Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Intervista
Formula 1 GP di Miami

F1 | Max punta a vincere: "RB20 migliorata, ora è più prevedibile"

Verstappen fa sei su sei in questo inizio di campionato e porta la sua RB20 ancora una volta in pole position. L'olandese non ha nascosto quanto sia stato difficile mettere insieme un giro qui a Miami date la complessità nel tenere vive le gomme per tutta la tornata, ma crede che le modifiche di setup possano fare la differenza anche per la gara.

Max Verstappen, Red Bull Racing, festeggia in parco chiuso

Sesta pole su sei appuntamenti, a cui va aggiunta quella ottenuta ieri nella sprint qualifying. Contando però solo le qualifiche “tradizionali”, per ora quello dell’olandese è un bottino pieno nel corso di questa stagione.

Tuttavia, quella di Miami non è stata una pole semplice da aggiungere alla collezione, dato che alcuni elementi hanno reso ancor più difficile riuscire a mettere insieme tutti i vari pezzi del puzzle. Con quasi 50°C d’asfalto, era semplice surriscaldare la mescola più morbida, come ha compreso lo stesso Verstappen in FP1, quando non gli è bastato un passaggio percorso a bassa velocità per raffreddare a sufficienza le coperture dopo aver abortito il primo tentativo.

Difficoltà poi riproposte non solo ieri durante la qualifica breve, ma anche oggi, tanto che nell’ultimo tentativo della Q3 quasi nessun pilota è stato in grado di migliorare il proprio tempo ottenuto nel primo run, eccezion fatta per Lewis Hamilton.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB20

Max Verstappen, Red Bull Racing RB20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

L’aspetto più importante, però, riguarda i miglioramenti apportati sulla vettura tra gli eventi della sprint e quelli “tradizionali”. Un’opportunità unica, che permette di sfruttare al meglio i dati ricavati dalla sprint per affinare ulteriormente il setup, aspetto essenziale per l’olandese, che non aveva riscontrato un gran feeling né sul giro secco né sulla lunga distanza.

“Credo che abbiamo migliorato un po' la macchina. Ma ogni anno che veniamo qui trovo estremamente difficile trovare una certa costanza con la macchina, sentire al meglio le gomme, sentirle su un giro. È difficilissimo fare in modo che, ad esempio, il primo settore sia buono e il terzo, alla fine del giro, sia altrettanto consistente, è incredibilmente difficile”, ha raccontato il tre volte campione del mondo.

“Anche oggi si trattava di trovare un buon equilibrio durante il giro. Penso che sia andata bene, ma non è stato il giro più divertente della mia carriera per via della scivolosità e della scarsa confidenza con la pista, ma siamo in pole position e questo è l'aspetto più importante”.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB20

Max Verstappen, Red Bull Racing RB20

Foto di: Erik Junius

Indubbiamente queste prime due giornate non sono state così “lineari” come quelle della sprint in Cina, date le maggiori difficoltà nella ricerca dell’assetto, ma Verstappen crede che il team sia stato in grado di fare dei passi in avanti nella gestione delle gomme anche in ottica gara: “Sicuramente ora sento l’auto un po’ più sotto controllo, cosa che cercavo. Speriamo che questo ci aiuti domani, ma lo scopriremo”.

Un tema importante sarà però quello di sistemare la partenza, oggi tutt’altro che ideale dal lato pulito della griglia: la prontezza di riflessi nel chiudere ha evitato un tentativo di sorpasso da parte di Leclerc, ma è chiaro che si tratta di un aspetto che il team ha già affrontato per evitare di commettere il medesimo errore: “Credo che sappiamo cosa abbiamo sbagliato e cosa ho sbagliato anch'io. Quindi sono sicuro che, se faccio le cose correttamente, e siamo molto bravi nel gestire le partenze come si è visto in passato, normalmente dovrebbe andare tutto bene”.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Vasseur: "C'è rammarico, volevamo la pole. Domani fondamentale il DRS"
Prossimo Articolo F1 | La Ferrari crede nel "due contro uno" per provare a sfidare Max

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia