F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

McLaren: funziona il nuovo pacchetto aerodinamico!

Lando Norris ha destato un'ottima impressione con la MCL35 M dotata di una nuova ala anteriore, di modifiche al fondo e alle brake duct posteriori. L'inglese ha centrato un ottimo quarto tempo nella prima sessione di prove libere del GP di Spagna, segno che il pacchetto portato da James Key funziona.

McLaren: funziona il nuovo pacchetto aerodinamico!

La McLaren ha portato a Barcellona un nuovo pacchetto aerodinamico che è stato provato da Lando Norris nella prima sessione di prove libere del GP di Spagna. A giudicare dalle prestazioni del pilota inglese c’è da credere che le modifiche rappresentino un significativo passo in avanti, visto che Lando si è inserito al quarto posto nella tabella dei tempi.

McLaren MCL35M dettaglio della nuova ala anteriore

McLaren MCL35M dettaglio della nuova ala anteriore

Photo by: Giorgio Piola

Le novità riguardano un po’ tutte le aree della MCL35 M: nell’anteriore non poteva sfuggire la nuova ala che è stata cosparsa di vernice verde flo viz utile alla visualizzazione dei flussi. La maggiore diversità si è osservata nel profilo principale che mantiene un andamento rettilineo in prossimità della parte centrale, mentre assume una forma ad ala di gabbiano verso la paratia laterale.

E, rispetto alla versione precedente, non si registra una curvatura verso il basso ma si attacca alla bandella laterale più in alto del solito. Sono stati rivisti anche i flap aggiuntivi e in particolare l’ultimo non ha più una forma convessa ma concava per ridurne leggermente la corda.

Il retrotreno della McLaren MCL35M di Daniel Ricciardo che ha mantenuto il fondo senza i flap nella zona a Z

Il retrotreno della McLaren MCL35M di Daniel Ricciardo che ha mantenuto il fondo senza i flap nella zona a Z

Photo by: Giorgio Piola

Nella parte centrale della vettura di Lando ci sono due deviatori di flusso laddove il fondo ha la forma a Z. Si tratta di due flap arcuati che hanno la funzione di deviare l’aria all’esterno della ruota posteriore, onde permettere poco dietro al flusso di infilarsi nello scalino per generare la “minigonna pneumatica” che serve a sigillare il pavimento alla pista, aumentando il carico del corpo vettura. Daniel Ricciardo, invece, ha fatto una prova comparativa con la versione tradizionale, sopra.

McLaren MCL35M: ecco le nuove alette delle brake duct posteriori e il diffusore posteriore

McLaren MCL35M: ecco le nuove alette delle brake duct posteriori e il diffusore posteriore

Photo by: Giorgio Piola

Anche nel posteriore ci sono degli aggiornamenti per quanto poco visibili: la brake duct, infatti, sembra disporre di un maggior numero di flap nella parte inferiore, onde consentire una migliore espansione dell’aria che lambisce il diffusore.

condivisioni
commenti
LIVE Formula 1, Gran Premio di Spagna: Libere 2

Articolo precedente

LIVE Formula 1, Gran Premio di Spagna: Libere 2

Prossimo Articolo

F1: i dati finanziari migliorano dopo un 2020 disastroso

F1: i dati finanziari migliorano dopo un 2020 disastroso
Carica commenti
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021
Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato" Prime

Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato"

Il Gran Premio della Turchia ha messo alla prova le qualità di guida dei piloti e la loro sensibilità in condizioni di difficile lettura. Lewis Hamilton, tentando l'azzardo, avrebbe optato per le gomme slick al pit-stop, ma dal box hanno preferito andare sul sicuro. C'è un mondiale in palio, ogni punto conta

Formula 1
11 ott 2021