Dobbiamo dire che lo spazio per arrivare alla curva 1 qui è uno dei più lunghi della stagione. Quindi non necessariamente la posizione in griglia sarà quella, diciamo, alla fine del primo giro. Vedremo. In generale, ci sono alcune opzioni strategiche perché le gomme dure possono durare relativamente a lungo".

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

"Quindi, ci si può fermare prima, fare un long run e cercare di lavorare con l'undercut. Oppure ci si può fermare più tardi, e quindi si potrebbe dover sorpassare qualcuno, ma con gomme più fresche. Ci sono diverse opzioni. Vedremo. Ma la cosa più importante è avere il passo per essere in condizione di utilizzare queste opzioni".

Il responsabile Pirelli, Mario Isola, ritiene che la temperatura potrebbe essere determinante per lo svolgimento della gara: più freddo farà, meno potente sarà l'undercut.

"Se fa caldo, non vedo alcun problema nel riscaldamento delle dure e l'undercut potrebbe essere potente", ha detto. "Se invece le temperature sono molto più fresche, ovviamente la dura farà un po' fatica a scaldarsi".

Domandandogli se ritiene che la McLaren abbia la possibilità di giocare d'azzardo e di fare qualcosa di inaspettato, Isola ha risposto: "È difficile avere un'opzione strategica che cambi completamente la situazione qui. In altre gare abbiamo avuto più variabili e quindi è stato più facile inventare qualcosa".

"Ma in ogni caso, credo che siano tutti molto vicini, con vetture a meno di un decimo di secondo. E questo significa che vedremo sicuramente tanta azione durante la gara. Avremo una gara interessante nonostante l'unico pit stop".

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Isola però non crede che per la McLaren valga la pena di rischiare le gomme soft al via per provare a saltare davanti a Verstappen.

"Se si vuole rischiare e partire con le soft solo per saltare davanti alla prima curva e cercare di mantenere la posizione", ha detto. "Non sono sicuro che sia un grande vantaggio. Sappiamo che la differenza in termini di metri guadagnati tra le morbide e le medie è minima, e poi dipende anche dal modo in cui il pilota parte".

"Sappiamo che Max è molto bravo in ogni partenza, quindi credo che se si tenta di partire con le morbide per cercare di sorpassare all'inizio, e non si riesce, si può danneggiare un po' la propria gara. Personalmente, non è una cosa che proverei".

Anche perché la McLaren non vuole pianificare la sua gara pensando solo allo scontro con Verstappen, ma vuole anche osservare cosa accade alle sue spalle.

"Penso ancora che la Ferrari sia molto competitiva", ha detto Stella. "Alcuni tempi sul giro, in particolare quello realizzato da Leclerc nelle prove libere nel suo long run, sono stati davvero impressionanti rispetto ai nostri".

"Quindi, se si concretizzeranno quei tempi sul giro, non dovremo guardare solo a Verstappen. Dovremo sicuramente pensare anche alle Ferrari", ha concluso.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Racing Bulls: a Imola la prima doppia Q3 con un super Tsunoda
Prossimo Articolo F1 | Aston: Alonso partirà dalla pit lane dopo un cambio di setup

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia