F1: Masi spiega i 10 secondi di penalità inflitti a Hamilton

Il direttore di gara della F1 Michael Masi ha spiegato la penalità inflitta a Hamilton nel corso del GP di Gran Bretagna, ma anche il motivo per cui è stata esposta la bandiera rossa dopo l'incidente di Verstappen alla Copse.

F1: Masi spiega i 10 secondi di penalità inflitti a Hamilton

Il Gran Premio di Gran Bretagna 2021 sarà certamente ricordato come un punto spartiacque del duello tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Quanto accaduto al primo giro, alla curva Copse, lascerà strascichi inevitabili dal punto di vista sportivo.

Poche ore dopo la fine della gara, il direttore di gara della F1 Michael Masi ha parlato dell'accaduto e, più nel dettaglio, del provvedimento preso dai commissari di gara nei confronti di Lewis Hamilton.

Stiamo parlando dei 10" di penalità inflitti al 7 volte iridato in seguito alla collisione tra Hamilton e Verstappen alla Copse. "Non so se i commissari di gara abbiano espresso un parere su ciò che avrebbe dovuto fare Lewis, ma penso che avendo esaminato tutto, il loro punto di vista fosse che la colpa fosse prevalentemente sua".

"Non ho avuto l'opportunità di leggere completamente il provvedimento, perché ho dovuto fare un sacco di altre cose, ma per gran parte era simile a ciò che è successo con Leclerc a fine gara".

A questo punto, Masi è entrato più nel dettaglio e ha sottolineato come Hamilton abbia ricevuto la penalità per essere stato molto distante dal cordolo e dietro alla Red Bull dell'olandese.

"Con Leclerc, Hamilton è riuscito a stare vicino al cordolo, cosa che invece non è riuscito a fare con Verstappen e penso che sia stato quello il motivo del provvedimento nei confronti di Hamilton".

"Lewis non è stato visto come unico colpevole, ma come colpevole principale perché avrebbe potuto restare più vicino al cordolo ed essere più avanti rispetto a dove si è trovato al momento del contatto. Se avesse fatto così, forse avrebbe potuto cambiare l'esito di quella curva. Ma non lo sappiamo. Giudichiamo su quanto è accaduto".

I perché della bandiera rossa

Il direttore di gara della F1 ha anche spiegato la scelta di esporre la bandiera rossa dopo l'incidente dell'olandese della Red Bull. In diretta sembrava piuttosto difficile comprendere la lentezza dei commissari nel rimuovere la RB16 numero 33, ma la spiegazione di Masi ha fatto chiarezza anche a tal riguardo.

"La bandiera rossa è stata esposta fondamentalmente per riparare la barriera, la parte principale. Quindi c'erano 2 elementi. Uno è stato l'incidente di Max, che ha perso i dati della telemetria perché è stato molto forte. Né la FIA, né il team potevano confermare lo stato dell?ERC. Quindi, anche se la luce era verde, abbiamo operato con un approccio molto cauto per far uscire il pilota e recuperare la monoposto".

"Poi, a seguire, c'è stata l'ovvia riparazione delle barriere che doveva essere fatta. Quindi la bandiera rossa è stata un beneficio per tutti. Alla fine è stato lo strumento perfetto per quella circostanza".

condivisioni
commenti
GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis
Articolo precedente

GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis

Prossimo Articolo

F1 2022 con più sorpassi? Ecco i dubbi della Ferrari

F1 2022 con più sorpassi? Ecco i dubbi della Ferrari
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021